GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 227 visitatori e nessun utente online

 

NINO MARINO

 

 

POESIE

 

QUANNU SUGNU PAPA' - SI NASCIU ARRERI 

 

 

QUANNU SUGNU PAPA'


Quannu sugnu papà d'un picciriddu 
- occhi lucenti e vucca di curaddu -
ni la me' casa cci sarrà lu sbaddu, 
tutta la genti m'à' diri: mmiatiddu. 

E travagliu cuntenti e pensu a iddu, 
ccu li trizzi vulunni aneddi-aneddi; 
ogni sira cci portu 'i cuddureddi; 
e cci dugnu tetè ni lu culiddu.

Chi spassu, chi dilizzia e quantu prescia: 
l'addeva ccu lu sciatu e mentri crisci, 
preju Gesuzzu ca mi l'arrinescia. 

Lu tegnu 'mbrazza, la facci m'alliscia, 
e mentri ca lu nacu e s'addummisci, 
ppi cumplimentu di 'ncoddu mi piscia.

SI NASCIU ARRERI 


Doppu ca moru, siddu nasciu arreri, 
àiu a cangiari strada, àiu a cangiari! 
Iu nonn nni pozzu cchiù, fazzu un misteri, 
ca nun mi duna pani ppi mangiari. 

Chi brutta vita!   chi tempi di fera! 
vacabbunnazzi tinti, putiari, 
mastri, viddani e genti di galera, 
fannu 'ntrallazzi e abbuscanu dinari.

lu sulu campu di pani e scaleri; 
'nmenzu la detta, sugnu sempri a zeru, 
cummattu ccu la fami e ccu l'uscieri.


Doppu ca moru, siddu nasciu arreri, 
àiu a fari lu porcu ppi daveru, 
megliu lu porcu e no lu raggiuneri. 

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta"

QUANDO SARO' PAPA'

Quando sarò papà di un bambino
- occhi lucenti e bocca di corallo - 
a casa mia ci sarà il divertimento
tutta la gente deve dirmi: Beato lui.

E lavoro contento e penso a lui,
con le trecce inanellate
ogni sera gli porto i dolcetti
e gli do piccole sculacciate .

Che spasso, che delizia e quanta fretta:
lo fa crescere col fiato e mentre cresce
prego Gesù che riesca nella vita.

Lo tengo in braccia, la faccia mi carezza,
e mentre lo cullo mi fa piì addosso.

SE NASCO DI NUOVO


Dopo che muoio, se nasco di nuovo,
debbo cambiare modo di vita, debbo cambiare!
Io non ne posso proprio più, faccio un mestiere
che non mi da pane per mangiare.

Che brutta vita! che tempi brutti!
brutti vagabondi, bottegai,
mastri, contadini e gente di galera
fanno imbrogli e guadagnano denari.

Io soltanto vivo di pane e talli di cardone;
in mezzo ai debiti, sono sempre a zero,
tratto ogni giorno con la fame 
e con l'ufficiale giudiziario.


Dopo che muio, se dovessi nascere di nuovo;
debbo fare il porco per davvero
meglio il porco e no il ragioniere