SAMMARTANO GIUSEPPE

 

LASSATIMI STARI CCA

Giuseppe Sammartano 

 

 






 
LASSATIMI STARI CCÀ!
Lassatimi stari ccà!
sutta sta cezza umbrusa,
unni pozzu ricurdari
campi di frummentu,
visti di carusu,
e quannu di 'stati:
lu ciauru d'erva di spighi tagghiati
incheva lu celu pittatu d'azzolu.
Lassatimi stari ccà!
unni 'a me carusanza,
lassau mpronta di jorna filici:
dinocchi sgargiati,
di saj currenti
ca tàgghiunu 'ncutti
tirreni assulati,
di ervi e cucuddi crisciuti a migghiara
di granci e giurani,
di serpi e scursuni,
di canti d'aceddi
e runzi j lapuni;
marcari li jorna e li tracuddati.
Lassatimi stari ccà!
Ammenzu a li me petri,
unni chiudennu l'occhi
pozzu cuntari li stiddi,
unni l'anticu ventu
sona 'a stissa canzuna di tannu
mentri accarizza la me peddi;
facènnumi turnari carusu.
Ma chistu è tempu d'abbannuni,
unni è diffìcili attruvari
'a mpronta di ddì iorna passati.                                                   
LASCATEMI STARE QUI!
Lasciatemi stare qui!
sotto questa quercia ombrosa,
dove posso ricordare
campi di grano
visti da ragazzo,
e quando d'estate,
l'odore d'erba di spighe tagliate,
riempiva un cielo smagliante d'azzurro. Lasciatemi stare qui!
dove la mia adolescenza,
lasciò l'impronta di giorni felici:
ginocchi graffiati,
ruscelli correnti 
che tagliano fitti
terreni assolati,
di erbe e di fiori cresciuti a migliaia, di granchi e di rane, 
di serpi e di bisce,
di canti d'uccelli 
e ronzio di api;
segnare giornate, segnare tramonti. Lasciatemi stare qui!
assieme alle mie pietre,
dove chiudendo gli occhi
posso contare le stelle,
dove l'antico vento,
suona la stessa canzone d'allora
mentre accarezza la mia pelle;
facendomi tornare ragazzo.
Ma in questo tempo d'abbandoni,
è difficile trovare
l'impronta di un tempo.                                          

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PUISIA DI LU CORI

Giuseppe Sammartano 

 

 







PUISIA DI LU CORI
Mi lu ricordu jù quann'era nicu
cu' me matruzza jia a lu mircatu,
stu quatru ora addivintatu anticu,
è nta me menti ancora mpiccicatu.
La tanta genti ‘nta cunfusioni
vardava e si firmava ai bancareddi,
ddà unni c'era in esposizioni
'a mircanzia j tanti cosi beddi.
Nna li cannistri pisci stralucenti
e lu pisciaru chi l'abbanniava,
o chiddu a fedda o chiddu chiù currenti;
in basi a la sacchetta s'accattava.
'A frutta misa tutta apparicchiata
ca era un trionfu di culuri,
assemi aliva janca ddà cunzata,
l’anciovi d"u cugnittu e li virduri.
Li tanti cosi beddi chi 'a Natura
d"a nostra terra duci li sbuddava,
facèvunu scurdari 'a vita dura
ca ogni jomu u tempu strascinava.
Un carusiddu èva avanti e arreri,
tuttu lu santu jornu, di cuntinu,
li causiddi curti e nudi i peri,
vuciava: "Accattati u puddisinu!"
M'arricuggheva a casa e cu' l'amuri,
me matri mi tineva la manuzza;
mi pari di sintiri u so caluri
ancora nta li carni ca m'attruzza.
Mi pari di sintiri 'a so risata
nto mentri chi guidava u me caminu,
jù mi sinteva l'arma cunuttata;
filici comu 'a ciocca e u puddicinu.
Su' tantu sti ricordi a mia cari
chi vànnu cu' lu tempu appressu a mia,
ne' pozzu da la mentì cancillari;
pirchì pi lu me cori su' Puisia.                                           

POESIA DEL CUORE
Ricordo ancora io da ragazzino
andavo con mia madre al mercato,
un quadro diventato ora antico,
nella mia mente è ancor stampato.
Nella confusione tanta gente
si soffermava nelle bancarelle,
dov'era messa in esposizione
la mercanzia e tante cose belle.
Il pesce luccicava nei canestri
che il suo venditor pubblicizzava:
e quello a fette oppur quello corrente,
in base ai propri soldi ognun comprava.
La frutta messa tutta apparecchiata,
che era un trionfo di colori,
olive bianche tutte ben condite,
acciughe in botticelle e le verdure.
Le tante cose belle che in Natura,
la nostra dolce terra coltivava,
facevano scordar la vita dura
che ogni giorno il tempo trascinava.
Un ragazzino andava avanti-indietro,
continuamente per l'intero giorno,
in calzoncini corti e a piedi nudi:
- Compratevi il prezzemolo! - gridava.
Nel rientrare a casa con amore
mia madre mi teneva per la mano;
mi sembra di sentire il suo tepore
rimasto attaccato alla mia pelle.
Mi sembra di sentir la sua risata
mentre che mi guidava nel cammino,
io mi sentivo il cuore confortato;
felice come chioccia e il suo pulcino.
Son tanto cari questi miei ricordi,
che vanno con il tempo appresso a me,
non posso dalla mente cancellarli;
perché son Poesie care al cuore.                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LU VECCHIU E LU MARI

Giuseppe Sammartano 

 

 






LU VECCHIU E LU MARI
Un vecchiu piscaturi a la marina,
nzistenti lu so sguardu lu firmava
a 'na varcuzza, misa supra 'a rina,
chi la giuggiana e suli cunzumava.
Pinsava a quannu era la rigina
e supra l'unni idda cumannava,
da sira chi niscia a la matina
lu mari la strinceva e la vasava.
Iù ddà vicinu misu a ussirvari
pareva ca liggeva i so pinseri,
vardavu i so occhi lacrimari
a li ricordi di lu tempu arreri;
di quannu era forti e jeva a mari,
di quannu abbannunau lu misteri
pirchì l'età ci dava segni amari;
e iddu ci dicia a sti maneri:
"Ormai comu a tia varcuzza bedda
tinutu sugnu additta da un vastuni,
e la me vita comu 'na cartedda
è china di ricordi e non si spuni.
Oh! quanti notti, di dda vita bedda,
vidèvumu assemi li so luni.
Lu cori àju trafittu di cutedda
c'allarga sta firita, ti n'adduni?
Ah! mari, mari, granni amuri miu,
cumpagnu da me antica picciuttanza,
lu me pinseri nfunnu si pirdiu
a li to acqui ca mai nuddu ammanza.
Oh mari, t'addumannu lu disiu,
ca tegnu nto me cori cu custanza,
di mòriri, quann'è chi voli Diu,
cullànnumi ammenzu a la to danza."
E comu si sintiva ddì prijeri,
stinniu nta la ripa n'unnicedda
ca vagna chianu-chianu li so peri;
a usu fussi duci carizzedda.
Vuleva forsi fàricci capiri,
in chista furma duci e sapurita,
lu mari, granni dottu di sapiri:
ca chista è la rota di la vita!                
IL VECCHIO E IL MARE
Un vecchio pescatore alla marina,
con insistenza fermo lui guardava,
una barchetta in secca sulla rena
che pioggia e sole già la consumava.
Pensava a quando era la regina
e sopra l'onde essa comandava,
da sera che usciva alla mattina
il mare la stringeva e la baciava.
lo lì vicino messo ad osservare
sembrava che leggessi i suoi pensieri,
guardavo i suoi occhi lacrimare
ai suoi ricordi che già sono ieri;
di quando era forte e andava al mare,
di quando abbandonò il suo mestiere
perché l'età gli dava segni amari
e lui diceva a guisa di preghiere:
"Ormai come te barchetta bella
in piedi son tenuto da un bastone,
e la mia vita come una cartella
è piena di ricordi e mi indispone.
Oh quante notti, in quella vita bella,
assieme vedevamo le lor lune.
Il cuore ho trafitto da un coltello
che allarga la ferita te ne accorgi?
Ah! mare, mare, grande amore mio,
compagno della mia giovinezza,
in fondo è perso il pensiero mio
alle tue acque che nessuno avvezza.
Oh mare, io ti chiedo un desiderio
che tengo nel mio cuore con costanza:
morire solo quando vuole Dio
cullandomi in seno alla tua danza."
Rispose all'accorate sue preghiere,
a qual distende a riva mite onda,
che bagna dolcemente i suoi piedi
a guisa di amabile carezza.
Voleva forse farglielo sapere,
in una forma dolce e saporita
il mare, mentre dotto del sapere:
che questa è la ruota della vita!                        

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MURMURII DI VITA

Giuseppe Sammartano 

 

 






MURMURII DI VITA
Piunchi raj
di 'n suli di Nuvembri,
càlunu supra a sta terra
assuppata di suduri
suttamisu a lu burgisi;
e di lacrimi salati di minera.
Pirchì m'allanzunu i ricordi?
Forsi pi scurdari lu prisenti
chi campa la so vita a li bordi;
'ncuddatu a li peni di la genti.
Quantu cunta lu passatu?
Pi chissu lu cercu 'nte me silenzi
ca vèstunu i pinseri di ricordi,
purtànnusi appressu,..
'na truscia d'appannusi fijuri
e di 'nfruscati soni,
unni si 'ntravìdunu
antichi trazzeri
spaccati di siti d'amuri,
fra sgruppi siccati di spini,
fra petri cucenti di suli
ca vùgghiunu l'aria
di vampa e d'arsuri
lu tristi travàgghiu;
e li muti lamenti.
In terra siccagna
nun nàsciunu ciuri!
Ma chi pò diri
'n paisi senza 'n passatu?
Lassu lu me cantu
o capricciu di lu ventu,
spirannu...
ca sti murmurii di vita
abbòlunu chiù supra di lu tempu
pi ristari vardiani di l'omu.
                                       
MORMORII DI VITA
Malaticci raggi,
di un sole di Novembre,
scendono sopra a questa terra
inzuppata di sudore
sottomesso al padrone
e di lacrime salate di miniera.
Perché m'assalgono i ricordi?
Forse per dimenticare il presente
che vive la sua vita ai bordi;
incollato alle pene della gente.
Quanto conta il passato?
Per questo lo cerco nei miei silenzi
che vestono i pensieri di ricordi,
portandosi appresso
un fagotto di opache figure
e di ovattati suoni,
dove s'intravedono
antiche carraie
spaccate di sete d'amore,
fra secchi arbusti spinosi,
fra pietre cocenti di sole
che bollono l'aria
con fiamme d'arsura
il triste lavoro
e i muti lamenti.
In terra arida
non nascono fiori!
Ma cosa può dire
un paese senza un passato?
Lascio il mio canto
al capriccio del vento,
sperando…
che questi mormorii di vita
volino più sopra del tempo;
per restare guardiani dell'uomo.
                             

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SAMMARTANO GIUSEPPE






DU' PALUMMEDDI

LASSATIMI STARI CCA (video)

LU VECCHIU E LU MARI

MURMURII DI VITA

PUISIA DI LU CORI

 

SI FUSSI LU PUETA DI L'AMURI

 



Il Poeta Dialettale Giuseppe Sammartano, Catanese residente a Paternò, è un ex impiegato statale oggi in pensione, ha iniziato a comporre versi dal 1983 , scoprendo per caso questa sua facoltà, grazie ad una disputa sportiva avuta con un collega di lavoro, il quale gli esternò il suo disappunto scrivendoglielo in rima. Anche lui gli rispose in rima, e, visto che non aveva nessuna difficoltà a comporre, d'allora non ha più smesso.
Grande estimatore della Natura (la Grande Madre), nonchè suo paladino, a LEI ha dedicato buona parte delle sue composizioni, cercando di trasmettere le emozioni che continuamente gli regala, e nello stesso tempo di denunciare tutti i soprusi e gli scempi che è costretta a subire, per speculazioni ed altro, dall'uomo.
Gli piace tutto ciò che è Arte, Dipingere, Pescare.
note prelevate da http://artevizzari.italianoforum.com/t1413-giuseppe-sammartano
Ecco cosa dice di Giuseppe Sammartano Nino Barone presentando il suo libro di poesie "Murmurii di vita"
Se dovessi descrivere il poeta Giuseppe Sammartano con un appellativo che lo identifichi in pieno non avrei alcuna esitazione nell'affermare che si tratta di un vero "pittore del verso" che, con le sue parole riesce a dipingere in modo sorprendente ciò che vede con gli occhi dell'anima. Nuovo paladino della poesia siciliana, (il presente volume raccoglie anche poesie in lingua italiana) in pochissimo tempo ha mietuto successi e primati in concorsi e rassegne che lo hanno catapultato a pieno titolo verso traguardi sempre più prestigiosi ed oggi, a mio parere, è una delle voci più autorevoli nel panorama regionale.
Si scopre poeta in età matura ma riesce presto a trovare consapevolezza di questo dono, coltivandolo con amore, attraverso il quale racconta "un'esistenza", la sua esistenza in un viaggio orizzontale fatto di piccole e umili cose di dda vita fatta tutta di pilìu da dove trae spunti, sensazioni per descrivere una realtà che soffre: unni la puvirtà s'appinnica/unni na fedda i pani sapi amara/unni un raggiu di suli pari na vamparigghia o jornu di l'Ascinzioni.
Ricordi e affetti scorrono come in un malinconico film e si susseguono immagini del suo tempo che emozionano il lettore fino a renderlo protagonista della scena che Sammartano descrive con inimitabile meticolosità: davanti misu intra a un piattinu/cu la fiammuzza nica e trimulanti/pusatu c'era 'n semplici luminu/pi la divuzioni a morti e Santi quando parla, ad esempio, di Don Tinu, lu scarparu d''u quarteri. Il quartiere, luogo di condivisone, aggregazione, riunione che ritorna sovente nei meravigliosi versi del poeta che prorompenti raccontano aneddoti, stralci di vita di un tempo che fu dove a genti d''u quarteri assai cuntenta/s'affacinnava lesta allegramenti. La poesia di Sammartano è pregna di lirismo, d'elevata espressività, d'immediatezza; i suoi contenuti sono veri, autentici, per nulla costruiti a tavolino ma affiorano dal profondo dell'anima facendosi schegge di saggezza in una società che ha perso riferimenti, principi, valori. Lo sfondo della sua poetica è la Natura che il poeta ama e decanta in tutte le sue forme con impressionante verismo; quadretti idilliaci, come per miracolo, scivolano davanti agli occhi del lettore che ne percepisce addirittura colori, profumi, sapori: calmu lu mari…è specchiu lucenti/'n chianu stipatu di tanti culuri/ca tocca lu cori…pigghia la menti/mentri stiddìa cu middi lustruri. Un tutt'uno con la Natura, insomma, che lo attrae, lo ammalia, lo nutre: stanotti chi cumanna lu splinnuri/nta sta campagna sulu a cuntimplari/lu beddu fruttu duci di l'amuri/chi la Gran Matri soli arrialari. Il suo linguaggio è schietto, genuino perché schietto e genuino è il suo modo di concepire la vita, questa avventura che considera fermamente un dono di Dio e che rispetta con tutto se stesso; la vita che spesso però, lo ha portato a riflessioni profonde: pirchì…dicu pirchì distinu amaru/quannu la voi na cosa ti la pigghi? ma che gli ha regalato anche stimoli e conforto nella contemplazione di un tramonto, nel canto degli uccelli, in una semplice e desolata stradina di campagna.
Giuseppe Sammartano ha tutte le carte in regola per essere annoverato tra gli esponenti più importanti della poesia siciliana e con questa sua ultima fatica, sono certo, darà ampia dimostrazione del suo valore poetico che rappresenta per tutta la comunità culturale una concreta testimonianza a favore della tradizione siciliana che, al di la, di sterili concetti su di essa, rimane comunque radicata e consistente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 88 visitatori e nessun utente online