GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 76 visitatori e nessun utente online

 

NINO MARINO

 

 

POESIE

 

PASSARIDDUZZU

 


POVIRU CANI

 

 

PASSARIDDUZZU 

Passaridduzzu, quannu lu barcuni 
sbarràcu la matina, 'un ti scantari, 
secuta, cip-cip, a pizzuliari, 
lu Signuri nun voli ca tu diuni.

Passaridduzzu, ti vurrissi dari 
un littineddu ccu la cuttinina, 
lu friddu fa gilari l'acquazzina, 
l'omini 'nfina all'ossa fa trimari. 

Iu cumprennu, cumprennu li to' peni: 
ppi la fami tu nesci a minnicari; 
appena spunta l'ura matutina. 

Passaridduzzu di canali, veni, 
li muddicheddi ti fazzu truvari, 
abbasta ca tu veni ogni matina.

POVIRU CANI

Ciuviddichiava. Cc'era friddu forti,
e darreri la porta
di la me' casa,
un cagnolu 'ngriddutu e assammaratu
mi taliava ccu l'ucchiuzzi smorti.
Cci dissi ppi cunortu:
Oh cagnuleddu, cagnuleddu miu,
tu pensi e cridi ca la vita mia
è megliu di la tua,
si vidi ca nun sai,
ca l'omu campa 'nmenzu lu sfirriu,
e nun cc'è vita ca nun avi peni.
Tu si' un poviru cani e iu cristianu!
cchiù poviru di tia.
Ppi chissu, cagnuleddu senza pani,
ti vogliu beni. Acchiana!

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta"

                                                                                                                                                                                                                  

PASSEROTTINO

Passerottino, quando la mattina
apro il balcone, non ti spaventare,
continua, cip-cip a beccare,
il Signore non vuole che tu digiuni.

Passerottino, ti vorrei dare
un piccolo letto con la cotonina,
il freddo fa gelare la rugiada,
e fan tremare fin dentro le ossa gli uomini.

Io comprendo, comprendo le tue pene:
per la fame tu esci a mendicare;
appena spunta l'ora mattutina.

Passerottino che nidifichi sotto le tegole, vieni,
le mollichine ti faccio trovare,
basta che tu vieni ogni mattina.

POVERO CANE

Piovigginava. C'era freddo forte,
e dietro la porta 
della mia casa,
un cagnolino infreddolito e bagnato
mi guardava con gli occhietti smorti.
Gli dissi per conforto:
Oh cagnolino, cagnolino mio,
tu pensi e credi che la vita mia
è migliore della tua,
si vede che non conosci,
che l'uomo vive in mezzo alle traversie della vita, e non c'è vita che non ha pene.
Tu sei un povero cane ed io umano!
più povero di te.
Per questo cagnolino senza pane,
ti voglio bene. Sali!