<

CERCU

PETRALIA GAETANO
 
 

 

 
 
     
CERCU
Gaetano Petralia
Cercu 'na casa vascia sularina
supra d’un munti ammenzu a li ruccuna,
unni natura canta e va sciurrina
'nnacata di lu ventu 'na canzuna.
Sulu, luntanu di parenti e amici
m’assapurassi chidda scena magna,
cu la mè Musa ca mi binidici
e 'nta dda funna paci m’accumpagna.
Unni lu suli chinu di sbramuri
com’è ca spunta vasa la mè frunti,
e stenni luci a li campagni e ciuri
furmannu ‘n quatru senza mai cunfrunti.
Abbrazzannu cu l’occhi la natura
mi sintissi com’essiri rinatu,
vasatu di lu ventu e la furura (1)
e di l’intimità di lu Criatu
Quannu scinni la sira e l'arvuliddi
vanu vagannu unni va lu ventu,
v’aju parrannu ccu la luna e stiddi
e a li biddizzi di lu firmamentu.
Nta la casuzza fussi lu mè stari,
scurdassi li tristizzi di lu munnu
putiri a nova vita riturnari
c’ammenzu di la fudda mi cunfunnu.
(1) quando soffia un lieve venticello                                                              
CERCO
Cerco una casa bassa solitaria
su di un monte in mezzo alle rocche,
dove natura canta e va liberando (sfogando) cullata dal vento una canzone.
Solo, lontano di parenti e amici
assaporando quella immensa scena,
con la mia Musa che mi benedice
e in quella pace profonda m’accompagna.
Dove il sole col magico splendore
come spunta bacia la mia fronde,
e stende luce alle campagne e fiori
formando un quadro senza mai confronti.
Abbracciando con gli occhi la natura
mi sento com’essere rinato,
baciato del vento tiepido
e della intensità del Creato .
Quando scende la sera e gli alberelli
vanno vagando dove va il vento,
vado parlando con la luna e stelle
e alle bellezze del firmamento.
In quella casetta sarebbe il mio stare (posto) scorderei le tristezze del mondo,
potere a nuova vita ritornare
che in mezzo della folla mi sento confuso.

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 113 visitatori e nessun utente online