LASSATIMI STARI CCA

Giuseppe Sammartano 

 

 






 
LASSATIMI STARI CCÀ!
Lassatimi stari ccà!
sutta sta cezza umbrusa,
unni pozzu ricurdari
campi di frummentu,
visti di carusu,
e quannu di 'stati:
lu ciauru d'erva di spighi tagghiati
incheva lu celu pittatu d'azzolu.
Lassatimi stari ccà!
unni 'a me carusanza,
lassau mpronta di jorna filici:
dinocchi sgargiati,
di saj currenti
ca tàgghiunu 'ncutti
tirreni assulati,
di ervi e cucuddi crisciuti a migghiara
di granci e giurani,
di serpi e scursuni,
di canti d'aceddi
e runzi j lapuni;
marcari li jorna e li tracuddati.
Lassatimi stari ccà!
Ammenzu a li me petri,
unni chiudennu l'occhi
pozzu cuntari li stiddi,
unni l'anticu ventu
sona 'a stissa canzuna di tannu
mentri accarizza la me peddi;
facènnumi turnari carusu.
Ma chistu è tempu d'abbannuni,
unni è diffìcili attruvari
'a mpronta di ddì iorna passati.                                                   
LASCATEMI STARE QUI!
Lasciatemi stare qui!
sotto questa quercia ombrosa,
dove posso ricordare
campi di grano
visti da ragazzo,
e quando d'estate,
l'odore d'erba di spighe tagliate,
riempiva un cielo smagliante d'azzurro. Lasciatemi stare qui!
dove la mia adolescenza,
lasciò l'impronta di giorni felici:
ginocchi graffiati,
ruscelli correnti 
che tagliano fitti
terreni assolati,
di erbe e di fiori cresciuti a migliaia, di granchi e di rane, 
di serpi e di bisce,
di canti d'uccelli 
e ronzio di api;
segnare giornate, segnare tramonti. Lasciatemi stare qui!
assieme alle mie pietre,
dove chiudendo gli occhi
posso contare le stelle,
dove l'antico vento,
suona la stessa canzone d'allora
mentre accarezza la mia pelle;
facendomi tornare ragazzo.
Ma in questo tempo d'abbandoni,
è difficile trovare
l'impronta di un tempo.                                          

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 77 visitatori e nessun utente online