GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 88 visitatori e nessun utente online

 

NINO MARINO

 

POESIE

FAVULA PI LI GRANNI E LI NICHI

 

FAVULA PI LI GRANNI
E PI LI NICHI

E lu bannu diciva: "Accura, siddu 
cc'è quarcunu c'aiuta un puvireddu, 
li manu cci li steddu! "

'Na notti ca chiuviva forti forti,
e cc'era un friddu ca facia trimari
ppiffina l'ossa di li nostri morti,
un poviru mischinu allasimatu
si prisintau, scantatu, a 'na signura,
e cci dissi accussi: - Signura bona,
àiu tri picciriddi
morti di fami, e si nuddu l'aiuta,
morinu comu sciura ppi la siti.
E la signura nn'appi cumpassioni
e cci desi, ammucciuni, tri guasteddi.

Lu Re, c'avia lu cori
fattu di petra dura.
scupriu lu fattu e cci stiddau li manu.

'Dda povira mischina
campava 'ntra li spasimi e li peni.
'Na notti ca prigava 'nginucchiuni,
aviva fami, fami di muriri.
'Na rappa di stidduzzi piatusi
chiancivanu amurusi
l'armi d'argentu supra la so' casa.
Ma dintra un nenti vitti cumpariri
tri angili splinnenti comu l'oru
ca cci dissiru: - Te' li tri guasteddi
ca tu dasti 'na vota a un puvireddu.
E la signura stisi li mignuna,
e si vitti spuntari arre' li manu.

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta"

FAVOLA PER I GRANDI
E PER I PICCOLI

E il bando diceva: "State attenti, se per caso
c'è qualcuno che aiuta un poveretto,
gli taglio le mani" 

Una notte che pioveva forte,
e c'era freddo che faceva tremare 
perfino le ossa dei nostri morti,
un poveretto dimagrito 
si presentò, spaventato, ad una signora,
e le disse così: - Signora buona,
ho tre bambini
affamati, e se nessuno li aiuta,
muiono come fiori per mancanza d'acqua.
E la signora ne ebbe compassione
e gli diede, di nascosto, tre grossi pani.

Il Re che aveva il cuore
fatto di pietra dura,
scoprì il fatto e le tagliò le mani.

Quella povera meschina 
viveva in mezzo agli spasimi e alle pene.
Una notte che pregava in ginocchio,
aveva desiderio, desiderio di morire.
Un grappolo di stelle pietose
piangevano amorose
lacrime d'argento sopra la sua casa.
Ma all'improvviso vide comparire
tre angeli splendenti come l'oro
che le dissero: Tieni i tre pani 
che tu hai dato una volta ad un poveretto.
E la signora stese i moncherini,
e si vide spuntare di nuovo le mani.