LU VECCHIU E LU MARI

Giuseppe Sammartano 

 

 






LU VECCHIU E LU MARI
Un vecchiu piscaturi a la marina,
nzistenti lu so sguardu lu firmava
a 'na varcuzza, misa supra 'a rina,
chi la giuggiana e suli cunzumava.
Pinsava a quannu era la rigina
e supra l'unni idda cumannava,
da sira chi niscia a la matina
lu mari la strinceva e la vasava.
Iù ddà vicinu misu a ussirvari
pareva ca liggeva i so pinseri,
vardavu i so occhi lacrimari
a li ricordi di lu tempu arreri;
di quannu era forti e jeva a mari,
di quannu abbannunau lu misteri
pirchì l'età ci dava segni amari;
e iddu ci dicia a sti maneri:
"Ormai comu a tia varcuzza bedda
tinutu sugnu additta da un vastuni,
e la me vita comu 'na cartedda
è china di ricordi e non si spuni.
Oh! quanti notti, di dda vita bedda,
vidèvumu assemi li so luni.
Lu cori àju trafittu di cutedda
c'allarga sta firita, ti n'adduni?
Ah! mari, mari, granni amuri miu,
cumpagnu da me antica picciuttanza,
lu me pinseri nfunnu si pirdiu
a li to acqui ca mai nuddu ammanza.
Oh mari, t'addumannu lu disiu,
ca tegnu nto me cori cu custanza,
di mòriri, quann'è chi voli Diu,
cullànnumi ammenzu a la to danza."
E comu si sintiva ddì prijeri,
stinniu nta la ripa n'unnicedda
ca vagna chianu-chianu li so peri;
a usu fussi duci carizzedda.
Vuleva forsi fàricci capiri,
in chista furma duci e sapurita,
lu mari, granni dottu di sapiri:
ca chista è la rota di la vita!                
IL VECCHIO E IL MARE
Un vecchio pescatore alla marina,
con insistenza fermo lui guardava,
una barchetta in secca sulla rena
che pioggia e sole già la consumava.
Pensava a quando era la regina
e sopra l'onde essa comandava,
da sera che usciva alla mattina
il mare la stringeva e la baciava.
lo lì vicino messo ad osservare
sembrava che leggessi i suoi pensieri,
guardavo i suoi occhi lacrimare
ai suoi ricordi che già sono ieri;
di quando era forte e andava al mare,
di quando abbandonò il suo mestiere
perché l'età gli dava segni amari
e lui diceva a guisa di preghiere:
"Ormai come te barchetta bella
in piedi son tenuto da un bastone,
e la mia vita come una cartella
è piena di ricordi e mi indispone.
Oh quante notti, in quella vita bella,
assieme vedevamo le lor lune.
Il cuore ho trafitto da un coltello
che allarga la ferita te ne accorgi?
Ah! mare, mare, grande amore mio,
compagno della mia giovinezza,
in fondo è perso il pensiero mio
alle tue acque che nessuno avvezza.
Oh mare, io ti chiedo un desiderio
che tengo nel mio cuore con costanza:
morire solo quando vuole Dio
cullandomi in seno alla tua danza."
Rispose all'accorate sue preghiere,
a qual distende a riva mite onda,
che bagna dolcemente i suoi piedi
a guisa di amabile carezza.
Voleva forse farglielo sapere,
in una forma dolce e saporita
il mare, mentre dotto del sapere:
che questa è la ruota della vita!                        

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 83 visitatori e nessun utente online