MURMURII DI VITA

Giuseppe Sammartano 

 

 






MURMURII DI VITA
Piunchi raj
di 'n suli di Nuvembri,
càlunu supra a sta terra
assuppata di suduri
suttamisu a lu burgisi;
e di lacrimi salati di minera.
Pirchì m'allanzunu i ricordi?
Forsi pi scurdari lu prisenti
chi campa la so vita a li bordi;
'ncuddatu a li peni di la genti.
Quantu cunta lu passatu?
Pi chissu lu cercu 'nte me silenzi
ca vèstunu i pinseri di ricordi,
purtànnusi appressu,..
'na truscia d'appannusi fijuri
e di 'nfruscati soni,
unni si 'ntravìdunu
antichi trazzeri
spaccati di siti d'amuri,
fra sgruppi siccati di spini,
fra petri cucenti di suli
ca vùgghiunu l'aria
di vampa e d'arsuri
lu tristi travàgghiu;
e li muti lamenti.
In terra siccagna
nun nàsciunu ciuri!
Ma chi pò diri
'n paisi senza 'n passatu?
Lassu lu me cantu
o capricciu di lu ventu,
spirannu...
ca sti murmurii di vita
abbòlunu chiù supra di lu tempu
pi ristari vardiani di l'omu.
                                       
MORMORII DI VITA
Malaticci raggi,
di un sole di Novembre,
scendono sopra a questa terra
inzuppata di sudore
sottomesso al padrone
e di lacrime salate di miniera.
Perché m'assalgono i ricordi?
Forse per dimenticare il presente
che vive la sua vita ai bordi;
incollato alle pene della gente.
Quanto conta il passato?
Per questo lo cerco nei miei silenzi
che vestono i pensieri di ricordi,
portandosi appresso
un fagotto di opache figure
e di ovattati suoni,
dove s'intravedono
antiche carraie
spaccate di sete d'amore,
fra secchi arbusti spinosi,
fra pietre cocenti di sole
che bollono l'aria
con fiamme d'arsura
il triste lavoro
e i muti lamenti.
In terra arida
non nascono fiori!
Ma cosa può dire
un paese senza un passato?
Lascio il mio canto
al capriccio del vento,
sperando…
che questi mormorii di vita
volino più sopra del tempo;
per restare guardiani dell'uomo.
                             

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 91 visitatori e nessun utente online