DU' PALUMMEDDI

Giuseppe Sammartano 

 

 







DU' PALUMMEDDI                                              

Du' palummeddi supra a li canali
di l'autra ognuna piglia curi,
tuliàvunu parrànnusi d'amuri
vasannusi accussì, sbattennu l'ali.

Lu masculu, vunchiannusi chiù giri,
facia attornu pi farisi nutari
circava a idda farici capiri
che u nidu vinni l'ura di cunzari.

Vidia do me balcuni sti lavuri
e a tinirizza mi facia pinzari
chi duci sintimentu chi è l'amuri.

Ora li picciutteddi su a 'mpinnari
e tutti dui palummi primi atturi
a turnu ci lu civunu 'u mangiari.
DUE COLOMBELLE

Due colombelle sopra ai canali
dell'altra ognuna prende cura,
si guardavano parlandosi d'amore
baciandosi così, sbattendo le ali,

Il maschi, gonfiandosi più volte,
si metteva in mostra per farsi notare
cercava di far capire a lei
che era venuto il tempo per preparare il nido.

Vedevo dal mio balcone questi lavori
e la tenerezza mi faceva pensare
quale dolce sentimento è l'amore.

Ore i giovanotti sono a fare i figli
e tutte e due colombi sono primi attori
a turno imboccano i figlioli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 98 visitatori e nessun utente online