CHIUVIDDRICA

Girolamo La Marca (voce Girolamo La Marca)

 

 


CHIUVIDDRICA

Chiovi forti,
ad azzuppaviddranu,
darrieri la finescia
appuntiddrata,
taljiu la genti ca passa,
lestu curriennu
cu la testa calata.
Paracca niuri e russi
e gialli,
ma mancu na ngirata,
ma pà si la mintiva sempre,
duminica e luni,
quannu si n'iva ncampagna,
si lu tiempu era tintu
e s’aspittava c'arrivassi
n'acquazzuni.
Scampà.
Si chiujinu lestu
li paracca,
niesciuni fora,cantannu,
l'acieddri
di sutta li canala,
nesci lu suli
ca prima jera ammucciatu,
lu carritteri vucìa:
"cicoria frisca,
pumadoru d'insalata,
miluna d'acqua a prova,
lumii e spinaci,
puseddra e acculazzata,
tuttu arrialatu".
Ni lu finisciuni
mpacci di mia,nun tantu luntanu,
na fimmina, cantannu,
stenni cammisi, cazetti,
pantaluna
e du para di linzola
lavati a manu.
Ni lu muru
un papacchiu niuru
si rasca la crozza,
un tignusieddru dormi,
ni la gaggia, nchiusu,
un gaddru canta
cuntentu ,
e s'allarga la vozza.
Ju riestu nchiusu,
sugnu stancu e nun puozzu
nesciri fora,
riestu ammucciatu..
m'abbasta un tancinu callu,
un quartu di vinu russu.
e sulu tecchia di trinciatu.
E talju cu c'è fora.
Ogni tantu piensu a li ma figli,
a li ranni e a la nica,
bastimiju pi sta vita minnica,
pi l'ospiziu unna sugnu ora,
sulu e abbannunatu,
jiu c'avia palazzi e chiusi,
miennuli e fastuchi,
mi fini chiu' tinta
di lu chiù tintu carzaratu.
Fora c'è lu suli...
ma lu ma cori
trunia,
e chiuviddrìcanu, ogni gnuornu,
ammeci,
sempri chjiù cuddrati,
li stanchi...
uocchi... mia.                                                       
PIOVIGGINA

Piove forte
in modo che il terreno possa assorbire l’acqua
dietro la finestra
serrata
guardo la gente che passa
correndo svelta
con la testa abbassata.
Ombrelli neri e rossi
e gialli
ma nemmeno un’impermeabile di plastica.
mio padre se lo metteva sempre
domenica e lunedì
quando andava in campagna,
se c'era brutto tempo
e aspettava che arrivasse
un acquazzone.
E' finito di piovere.
si chiudono subito
gli ombrelli,
escono fuori, cantando,
gli uccelli
da sotto i canali,
esce il sole
che prima era nascosto,
il carrettiere grida:
cicoria fresca,
pomodori d'insalata
angurie d'acqua con la prova,
limoni e spinaci,
piselli e cocomeri
tutto regalato".
Nel finestrone,
davanti la mia casa, non tanto lontano,
una donna, cantando,
stende camicie, calzette,
pantaloni
e due paia di lenzuola
lavate a mano.
Nel muro
Uno scarafaggio nero
si gratta la testa,
un ceco dorme,
nella gabbia, chiuso,
un gallo canta
contento,
e distende il gozzo.
Io resto rinchiuso,
sono stanco e non posso
uscire fuori,
resto nascosto....
mi basta un scaldino caldo
un quarto di vino rosso,
e solo un pò di tabacco sfuso
e guardo chi c'è fuori.
Ogni tanto penso a miei figli,
ai grandi e alla piccolina,
bestemmio per questa vita povera
per l'ospizio dove sono ora,
solo e abbandonato,
io che avevo palazzi e terreni
mi è finita peggio
del più disgraziato carcerato
Fuori c'è il sole...
ma il mio cuore
rimbomba,
e piovigginando, ogni giorno,
invece,
sempre più incavati
sono gli stanchi…
occhi… miei





















































 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 347 visitatori e nessun utente online