LA MARCA GIROLAMO

 

GRAMIGNA

Girolamo La Marca (voce Girolamo La Marca)

 




GRAMIGNA
Nun vuogliu pinsàri,
ca pinsàri mi fa mali,
sientu un macinièddru
ca mi scalìa la midùddra,
e nièsciuni,
cuomu quannu c' è fuddra,
ammuttànnusi tutti
li ma pinsèra,
ca su tanti,ma tanti
ca ci vulissi na vita ntera
a cuntàlli tutti.
Miegliu campa felici
cu si nni futti,
cu nun chiànta j
macchji Id'arànci,
cu nun zappa
e nun chjianci
si lu pièrsicu j'è purrìtu
e lu furmientu nun spica.
Iddru mancia
suli li frutti,
e munnàlli ,j'è
glà na gran fatica.
Ma la ma vita
è chista,
nu la puozzu chiù canciàri..
e piensu matina e sira
a comu l'affaràvu
st'arma mia
ca nun c'è acqua d'in cielu
o d' in terra
ca la po chju'
arripigliàri.
E cuomu gramìgna
li pinsèra m'affùcanu
ogni gnuornu
amaramenti....
no,nun ci po nenti,
mi sientu stancu,
sprimuto,senza nenti,
ntrita di vìnniri martìdia,
a lu mercatu ,
a picca priezzu,
roba
a pirnènti.
No,nun mi vuogliu
custirnàri,
miegliu dòrmiri
e pinsàri d'èssiri
ancora picciliddru
e satàri,cuomu n'agrìddru,
mbrazza a ma matri
ca ji'è ni lu finisciùni,
chijujiri a pampinèddra
l'uocchji,
e firmàri li ma pinsèra
midè e pi sempri
intra un casciùni...
 




















































 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

Girolamo La Marca

 

A MA FIGGLIU LUNTANU

MA MATRI

C'ERA NA VOTA

CHIUVIDDRICA

BEDDA MATRI DI LU CUMMENTU

GIRA VOTA E FIRRIA

GRAMIGNA

LU MANGIARI DI NA VOTA

MI PIACI PINZARITI

NA PALA DI FICUDINIJ

NUN CANTU CCHIU'

NUTTATA

SPARIGGI



La Marca Girolamo nasce a Ravanusa il 3 febbraio del 1955.
Giovanissimo,a nove anni,viene mandato in collegio ad Anagni e poi ad Alatri nel Lazio. Sono anni difficili pieni di angoscia per uno strappo mai digerito dalla sua famiglia e dalla sua terra.Il carattere ne risentirà sicuramente e faranno di lui il poeta triste che tutti conoscono Ritornerà in Sicilia per completare gli studi a Caltagirone dove tra l'altro sarà ambientato il suo primo romanzo "Blu cobalto".dove emerge anche l'altro suo grande amore,la pittura,dato che il protagonista è appunto un artista all sbando che cerca con i pennelli di guarire le ferite dell'anima.Un atto d'amore anche per il paese della ceramica e per i compagni di liceo da lui conosciuti e dai quali non si è mai distaccato Si laurea in giurisprudenza all'università di Palermo ,"un atto dovuto" al padre più che una sua logica scelta preferendo lo stesso le materie letterarie e non giuridiche.Un'altra forzatura che comunque non gli impedisce di laurearsi regolarmente . Ritornato finalmente in paese collabora con la rivista" L'Eco di Ravanusa" di Lilli Parisi sotto lo pseudonimo di" Pilato" e si fa apprezzare soprattutto per le vignette e per lo stile sempre ironico e sarcastico che sembrano contrastare con la sua indole esistenziale.
Dopo una lunga parentesi si inventa un nuovo giornale dal geniale nome "Lu Papanzicu" che in collaborazione con Filippo Cassaro diventa un punto di riferimento per la comunità locale.
Staccatosi da quella che lui definisce "la sua creatura" poi con Gianfilippo Lombardo s'inventa "La Marreddra" ottenendo nuovi e meritati consensi. Inizia nel 2000 a scrivere poesie o meglio a renderle publiche perchè le poesie le aveva sempre scritte
ma tenute nel cassetto. vincendo numerosi premi anche a carattere nazionale come il Parnaso e" L'Alessio di Giovanni" "Il Navarro "ed il "Martoglio" ed il" Balistreri" il "Duas Lauros" di Roma dando alla luce una apprezzatissima raccolta di liriche dal titolo " Ci son silenzi che.." che lo fa conoscere un po a tutti. Poesie semplici nello stile ma ricche sicuramente di pathos e, a detta di molti, universali nei contenuti.Con "Sientu vuci.." l'ultimo libro in verrnacolo l'autore cerca di raggiungere lo stesso successo utilizzando però il dialetto,la lingua dei padri, come mezzo lirico di sanguigna comunicazione.Ma Girolamo La Marca non è solo scrittore,è anche scultore,pittore vignettista,giornalista,autore di canzoni come Nassirya dei Teppisti Dei Sogni,insomma un artista a tempo pieno.Un vanto insomma per il paese al quale appartiene e al quale lui è legato da un morboso attacamento dovuto forse anzi sicuramente a quel distacco giovanile subito e mai digerito.





















































 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

SPARIGGI

Girolamo La Marca (voce Girolamo La Marca)

 

 

SPARIGGI
Si tu spariggi,
cuòmu na rosa russa
'nmiezzu li finucchièddri
sarbàggi,
s'avissi a tjia
ju t'inchjiuissi
intra tri gaggi
e nun facissi ancugnàri
a nuddru mancu a l'agriddri.
Vulissi ppi na vota jiu
spicciàriti li capiddri,
taliaràti ni l'uocchji,
stringiriti li gargi...
Ma tu si sparìggi,
cuòmu un capiddru niuru
nmièzzi a chiddri grigi,
o cuomù na gatta
ca nun trova paci
si ogni sira
p 'amuri nun chiànci.
Vulissi ppi na vota
taliàriti li spaddri,
dormiri cu tjia
cuòmu duòrminu
abbrazzzati du picciliddri
e sentiri ni la notti
lu sciauru di li sciùri e
la sirrinata di du
nnamuràti cardiddri...
cu la ma còri ca 'nguttùtu
chiànci.
Spariggi.
UNICA
Sei tu unica,
come una rosa rossa
in mezzo l'erba
selvatica,
se tu fossi mia
ti terrei chiusa dentro
tre gabbie,
non farei avvicinare nessuno
nemmeno i grilli.
Vorrei per una volta
pettinarti i capelli
guardarti negli occhi
stringerti le guance.
Tu sei unica,
come un capello nero
in mezzo a quelli grigi
o come una gatta
che ogni sera
non trova pace
se non piange per amore.
Vorrei per una volta
guardarti le spalle
dormire con te
abbracciati
come due bambini,
e sentire nella notte
l'odore dei fiori
e la serenata di due
cardellini
con il mio cuore che intristito
piange.
Unica.





















































 

 

 

 

 

 

 

 

 

NA PALA DI FICUDINNIJ

Girolamo La Marca (voce Valeria Ciotta)

 




NA PALA DI FICUDINIJ

Mi veni di chijànciri,
ma di l'uòcchji cuddràti
nun nèsci chijù nènti,
e mi sièntu cuòmu
na pala di ficudìnia
jittàta ncàpu un cugnu
tutta torta e
sbattuliàta di li viènti.
Sula,
senza chijù lu lavùri
nè na macchija di miènnula
o di carrùbu a lu gìru,
l'ùmmara sula ppi
cumpagnìa.
Ogni tantu un cardiddru
vucìa cuntèntu
e mi veni
a truvàri.
Piensu allùra a quannu
ancora virdi
facìva li fucudìni russi
e adùci
e li viddrana vinivanu
a coglirisìlli
cu un cutièddru ammulàtu
c' avià
lu mànicu di lignu di nuci.
Vicinu a mia c'èranu
sciùri di tutti li culùra.
Ora tuttu
ji'è abbrusciàtu,
un cugnu abbannunato e
vavàluci e cuniglia
ogni gnuòrnu ci fannu
lu mercàtu.
Canta l'acièddru e vola
vicinu a mìa,
e pari ca m'abbrivìra lu cori,
ma ogni vòta ca poi
s'inni va ni lu so nidu,
tantìcchia di mia
a picca a picca ,
nguttùta ,
adàsciu adàsciu,
sicca e
mòri.
 
 




















































 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

BEDDA MATRI DI LU CUMMENTU

Girolamo La Marca (voce Girolamo La Marca)

 

 

BEDDRA MATRI DI LU CUMMENTU

Beddra Matri di lu Cummèntu
ascùta tantìcchia lu ma tristi lamientu.
Stàncu mi sièntu, nun truòvu chjiù paci,
nun n'ajiu furmièntu e nun mi sèrbi la faci.
Beddra Matri, stàmmi a sintìri
sugnu n'arma ‘nfelici ca nun voli patìri,
fammìlla tu la grazia stasìra,
nun vuogliu ricchizzi,
ma stu cori abbrivìra...
Beddra Matri, Matri cuomu a mia
ma marìtu j'è luntanu
e st 'armùzza pinìa...
vi vasu lu mantu e v'impluoru na grazia,
ca ma maritu rituòrni e lu ma cori si sàzia.
Beddra Matri di lu Cummèntu
sta nuttata j'è sirena
nun c'è na stizza di vientu..
fora c'è lu scuru ‘ncielu li stiddri..
ma nun truovu mangiari
pi la mi figli piccìddri.
Beddra Matri, stàmmi a sintìri
sugnu n'arma nfelici ca nun voli patìri,
fammìlla tu la grazia stasìra,
nun vuogliu ricchizzi
ma stu cori abbrivìra....
Beddra Matri, tu ca tanti grazi facisti
addruviglia stu cori ca nun batti
ed ji'è tristi..
nun vuogli palazza, né chiusi o dinari,
ma ‘nsignami sulu a viniri a l'Artari....
Beddra Matri,
nun vuogliu nenti lu giuru,
sulu tecchia di luci
pi li ma uocchji a lu scuru,
ogni annu ti puortu sempri furmièntu,
ma ni la porta nun trasu
di lu viecchjiu Cummèntu.
MADONNA DEL CONVENTO

Madonna del Convento
ascolta un poco il mio triste lamento.
Stanco mi sento, non trovo pace,
non ho frumento e non mi serve la falce.
Madonna ,stammi a sentire
sono un’anima infelice che non vuole patire,
fammela tu la grazia questa sera,
non voglio ricchezze,
ma questo cuore abbevera…
Madonna, madre come me
mio marito è lontano
e quest’anima è in pena…
vi bacio il manto e vi imploro una grazia,
che mio marito torni e il mio cuore si sazia.
Madonna del Convento
questa nottata è serena
non c’è un alito di vento…
fuori c’è il buio, in cielo le stelle
ma non trovo cibo
per i miei figli piccolini.
Madonna, stammi a sentire
sono un’anima infelice che non vuole patire,
fammela tu la grazia questa sera,
non voglio ricchezze,
ma questo cuore abbevera…
Madonna, tu che tante grazie hai fatto
sveglia questo cuore che non batte
ed è triste
non voglio palazzi, giardini o denari,
ma insegnami suolo a venire all’Altare…
Madonna
non voglio niente, lo giuro
solo un pochino di luce
per i miei occhi al buio,
ogni anno ti porto sempre frumento
ma nella porta non entro
del vecchio Convento.





















































 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 193 visitatori e nessun utente online