<

SUTTA LA CRUCI DI LI ME PINZERA

PETRALIA GAETANO
 
 

 

 
 
    
SUTTA LA CRUCI DI LI ME' PINZERI

'Ssittatu sutta 'n arvulu ummarusu
staju sularinu ccu li me' pinzeri,
la menti stanca, lu sensu cunfusu
sfìlannu cunti di tant'anni arreri.
Ripensu l'anni mei, li me' trisori
ca la natura mi detti pi dota,
e scinni la tristizza 'nta lu cori
ca fineru li tempi di na vota
quann'è ca picciutteddu spinsiratu
pari lu munnu appartinissi a mia,
di li me' forzi priviligiatu
mi sinteva 'n pileri a la campìa
tistimoni ni su' li vrazza mei,
terri 'mprignati di lu me' suduri,
ma ricivii 'n cumpensu tanti prei
c'ancora oggi mi dununu onuri.
Codda lu suli, e mancu mi 'n'addugnu
ca lu scuru va' stringi li so' denti
mi vaju dumannannu e mi 'ncutugnu
'rredi la scia di li sintimenti.
Pigghiu la strata di lu me' ritornu
ccu 'n cori amaru ca mi sfilazzìa
e a passu lentu salutu lu jornu
strittu ammantatu di malincunìa.              


SOTTO LA CROCE DEI MIEI PENSIERI

Seduto sotto un albero ombroso
sto solitario con i miei pensieri,
la mente stanca, il senso confuso
sfilando racconti di tanti anni addietro.
Ripenso gli anni miei, i miei tesori
che la natura mi diede per dote
e scende la tristezza sul cuore
che sono finiti i tempi d'una volta
quand'è che giovinetto spensierato
pareva il mondo appartenesse a me,
delle mie forze privilegiato
mi sentivo un pilastro alla campagna
testimoni ne sono le braccia mie,
terre impregnate del mio sudore,
ma ricevetti in compenso tante gioie
che ancora oggi mi donano onore .
Tramonta il sole, e manco me ne accorgo
che il buio va' stringe i suoi denti
mi vado domandando e mi amareggio
addietro la scia dei sentimenti .
Piglio la strada del mio ritorno
con un cuore amaro che mi sfilaccia,
e a passo lento saluto il giorno
stretto ammantato di malinconia .

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 35 visitatori e nessun utente online