GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 76 visitatori e nessun utente online

 

NINO MARINO

 

 

POESIE

 

SUNETTU FRANCISCANU 

TEMPU DI SDILLUVIU 

 

 

SUNETTU FRANCISCANU

'Nfunnu a lu cori miu cc'è tantu amuri,
e sugnu 'nnamuratu paru-paru: 
'nnamuratu di l'erva e di lu sciuri, 
di la lanterna di lu picuraru.

Di l'acqua, di lu ventu e la muddura, 
di lu suli, li stiddi e di lu mari: 
di chiddu ca ti campa a la vintura, 
di chiddu senza 'n'ossu di spurpari.

Di l'omu giustu e di lu piccaturi; 
di tuttu chiddu ca ni vosi dari, 
ccu granni caritati lu Signuri.

'Nnamuratu di chi? .... di ccàiu a diri? ...
e di la Vita ca mi fa campari, 
e di la Morti ca mi fa muriri.

 

TEMPU DI SDILLUVIU

Quannu si cucinava ccu li ligna, 
e lu lussu nun era comu 'a rugna, 
l'omu nun ti campava a la purcigna, 
la fami 'un si pigliava pugna pugna.

Oj li genti fannu 'mpresta e 'mpigna; 
la picciuttedda cerca la cuccagna: 
un maritu, macari ccu la tigna, 
e appo' li corna spuntanu a filagna.

Lu pisci feti di la testa - 'nzigna
lu muttu anticu - e l'omu è d'un cungegnu
pricisu comu a chiddu di la signa.
E' tempu di sdilluviu! ... e cca mi tegnu.

poesia tratta da: "Libriceddu di paisi" 
Edizioni "La Vedetta"

                                                                                                                                                                                                     

SONETTO FRANCESCANO

 

In fondo al mio cuore c'è tanto amore
e sono proprio tutto innamorato:
innamorato dell'erba e dei fiori,
delle lucciole.

Dell'acqua, del vento e della rugiada,
del sole, delle stelle e del mare:
di colui che campa alla sorte,
e di colui che non ha osso da spolpare.

Dell'uomo giusto e del peccatore;
di tutto quello che ha voluto donarci
con grande carità nostro Signore.

Innamorato di chi?... di cosa debbo dire?...
e della Vita che mi fa campare,
e della Morte che mi fa morire.

 

TEMPO DI CONFUSIONE

Quando si cucinava con la legna, 
ed il lusso non era come la rogna,
l'uomo viveva come i porci,
la fame si prendeva pugni pugni (1)

Oggi le persone fanno presta e impegna; (2)
la giovincella cerca la cuccagna:
un marito anche con calvizie,
e poi le corna spuntano a filari.

Il pesce puzza dalla testa - insegna
il motto antico . e l'uomo è di un congegno
preciso come quello della scimmia.
E' tempo di confusione ... e qua mi fermo

1)la fame si soffriva maledettamente
2) le persone prestano soldi e impegnano al banco dei pegni per avere denaro