GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 110 visitatori e nessun utente online

 

NINO MARINO

 

 

POESIE

LU ME' CANTU 

 

 

LU SCIOFFERRU E LU PRIURI

 

 

LU ME' CANTU 

Aiu lu cori chinu d'armunia, 
e cantu ca nascivi! cantaturi, 
'st'isula addeva tanta puisia, 
Mungibeddu cci duna lu caluri. 

E lu me' cantu comu litania 
m'acchiana da lu cori 'ntutti l'uri, 
e nni 'ssu cantu cc'è l'armuzza mia, 
quann'è ca sciala o spasima d'amuri. 

Cci sunnu di la vita li dulura 
di chiddi senza tettu né ristoru, 
di chiddi senza pani ppi mangiari. 

E cantu, no ppi sfrizziu di cantari, 
sugnu cómu l'aceddi e, ppi natura, 
àiu a cantari finu a quannu moru!

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta

LU SCIOFFERRU E LU PRIURI

A 'nu Sciofferru, juntu sutta Naru,
un carrettu lu fici sbarattari;
pp'un pilu di capiddi lu Priuri
d' 'i Scapuccini, si potti scanzari

di moriri scacciatu. Di palori
cci nni dissi di tutti li culura...
ma doppu ca finiu di spatuliari,
rispusi lu sciofferru scialacori.

- 'Na vota ca lu 'ntisi pridicari,
diciva ca la vita ppi daveru
si godi 'nCelu 'nmenzu lu splinnuri.

Vossìa ch'è tantu amicu d' 'u Signuri
pirchì si scanta tuttu di muriri,
se 'mparadisu cc'è lu bonu stari?

                                                                                                                          

IL MIO CANTO

Ho il cuore pieno d'armonia,
e canto perchè son nato! cantante,
ques'isola fa crescere tanta poesia,
Mongibello ci da il calore.

E il mio canto, come litania;
mi sale dal cuore a tutte le ore,
e in questo canto c'è l'anima mia,
quando sciala o spasima d'amore.

Ci sono i dolori della vita
di quelli che sono senza tetto nè ristoro,
di quelli senza pane per mangiare.

E canto non per capriccio di cantare,
sogno come gli uccelli, e per natura
debbo cantare fino a quando muoio

'AUTISTA E IL PRIORE

Ad un autista, giunto nelle vicinanze di Naro, 
un carretto lo mise in confusione;
per un pelo di capello il Priore
dei Cappuccini, si potè scansare

di morire schiacciato. Di parole
gliene disse di tutti i colori... 
ma dopo che finì di sproloquiare
rispose l'autista sollazzevole. 

Una volta che lo sentii predicare 
diceva che la vita vera
si gode in cielo un mezzo agli splendori.

Vossignoria che è tanto amico del Signore
perchè si spaventa di morire,
se in paradiso si sta bene?