GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 198 visitatori e nessun utente online

 

NINO MARINO

 

 

POESIE

 

LU MURTICEDDU

 

 

 

LU MURTICEDDU

La carrozza d' 'i poviri passava
e nuddu la taliava.
Era tirata
d'un paru di cavaddi sdillummati.
Supra la cascitedda
nun c'era mancu un sciuri
e appressu, p'accumpagnu, mancu un cani.
Poviru picciliddu! Sulu sulu,
comu sidd'era un mulu,
si nn'acchianava 'nCelu.
La matri era jittata
supra un funnu di lettu
pigliata di pettu;
lu patri si truvava carzaratu 
pirchì aviva arrubbatu
'na sacchinata di favi 'ncirati
pi li nichi affamati.
E 'a carrozza passava chianu chianu
e nuddu la taliava.
Ma dintra un nenti un tronu di luntanu
si 'ntisi rinfuliari:
lu celu che era limpiu di sirenu
si fici scuru scuru, 
li nuvuli piatusi s'affacciaru
e lu chianceru.

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta"

                                  

IL MORTICINO

Una carrozza funebre dei poveri passava
e nessuno la guardava. 
Era trainata 
da un paio di cavalli senza lombi. (dimagriti) 
Sopra la piccola bara
non c'era neanche un fiore
e dietro il carro funebre, per accompagnamento
neanche un cane. Povero bimbetto! Solo, solo,
come se fosse stato figlio di nessuno,
se ne saliva in Cielo.
La madre era gettata
in un fondo di letto
ammalata di mal sottile; (tubercolosi)
Il padre si trovava carcerato 
perchè aveva rubato
un sacco di fave secche
per i piccoli affamati.
E la carrozza passava piano, piano 
e nessuno la guardava.
Ma all'improvviso un tuono di lontano
si sentì brontolare: 
il cielo che era limpido e sereno
si fece scuro scuro,
le nuvole pietose s'affacciarono
e lo piansero.