GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 112 visitatori e nessun utente online

MARINO NINO

 

NINO MARINO

 

POESIE

FAVULA PI LI GRANNI E LI NICHI

 

IU SUGNU LATRU

LA PRUCISSIONI

 

LU ME CANTU

LU SCIOFFERRU E LU PRIURI

 

LU MURTICEDDU

 

O CAMPUSANTU

PRIJERA

RAGGIU DI SULI

 

PASSARIDDUZZU

POVIRU CANI

 

QUANNU SUGNU PAPÀ

SI NASCIU ARRERI

 

SUNETTU FRANCISCANU

TEMPU DI SDILLUVIU

 

VOGLIU ARRICCHIRI

 

da "Libriceddu du paisi" a cura di Calogero Carità 
Nino Marino, profondamente legato ai poveri, di cui denuncia la dolorosa condizione sociale, tristemente crucciato dalla miseria di Licata, si accostò alla poesia ancora giovanissimo. A vent'anni pubblicò «Robba di chiova», una raccolta di rime sotto lo pseudonimo di Aonin Marienco. Al 1921 risale «Ciuciuliu».
Collaborò a diverse riviste, fra le quali è opportuno ricordare «La Lucerna», «Dialetti d'Italia», «Voci dialettali», «Convivio Letterario» (diretto da Luigi Russo), mentre partecipò alla compilazione, per i vocaboli caratteristici del vernacolo licatese, del «Grande Vocabolario Siciliano» a cura del prof. Giorgio Piccitto, ordinario di glottologia all'Università di Palermo.
Numerose sue composizioni apparvero pure in diverse antologie. Citiamo ad esempio «I poeti dell'Etna», «Le più belle poesie del 2° Novecento», «I migliori poeti contemporanei», «I cento poeti di oggi», «I poeti e le poesie» in onore di Domenico Tempio nei 150° anniversario della scomparsa (1821-1971).
La critica non mancò di riconoscere le qualità poetiche di Nino Marino che si meritò numerosissimi premi. E per non citarli tutti, ci limitiamo al primo premio 6 medaglia d'oro «Città di Taormina», al primo premio «II Sileno d'Argento», al 3° premio «Mandorlo in fiore», al diploma di benemerenza al concorso nazionale di narrativa e poesia siciliana ed italiana, al premio «Caltagirone», al premio internazionale «Gela», al premio «Cattolica» ed infine al premio «Saraceni di Sicilia», attribuitogli prima della sua morte avvenuta a Licata il 26 febbraio 1977.

 

NINO MARINO

 

POESIE

FAVULA PI LI GRANNI E LI NICHI

 

FAVULA PI LI GRANNI
E PI LI NICHI

E lu bannu diciva: "Accura, siddu 
cc'è quarcunu c'aiuta un puvireddu, 
li manu cci li steddu! "

'Na notti ca chiuviva forti forti,
e cc'era un friddu ca facia trimari
ppiffina l'ossa di li nostri morti,
un poviru mischinu allasimatu
si prisintau, scantatu, a 'na signura,
e cci dissi accussi: - Signura bona,
àiu tri picciriddi
morti di fami, e si nuddu l'aiuta,
morinu comu sciura ppi la siti.
E la signura nn'appi cumpassioni
e cci desi, ammucciuni, tri guasteddi.

Lu Re, c'avia lu cori
fattu di petra dura.
scupriu lu fattu e cci stiddau li manu.

'Dda povira mischina
campava 'ntra li spasimi e li peni.
'Na notti ca prigava 'nginucchiuni,
aviva fami, fami di muriri.
'Na rappa di stidduzzi piatusi
chiancivanu amurusi
l'armi d'argentu supra la so' casa.
Ma dintra un nenti vitti cumpariri
tri angili splinnenti comu l'oru
ca cci dissiru: - Te' li tri guasteddi
ca tu dasti 'na vota a un puvireddu.
E la signura stisi li mignuna,
e si vitti spuntari arre' li manu.

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta"

FAVOLA PER I GRANDI
E PER I PICCOLI

E il bando diceva: "State attenti, se per caso
c'è qualcuno che aiuta un poveretto,
gli taglio le mani" 

Una notte che pioveva forte,
e c'era freddo che faceva tremare 
perfino le ossa dei nostri morti,
un poveretto dimagrito 
si presentò, spaventato, ad una signora,
e le disse così: - Signora buona,
ho tre bambini
affamati, e se nessuno li aiuta,
muiono come fiori per mancanza d'acqua.
E la signora ne ebbe compassione
e gli diede, di nascosto, tre grossi pani.

Il Re che aveva il cuore
fatto di pietra dura,
scoprì il fatto e le tagliò le mani.

Quella povera meschina 
viveva in mezzo agli spasimi e alle pene.
Una notte che pregava in ginocchio,
aveva desiderio, desiderio di morire.
Un grappolo di stelle pietose
piangevano amorose
lacrime d'argento sopra la sua casa.
Ma all'improvviso vide comparire
tre angeli splendenti come l'oro
che le dissero: Tieni i tre pani 
che tu hai dato una volta ad un poveretto.
E la signora stese i moncherini,
e si vide spuntare di nuovo le mani.

 

 

 

NINO MARINO

 

 

POESIE

LU ME' CANTU 

 

 

LU SCIOFFERRU E LU PRIURI

 

 

LU ME' CANTU 

Aiu lu cori chinu d'armunia, 
e cantu ca nascivi! cantaturi, 
'st'isula addeva tanta puisia, 
Mungibeddu cci duna lu caluri. 

E lu me' cantu comu litania 
m'acchiana da lu cori 'ntutti l'uri, 
e nni 'ssu cantu cc'è l'armuzza mia, 
quann'è ca sciala o spasima d'amuri. 

Cci sunnu di la vita li dulura 
di chiddi senza tettu né ristoru, 
di chiddi senza pani ppi mangiari. 

E cantu, no ppi sfrizziu di cantari, 
sugnu cómu l'aceddi e, ppi natura, 
àiu a cantari finu a quannu moru!

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta

LU SCIOFFERRU E LU PRIURI

A 'nu Sciofferru, juntu sutta Naru,
un carrettu lu fici sbarattari;
pp'un pilu di capiddi lu Priuri
d' 'i Scapuccini, si potti scanzari

di moriri scacciatu. Di palori
cci nni dissi di tutti li culura...
ma doppu ca finiu di spatuliari,
rispusi lu sciofferru scialacori.

- 'Na vota ca lu 'ntisi pridicari,
diciva ca la vita ppi daveru
si godi 'nCelu 'nmenzu lu splinnuri.

Vossìa ch'è tantu amicu d' 'u Signuri
pirchì si scanta tuttu di muriri,
se 'mparadisu cc'è lu bonu stari?

                                                                                                                          

IL MIO CANTO

Ho il cuore pieno d'armonia,
e canto perchè son nato! cantante,
ques'isola fa crescere tanta poesia,
Mongibello ci da il calore.

E il mio canto, come litania;
mi sale dal cuore a tutte le ore,
e in questo canto c'è l'anima mia,
quando sciala o spasima d'amore.

Ci sono i dolori della vita
di quelli che sono senza tetto nè ristoro,
di quelli senza pane per mangiare.

E canto non per capriccio di cantare,
sogno come gli uccelli, e per natura
debbo cantare fino a quando muoio

'AUTISTA E IL PRIORE

Ad un autista, giunto nelle vicinanze di Naro, 
un carretto lo mise in confusione;
per un pelo di capello il Priore
dei Cappuccini, si potè scansare

di morire schiacciato. Di parole
gliene disse di tutti i colori... 
ma dopo che finì di sproloquiare
rispose l'autista sollazzevole. 

Una volta che lo sentii predicare 
diceva che la vita vera
si gode in cielo un mezzo agli splendori.

Vossignoria che è tanto amico del Signore
perchè si spaventa di morire,
se in paradiso si sta bene?

                                                                                                                                                                                          

 

 

 

NINO MARINO

 

 

POESIE

IU SUGNU LATRU

 

 

LA PRUCISSIONI

 

IU SUGNU LATRU

Arrubbai 'na stidda fora-fora
unni la tegnu nun la poi ìnzirtari,
l'arrubbai pi tia ma, pp'accamora,
nicuzza mia, nun ti la pozzu dari.

Quannu accanzu tanticchia di dinaru,
nca tannu ti la dugnu ccu piaciri:
'nginucchiata ccu mia supra l'artaru,
tutta la genti l'ha fari allucchiri.

Fici lu latru,... chi ci pozzu fari...
sugnu pintutu siddu lu Signuri,
cunta li stiddi e nni pò addunari.

Nica mi scantu ca si pò nichiari;
ma mi cunfortu c'arrubbai pp'amuri,
e u Signuruzzu m'avi a pirdunari

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta"

LA PRUCISSIONI

- Arsirà chi cci fu?...... Zzitti', cummari,
'na prucissioni ch'era 'na sciumara,
e 'a fudda si pidiava appressu 'a vara. 
Dintra un nenti chi fu.... chi v'a' cuntari?.....

successi un fui-fui. Largu! ... spara.....
ferma! ..... carrabineri! ..... Pp'accurzari...... 
ppi lu scantu mi ficiru pisciari, 
ppi curpa di 'na tinta vaniddara.

- Ma chi cci fu? .... - Nca nenti, un fraschittuni, apprufittannu di la cunfusioni,
cci desi a 'na carusa un pizzuluni.

- E fici tantu fetu?..... Chi babbiuna.......
pirchi si fannu allura 'i prucissioni?.....
- Cummari, era picciotta nuvidduna!

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta"

                                                                                                                          

IO SONO LADRO

Ho rubato una stella da molto lontano
dover la tengo non la puoi indovinare,
l'ho rubata per te ma, per adesso 
piccolina mia, non te la posso dare.

Quando metto da parte un pò di denaro,
proprio in quel momento te la darò 
con tanto piacere:
inginocchiata con me presso l'altare;
tutta la gente la devi far stupire.

Ho fatto il ladro,... che ci posso fare...
sono pentito. se per caso il Signore
conta le stelle e se ne può accorgere.

Piccolina, mi spavento che si possa arrabbiare;
ma mi conforto che ho rubato per amore 
e il Signore mi deve perdonare.

LA PROCESSIONE

- Ieri sera cosa è successo?..... - State zitti, comare,
una processione che era un fiume di gente,
e la folla calpestava i piedi appresso il fercolo.
In un niente cosa è successo... cosa debbo raccontarvi ?..

successe un fuggi fuggi. Largo... spara...
ferma! ... carabinieri!... per abbreviare...
per colpa dello spavento mi sono urinato,
per colpa di una donnaccia.

- Ma cosa è successo? ... ma... niente, un fraschettone,
approfittando della confusione,
diede ad una ragazza un pizzicotto.

E ha fatto tanto puzza?... Che stupida...
perchè si fanno allora le processioni?...
- Comare, era ragazza ancora inesperta!

                                                                                                                                                                                                        

 

 

 

NINO MARINO

 

 

POESIE

 

LU MURTICEDDU

 

 

 

LU MURTICEDDU

La carrozza d' 'i poviri passava
e nuddu la taliava.
Era tirata
d'un paru di cavaddi sdillummati.
Supra la cascitedda
nun c'era mancu un sciuri
e appressu, p'accumpagnu, mancu un cani.
Poviru picciliddu! Sulu sulu,
comu sidd'era un mulu,
si nn'acchianava 'nCelu.
La matri era jittata
supra un funnu di lettu
pigliata di pettu;
lu patri si truvava carzaratu 
pirchì aviva arrubbatu
'na sacchinata di favi 'ncirati
pi li nichi affamati.
E 'a carrozza passava chianu chianu
e nuddu la taliava.
Ma dintra un nenti un tronu di luntanu
si 'ntisi rinfuliari:
lu celu che era limpiu di sirenu
si fici scuru scuru, 
li nuvuli piatusi s'affacciaru
e lu chianceru.

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta"

                                  

IL MORTICINO

Una carrozza funebre dei poveri passava
e nessuno la guardava. 
Era trainata 
da un paio di cavalli senza lombi. (dimagriti) 
Sopra la piccola bara
non c'era neanche un fiore
e dietro il carro funebre, per accompagnamento
neanche un cane. Povero bimbetto! Solo, solo,
come se fosse stato figlio di nessuno,
se ne saliva in Cielo.
La madre era gettata
in un fondo di letto
ammalata di mal sottile; (tubercolosi)
Il padre si trovava carcerato 
perchè aveva rubato
un sacco di fave secche
per i piccoli affamati.
E la carrozza passava piano, piano 
e nessuno la guardava.
Ma all'improvviso un tuono di lontano
si sentì brontolare: 
il cielo che era limpido e sereno
si fece scuro scuro,
le nuvole pietose s'affacciarono
e lo piansero.