SPARIGGI

Girolamo La Marca (voce Girolamo La Marca)

 

 

SPARIGGI
Si tu spariggi,
cuòmu na rosa russa
'nmiezzu li finucchièddri
sarbàggi,
s'avissi a tjia
ju t'inchjiuissi
intra tri gaggi
e nun facissi ancugnàri
a nuddru mancu a l'agriddri.
Vulissi ppi na vota jiu
spicciàriti li capiddri,
taliaràti ni l'uocchji,
stringiriti li gargi...
Ma tu si sparìggi,
cuòmu un capiddru niuru
nmièzzi a chiddri grigi,
o cuomù na gatta
ca nun trova paci
si ogni sira
p 'amuri nun chiànci.
Vulissi ppi na vota
taliàriti li spaddri,
dormiri cu tjia
cuòmu duòrminu
abbrazzzati du picciliddri
e sentiri ni la notti
lu sciauru di li sciùri e
la sirrinata di du
nnamuràti cardiddri...
cu la ma còri ca 'nguttùtu
chiànci.
Spariggi.
UNICA
Sei tu unica,
come una rosa rossa
in mezzo l'erba
selvatica,
se tu fossi mia
ti terrei chiusa dentro
tre gabbie,
non farei avvicinare nessuno
nemmeno i grilli.
Vorrei per una volta
pettinarti i capelli
guardarti negli occhi
stringerti le guance.
Tu sei unica,
come un capello nero
in mezzo a quelli grigi
o come una gatta
che ogni sera
non trova pace
se non piange per amore.
Vorrei per una volta
guardarti le spalle
dormire con te
abbracciati
come due bambini,
e sentire nella notte
l'odore dei fiori
e la serenata di due
cardellini
con il mio cuore che intristito
piange.
Unica.





















































 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 151 visitatori e nessun utente online