MA MATRI

Girolamo La Marca (voce Nicolò la Perna)

 

 

MA MATRI
Chjiù ti talìù
curcàta ni lu lièttu
chjiù piènsu
a cuòmu
avìssi a fari senza
di tìa, matrùzza mia
ca tantu facìsti
ppi mìa
e ammèci jiu
nun puòzzu fari nènti.
Ti vijiu sòffriri
ogni gnuòrnu un dulùri,
na vòta ni la spaddra,
na vota ni la testa
n'atra vota ni li diènti.
Ma tu, silinziusa
cuòmu sempri,
nun ti lamiènti
e nun mi dici nènti.
A cinquant'anni
ti vajiu circànnu
cuòmu na uglja persa
e mi doli lu cori
a vìdiri
ca ti va astutànnu
cuòmu na cannìla
a picca a picca.
E prijeiu lu Signuri
di fariti stari a la dritta
ancòra tanticchièddra
pirchì si ma matri e
anchi si vicchiarèddra
si ancòra bèddra
e mi duni lu sciatu
ppi jiri sempri avànti.
Si fussi jiu
lu Patri Etèrnu
ti facissi
campari
… cent'anni.
MIA MADRE
Più ti guardo
coricata nel letto
più penso
a come
dovrei fare senza
di te, madre mia
che tanto hai fatto
per me
ed invece io
non posso fare niente.
Ti vedo soffrire
ogni giorno un dolore,
una volta nella spalla,
una volta nella testa
un’altra volta nei denti.
Ma tu, silenziosa
come sempre,
non ti lamenti
e non dici niente.
A cinquant’anni
ti vado cercando
come un ago perduto
e mi duole il cuore
a vedere
che ti vai spegnendo
come una candela
a poco a poco.
E prego il Signore
di farti stare dritta
ancora un pochino
perché sei mia madre e
anche se sei vecchietta
sei ancora bella
e mi dai la forza
per andare sempre avanti.
Se fossi io
il Padre Eterno
ti farei
vivere
…cent’anni
        





















































 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 286 visitatori e nessun utente online