<

PARADISI SENZA DUMANI

PETRALIA GAETANO
 

 

 
 
     
PARADISI SENZA DUMANI
Gaetano Petralia
Cu ' s'allammica p 'avìrì la vita
e cu ' ci l'havi joca cu la morti.
Mi venì spissi voti di vardari
vaneddì senza luci,
unni duri di giuvintù
pileri senza macula
si strudunu la vita,
si percinu la carni
bruciunu l'anni soi .
senza sapiri
ca morunu ogni ghiornu
mentri la so' esistenza
appisa comu lami di cutedda
si strudi e s'assuttigghia.
Affascinati d'orizzonti novi,
paradisi spiranti
non sannu ca pi ìddi
non c'è nuddu dumani.
Viti pirduti, giuvintù bruciata
cosi ca all'omu lu rennunu schiavu
Ccussì è lu munnu;
Cu ' s'allammica p 'aviri la vita
e cu ' ci l'havì joca cu la morti.
       

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 209 visitatori e nessun utente online