C'ERA NA VOTA

Girolamo La Marca (voce Nicolò La Perna)

 

 

C'ERA NA VOTA ...
Na vota c'era lu firràru
ca firràva li muli e li jiumènti,
c'era lu scarpàru
c'azzizzàva li scarpi rutti di la genti,
lu vardunàru ppi li viòrtuli pisànti,
lu fallignami ca sirràva sempri
e aggiustava li gammigli di li seggi
e ni la putija avìa appizzàti
li ritratti di li Santi,
lu picuràru ca ni la mànnara
nmiezzu lu fumu di la pagljia
faciva la ricotta
cu lu sieru e lu tumàzzu,
lu vuccièri c'ammazzàva
l'agnièddri e lu vutièddru
e vinniva midè lu sangunàzzu
ca ji'era ancora càllu
e mpilatu cuomu la sazizza
intra lu vudièddru..
C'era na vota …
ma a mia mi pari aj i'eri
ca m'innjiva ni lu sartu
mi fàrimi dari lu gissèttu
pi scrìviri ni li mura,
poi friscàri cu un friscalièttu
fattu cu l'ajìna virdi,
jìri ncàmpagna ad affirràr agriddrii
e circàri la tana di li cuniglia
nmiezzu li balàti,
o li giuràna ca jieranu nmiezzu
li cannèddri o l'erba stinnicchjiàti
o un a scataddrìzzi,
a gragiòppa o a chiappari,
acchjiànari ncapu li màcchji
e circari nida cu l'ova di cardìddri
o di cruvàcchji...
Ora chiujiu a pampinèddra
l'uocchji e pìensu
a cuomu lu munnu camina a lu riviersu,
a quantu jiorna e tiempu ajiu jiu piersu,
assicutànnu nièvuli
ca nun si fannu mai affirrari,
o sonna ca ogni matina
cuomu la nivi ni la manu lestu,
cu lu càllu, lu suli, arridiènnu ...
a picca a picca, mi li fa squagliàri ...

C'ERA UNA VOLTA…
C'era una volta il fabbro
che ferrava muli e giumente,
e c'era il calzolaio
che riparava le scarpe rotte della gente,
il sellaio per bertole pesanti,
il falegname instancabile
che riparava le gambe delle sedie,
nella sua bottega carica
di immagini sacre,
e il pastore che nelle stalle
fra il fumo della paglia
faceva la ricotta
col siero e il formaggio,
e il macellaio che uccideva
i poveri agnelli e i vitelli
vendendo anche il sanguinaccio
ancora caldo
e infilato come la salsiccia
dentro il budello.
C'era quella volta
che a me sembra ieri
quando bambino andavo dal sarto
a chiedere il gessetto
per scrivere sui muri
e fischiare col fischietto
fatto d'avena verde,
per andare poi in campagna a catturare grilli,
cercando la tana dei conigli
tra pietre quadrate,
quante rane tra le canne
mentre disteso sull'erba
con altri bambini cercavo lumache
raccogliere gracioppa e i capperi,
salivamo sugli alberi
per cercare i nidi carichi di uova
di cardellini o di corvi.
Adesso, socchiusi i miei occhi,
i pensieri vanno al mondo
che gira al contrario
mentre i giorni sfilano via insieme
al tempo perso... ad inseguire nuvole
che non si fanno mai afferrare
e sogni che il sole al mattino
scioglie al calore dei suoi raggi
tra le mie mani…
ormai vuote.





















































 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 219 visitatori e nessun utente online