GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 125 visitatori e nessun utente online

 

NINO MARINO

 

 

POESIE

 

O CAMPUSANTU

 

PRIJERA 

 

 

RRAGGIU DI SULI

 

 

O CAMPUSANTU

Vaju firriannu ppi lu campusantu,
e leggiu li balati. Tutti quanti
'sti morti, foru tutti bona genti, 
tutti boni cristiani. 'Nmenzu a tanti 
nun cc'è nuddu birbanti.
Mi nni cumpiaciu ppi daveru tantu. 
Ma quannu sugnu dintra 'stu ricintu, 
poviri morti, nun aviti scantu, 
se 'nmenzu a vui, ca siti armuzzi santi, 
iu sulu sugnu tintu.

PRIJERA 

Signuri, la facesti tutta bedda 
chista Sicilia mia, 
e ti rringraziu ccu tuttu lu cori. 
'Ncelu cc'è sempri 'u suli, 'nterrà 'u mari 
ca duci-duci si l'annaculia, 
comu 'na matri la so' picciridda; 
di notti cc'è la luna ccu li stiddi 
ccu l'argentu pulitu ca sblinnia. 
Tu la facesti bedda, cchiù di bedda, 
ma la lassasti comu 'n'urfanedda. 
Ppi li so' figli lu travagliu è amaru 
comu lu feli ca vivisti 'ncruci! 
Signuri bonu, ascuta la me' vuci: 
a tia li rraccumannu a mani junti, 
arriparili sutta lu to' mantu, 
falli campari filici e cuntenti.

RRAGGIU DI SULI

Dintra un catodiu poviru e scurusu,
un picciriddu, senza la cammisa,
joca ccu 'na buatta arruginusa.
La so matruzza è fora, c'avi stisu
un tunachinu di pircallu rrosa.

Joca lu nnuncituzzu. D'un pirtusu
trasi un rraggiu di suli e si cci posa
supra la facci, l'abbrazza e lu vasa.
'Ddu raggiu d'oru ca di 'ncelu scasa
eni l'occhiu di Diu sempri amurusu.

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta"

AL CIMITERO

Vado girando per il cimitero,
e leggo le lastre di marmo. Tutti quanti
questi morti, sono state brave persone;
tutti buoni cristiani . In mezzo a tanti
non c'è nessun birbante.
Me ne compiaccio davvero tanto.
Ma quanto sono dentro questo recinto,
poveri morti, non avete paura,
se in mezzo a voi, che siete anime sante,
iu solo sono cattivo.

PREGHIERA

Signore, l'hai fatta tutta bella
questa Siicilia mia,
e ti ringrazio con tutto il cuore.
In cielo c'è sempre il sole, in terra il mare
cche dolce dolce la culla,
come una madre culla la sua piccolina;
di notte c'è la luna con le stelle
che splende come l'argento pulito.
Tui l'hai fatta bella, anzi più che bella,
ma l'hai lasciata come un'orfanella .
Per i suoi figli il lavoro è amaro
come il fiele che hai bevuto in croce!
Signore buono, ascolta la mia voce;
a te i sciliani raccomando a mani giunte,
riparali sotto il tuo manto,
falli vivere felici e contenti.

RAGGIO DI SOLE

Dentro un'abitazione a piano terra
povero e buio, un bambino, senza la camicia,
gioca con un latta arruginita.
Sua madre è fuori, perchè ha steso
un vestitino di mussola.

Gioca l'innocente. Da un buco
entra un raggio di sole e si posa
sopra la faccia, lo abbraccia e lo bacia.
Quel bacio d'oro ca scende dal ceelo 
è l'occhio sempre amoroso di Dio.