<

LAMENTU DI SICILIA

PETRALIA GAETANO
 
 

 

 
 
    
LAMENTU DI SICILIA
Comu assitatu
d'acqua di surgenti,
staju attaccatu a frinzi di spiranzi,
pi tia, Sicilia,
ca dirisa e abbannunata
ammucci dignitusa li stimmati
di lu tò calvariu di spini.
Rumpi li catini,
ca comu chiova azziccati
ti linziinu li carni.
Genti senza scrupuli,
surdi a li bisogni,
mi ficiru di 'n tempiu d'amuri
'n tiatru di traggerii e ruvini.
Dicci: ca unni ci su rivugghi di Sicilia
c'è sangu ca scurri ntrà li vini,
ci sunu vrazza forti pi luttari
e puru nna li misiri bisogni,
la terra so' la sannu ancora amari.
Dicci: ca unni c'è terra margia d'ammanzari
unni ci su muntagni di scavari,
e unni la vita è dura pi gudiri
ci sunu figghi toi,
ca vanu circannu,
'na scarda di beni,
ca li visciri toi
non pottunu chiù dari.
Risvigghiti, Sicilia,
isa la testa
e dicci, ca non si sulu
cantu di lupara,
ccu coppuli storti
ca sputunu vilenu.
Dicci, ca si 'n paradisu eternu,
unni lu suli tessi fili d'oru,
unni lu mari accarizza li rivi,
unni lu sonu di lu marranzanu
raccama lu so' cantu ccu la luna.
E iù, divotu figghiu to,
supra 'n cuscinu di spini,
aspettu di riviviri
acqua nova di limpia surgenti,
p'ammanzari st'arsura
ca mi perda l'anima e lu cori.
Risvigghiti, Sicilia,
riduna la to' luci p'aviri li to' figghi
chiù luminusu ancora lu dumani
e li spiranzi mei,
truvari finalmente lu rizzettu.                                                                                                                                           
LAMENTO DI SICILIA
Come assetato
d'acqua di sorgente,
sto attaccato a tante speranze
per te, Sicilia,
che derisa ed abbandonata
nascondi le stimmate
del tuo calvario di spine.
Rompi le catene
che come chiodi conficcati
ti lacerano le carni.
Persone senza scrupoli,
sordi ai bisogni,
mi hanno fatto di un tempio d'amore
un teatro di tragedie e rovine.
Dicci: che dove ci sono gente di Sicilia che non trovano lavoro c'è sangue che scorre tra le vene, ci sono braccia forti per lottare
e pure nei miseri bisogni
la terra propria la sanno amare.
Dicci: dove c'è terra incolta
dove ci sono montagne da scavare,
e dove la vita è dura per godere
ci sono figli tuoi,
che vanno cercando
una pochino di bene,
che le tue viscere
non hanno potuto più dare.
Risvegliati, Sicilia,
alza la testa
e dicci, che non è solo
canto di lupara,
con coppole storte (mafiosi)
che sputano veleno.
Dicci, che sei un paradiso eterno,
dove il sole tesse fili d'oro,
dove il mare accarezza le sue rive,
dove il suono del marranzano
ricama il suo canto con la luna.
Ed io, devoto figlio tuo,
sopra un cuscino di spine,
aspetto di bere di nuovo
acqua nuova di limpida sorgente,
per ammansire quest'arsura
che mi rovina l'anima ed il cuore.
Risvegliati, Sicilia,
ridona la tua luce per dare ai tuoi figli
ancora più luminoso il domani
e le speranze mie
trovare così finalmente la pace

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 148 visitatori e nessun utente online