<

CUNTIPLANNU LA NATURA

PETRALIA GAETANO
 

 

 
 
     
CUNTIPLANNU LA NATURA
Quantu fu granni l'essiri divinu
quannu ci desi vita a lu criatu,
ca si lu guardi 'ntrignu di cuntinu
l'occhiu ti resta fermu 'ncatinatu.
lu magicu risviggliu a lu matinu,
la luna ca lu celu ha rraccamatu
e lu suli ca cala ccu 'n fistinu
nna lu tramuntu tuttu culuratu.
Li vaddi, li muntagni, li chianuri,
lu virdi di li ciuri dilicati,
l'arvuli 'n primavera misi 'n ciuri
purtaturi di frutti prelibati;
L'acèdddi comu vati cantaturi,
surgenti d'acqua e ciumi inargintati
portanu rifrigeriu di friscuri
a l'arvuli e li pasculi assitati.
Lu mari azzurru ccu lu sò splinnuri,
friddu, caluri, ventu e timpurali
l'arcubalenu 'ccu li sò culuri
ammustrunu lu quatru universali.
Chista è la forza di lu Ridinturi,
la saguma divina e naturali
e nna lu munnu non ci su pitturi
capaci a fari sti biddizzi uguali.                                                                      

CONTEMPLANDO LA NATURA
Che cosa vera e immensa ha fatto Dio quando diede vita al creato,
che se lo guardi intenso di continuo
l'occhio ti resta come incatenato.
Il magico risveglio del mattino,
la luna con un cielo ricamato
il sole che tramonta festoso
di un rosso stupendo colorato.
Le valli, le montagne, le pianure
il profumo dei fiori delicati,
gli alberi in primavera tutti in fiore
nettare di frutti prelibati;
gli uccelli, con canti ammaliatori,
sorgenti d'acqua e fiumi argentati
portano refrigerio e frescure
agli alberi e pascoli assetati.
Il mare azzurro tutto uno splendore,
freddo, calore, vento e temporali
l'arcobaleno con i suoi colori
sigillo di un quadro universale.
Questa è la bellezza del creato
una sagoma perfetta e naturale
e non esiste mai un pittore
capace a fare una bellezza uguale

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 327 visitatori e nessun utente online