PETRALIA GAETANO

<

PETRALIA GAETANO



CERCU

CUNTIPLANNU LA NATURA

L'IRA DI MUINGIBEDDU

LAMENTU DI SICILIA

PALISTINA

PARADISI SENZA DUMANI

QUATRI DI PRIMAVERA

SONU DI VIULINU

SUTTA LA CRUCI DI LI ME PINZERI

VECCHIA FUNTANA CIFALOTA

VITA DI CAMPAGNOLU

Gaetano Petralia  è tra gli ultimi poeti popolari dialettali della cosiddetta “vecchia guardia” rimasti ancora in auge. La folta schiera di questi poeti alla quale egli appartenne, col tempo è andata via via assottigliandosi. Ciò che di essi oggi rimane, è la ricca aneddotica basata sulla estemporaneità dei versi e le sfide incrociate condotte a suon di rime. Tra i suoi maestri, i poeti Titta Abbadessa, Neddu Bruca, Gaetano Benessere e Nino Bulla. Dalle tradizioni campagnole agli argomenti più frivoli passando per quelli di grande attualità, la poetica di Petralia ha avuto come denominatore comune la quotidianità. Da qui il desiderio di raccontare e raccontarsi. La povertà, il duro lavoro nei campi, anziché prostrarlo ne hanno affinato le doti emotive e fatto apprezzare il valore della vita: “ La vita è bedda, veramenti bedda,/ picchì ni duna gioi e filicità,/ macari siddu è sparsa di duluri/ è sempri bedda,pi la virità(…).(La vita è bedda). “La poesia di Petralia ha percorso un fecondo cammino evolutivo-puntualizza Alfio Patti-che l’ha resa sempre più genuina e accattivante”.Facendo riferimento al volumetto oggetto dell’incontro,gli oratori ne sottolineano la semplicità del linguaggio e la ricchezza dei vocaboli. “L’ultimi vamparigghi” e’ l’ottava fatica letteraria di questo ultraottantenne autore che continua ancora a stupire vincendo concorsi letterari, frequentando circoli per recitare versi tutti “a memoria”.“Nelle sue liriche-sottolinea Privitera-ci troviamo l’endecasillabo, le ottave ed i sonetti, tradizionali forme metriche ormai raramente applicate”. Per Ninni Magrì autore della prefazione, “Petralia si rivela scrigno prezioso poiché conserva e custodisce nelle sue poesie le nostre radici”. I suoni onomatopeici di un tempo riecheggiano in molti dei suoi componimenti: “’N munzeddu du’ sordiiii,/ arricialativi ‘u cori,/ frischi e duci su’ ‘sti bastarduniiii,/ frischi e duciii suuu’….(Decianni). Non mancano i riferimenti nostalgici in relazione al tempo trascorso: “Lu tempu comu nenti va vulannu/purtannusi d’appressu l’anni mei,/ ogni annu ‘na fogghia va cascannu/ di starvulu c’ammacia li so’prei.(Sirinata di l’anni mei).

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

<

CERCU

PETRALIA GAETANO
 
 

 

 
 
     
CERCU
Gaetano Petralia
Cercu 'na casa vascia sularina
supra d’un munti ammenzu a li ruccuna,
unni natura canta e va sciurrina
'nnacata di lu ventu 'na canzuna.
Sulu, luntanu di parenti e amici
m’assapurassi chidda scena magna,
cu la mè Musa ca mi binidici
e 'nta dda funna paci m’accumpagna.
Unni lu suli chinu di sbramuri
com’è ca spunta vasa la mè frunti,
e stenni luci a li campagni e ciuri
furmannu ‘n quatru senza mai cunfrunti.
Abbrazzannu cu l’occhi la natura
mi sintissi com’essiri rinatu,
vasatu di lu ventu e la furura (1)
e di l’intimità di lu Criatu
Quannu scinni la sira e l'arvuliddi
vanu vagannu unni va lu ventu,
v’aju parrannu ccu la luna e stiddi
e a li biddizzi di lu firmamentu.
Nta la casuzza fussi lu mè stari,
scurdassi li tristizzi di lu munnu
putiri a nova vita riturnari
c’ammenzu di la fudda mi cunfunnu.
(1) quando soffia un lieve venticello                                                              
CERCO
Cerco una casa bassa solitaria
su di un monte in mezzo alle rocche,
dove natura canta e va liberando (sfogando) cullata dal vento una canzone.
Solo, lontano di parenti e amici
assaporando quella immensa scena,
con la mia Musa che mi benedice
e in quella pace profonda m’accompagna.
Dove il sole col magico splendore
come spunta bacia la mia fronde,
e stende luce alle campagne e fiori
formando un quadro senza mai confronti.
Abbracciando con gli occhi la natura
mi sento com’essere rinato,
baciato del vento tiepido
e della intensità del Creato .
Quando scende la sera e gli alberelli
vanno vagando dove va il vento,
vado parlando con la luna e stelle
e alle bellezze del firmamento.
In quella casetta sarebbe il mio stare (posto) scorderei le tristezze del mondo,
potere a nuova vita ritornare
che in mezzo della folla mi sento confuso.

 

 

 

 

 

 

 

 

<

L'IRA DI MUNGIBEDDU

PETRALIA GAETANO

 

 
     
L'IRA DI MUNGIBEDDU
Mungibeddu agghiurnau 'sta matina
comu 'n giganti feru e scatinatu,
dintra e fora li viscirì scatina
prisagì ca ti fermunu lu ciatu.
'Nfocu di lava forma 'na catina
'n celu 'n granni pìnnacchiu affumazzatu,
e 'nta l'assemi casca tanta rina
ca tanti cosi beddi ha ruvinatu.
Pi lu viddanu è 'na gran mazziata,
lu so ' ricotu si 'nni va ' in ruvina
e appizza lu travagghiu di l'annata.
Ma puru si è scuntrusu e fa l'ingratu
pi tutti li biddizzi naturali
merita certu d'essiri vardatu.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

<

CUNTIPLANNU LA NATURA

PETRALIA GAETANO
 

 

 
 
     
CUNTIPLANNU LA NATURA
Quantu fu granni l'essiri divinu
quannu ci desi vita a lu criatu,
ca si lu guardi 'ntrignu di cuntinu
l'occhiu ti resta fermu 'ncatinatu.
lu magicu risviggliu a lu matinu,
la luna ca lu celu ha rraccamatu
e lu suli ca cala ccu 'n fistinu
nna lu tramuntu tuttu culuratu.
Li vaddi, li muntagni, li chianuri,
lu virdi di li ciuri dilicati,
l'arvuli 'n primavera misi 'n ciuri
purtaturi di frutti prelibati;
L'acèdddi comu vati cantaturi,
surgenti d'acqua e ciumi inargintati
portanu rifrigeriu di friscuri
a l'arvuli e li pasculi assitati.
Lu mari azzurru ccu lu sò splinnuri,
friddu, caluri, ventu e timpurali
l'arcubalenu 'ccu li sò culuri
ammustrunu lu quatru universali.
Chista è la forza di lu Ridinturi,
la saguma divina e naturali
e nna lu munnu non ci su pitturi
capaci a fari sti biddizzi uguali.                                                                      

CONTEMPLANDO LA NATURA
Che cosa vera e immensa ha fatto Dio quando diede vita al creato,
che se lo guardi intenso di continuo
l'occhio ti resta come incatenato.
Il magico risveglio del mattino,
la luna con un cielo ricamato
il sole che tramonta festoso
di un rosso stupendo colorato.
Le valli, le montagne, le pianure
il profumo dei fiori delicati,
gli alberi in primavera tutti in fiore
nettare di frutti prelibati;
gli uccelli, con canti ammaliatori,
sorgenti d'acqua e fiumi argentati
portano refrigerio e frescure
agli alberi e pascoli assetati.
Il mare azzurro tutto uno splendore,
freddo, calore, vento e temporali
l'arcobaleno con i suoi colori
sigillo di un quadro universale.
Questa è la bellezza del creato
una sagoma perfetta e naturale
e non esiste mai un pittore
capace a fare una bellezza uguale

 

 

 

 

 

 

 

 

<

LAMENTU DI SICILIA

PETRALIA GAETANO
 
 

 

 
 
    
LAMENTU DI SICILIA
Comu assitatu
d'acqua di surgenti,
staju attaccatu a frinzi di spiranzi,
pi tia, Sicilia,
ca dirisa e abbannunata
ammucci dignitusa li stimmati
di lu tò calvariu di spini.
Rumpi li catini,
ca comu chiova azziccati
ti linziinu li carni.
Genti senza scrupuli,
surdi a li bisogni,
mi ficiru di 'n tempiu d'amuri
'n tiatru di traggerii e ruvini.
Dicci: ca unni ci su rivugghi di Sicilia
c'è sangu ca scurri ntrà li vini,
ci sunu vrazza forti pi luttari
e puru nna li misiri bisogni,
la terra so' la sannu ancora amari.
Dicci: ca unni c'è terra margia d'ammanzari
unni ci su muntagni di scavari,
e unni la vita è dura pi gudiri
ci sunu figghi toi,
ca vanu circannu,
'na scarda di beni,
ca li visciri toi
non pottunu chiù dari.
Risvigghiti, Sicilia,
isa la testa
e dicci, ca non si sulu
cantu di lupara,
ccu coppuli storti
ca sputunu vilenu.
Dicci, ca si 'n paradisu eternu,
unni lu suli tessi fili d'oru,
unni lu mari accarizza li rivi,
unni lu sonu di lu marranzanu
raccama lu so' cantu ccu la luna.
E iù, divotu figghiu to,
supra 'n cuscinu di spini,
aspettu di riviviri
acqua nova di limpia surgenti,
p'ammanzari st'arsura
ca mi perda l'anima e lu cori.
Risvigghiti, Sicilia,
riduna la to' luci p'aviri li to' figghi
chiù luminusu ancora lu dumani
e li spiranzi mei,
truvari finalmente lu rizzettu.                                                                                                                                           
LAMENTO DI SICILIA
Come assetato
d'acqua di sorgente,
sto attaccato a tante speranze
per te, Sicilia,
che derisa ed abbandonata
nascondi le stimmate
del tuo calvario di spine.
Rompi le catene
che come chiodi conficcati
ti lacerano le carni.
Persone senza scrupoli,
sordi ai bisogni,
mi hanno fatto di un tempio d'amore
un teatro di tragedie e rovine.
Dicci: che dove ci sono gente di Sicilia che non trovano lavoro c'è sangue che scorre tra le vene, ci sono braccia forti per lottare
e pure nei miseri bisogni
la terra propria la sanno amare.
Dicci: dove c'è terra incolta
dove ci sono montagne da scavare,
e dove la vita è dura per godere
ci sono figli tuoi,
che vanno cercando
una pochino di bene,
che le tue viscere
non hanno potuto più dare.
Risvegliati, Sicilia,
alza la testa
e dicci, che non è solo
canto di lupara,
con coppole storte (mafiosi)
che sputano veleno.
Dicci, che sei un paradiso eterno,
dove il sole tesse fili d'oro,
dove il mare accarezza le sue rive,
dove il suono del marranzano
ricama il suo canto con la luna.
Ed io, devoto figlio tuo,
sopra un cuscino di spine,
aspetto di bere di nuovo
acqua nuova di limpida sorgente,
per ammansire quest'arsura
che mi rovina l'anima ed il cuore.
Risvegliati, Sicilia,
ridona la tua luce per dare ai tuoi figli
ancora più luminoso il domani
e le speranze mie
trovare così finalmente la pace

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 170 visitatori e nessun utente online