PUISIA DI LU CORI

Giuseppe Sammartano 

 

 







PUISIA DI LU CORI
Mi lu ricordu jù quann'era nicu
cu' me matruzza jia a lu mircatu,
stu quatru ora addivintatu anticu,
è nta me menti ancora mpiccicatu.
La tanta genti ‘nta cunfusioni
vardava e si firmava ai bancareddi,
ddà unni c'era in esposizioni
'a mircanzia j tanti cosi beddi.
Nna li cannistri pisci stralucenti
e lu pisciaru chi l'abbanniava,
o chiddu a fedda o chiddu chiù currenti;
in basi a la sacchetta s'accattava.
'A frutta misa tutta apparicchiata
ca era un trionfu di culuri,
assemi aliva janca ddà cunzata,
l’anciovi d"u cugnittu e li virduri.
Li tanti cosi beddi chi 'a Natura
d"a nostra terra duci li sbuddava,
facèvunu scurdari 'a vita dura
ca ogni jomu u tempu strascinava.
Un carusiddu èva avanti e arreri,
tuttu lu santu jornu, di cuntinu,
li causiddi curti e nudi i peri,
vuciava: "Accattati u puddisinu!"
M'arricuggheva a casa e cu' l'amuri,
me matri mi tineva la manuzza;
mi pari di sintiri u so caluri
ancora nta li carni ca m'attruzza.
Mi pari di sintiri 'a so risata
nto mentri chi guidava u me caminu,
jù mi sinteva l'arma cunuttata;
filici comu 'a ciocca e u puddicinu.
Su' tantu sti ricordi a mia cari
chi vànnu cu' lu tempu appressu a mia,
ne' pozzu da la mentì cancillari;
pirchì pi lu me cori su' Puisia.                                           

POESIA DEL CUORE
Ricordo ancora io da ragazzino
andavo con mia madre al mercato,
un quadro diventato ora antico,
nella mia mente è ancor stampato.
Nella confusione tanta gente
si soffermava nelle bancarelle,
dov'era messa in esposizione
la mercanzia e tante cose belle.
Il pesce luccicava nei canestri
che il suo venditor pubblicizzava:
e quello a fette oppur quello corrente,
in base ai propri soldi ognun comprava.
La frutta messa tutta apparecchiata,
che era un trionfo di colori,
olive bianche tutte ben condite,
acciughe in botticelle e le verdure.
Le tante cose belle che in Natura,
la nostra dolce terra coltivava,
facevano scordar la vita dura
che ogni giorno il tempo trascinava.
Un ragazzino andava avanti-indietro,
continuamente per l'intero giorno,
in calzoncini corti e a piedi nudi:
- Compratevi il prezzemolo! - gridava.
Nel rientrare a casa con amore
mia madre mi teneva per la mano;
mi sembra di sentire il suo tepore
rimasto attaccato alla mia pelle.
Mi sembra di sentir la sua risata
mentre che mi guidava nel cammino,
io mi sentivo il cuore confortato;
felice come chioccia e il suo pulcino.
Son tanto cari questi miei ricordi,
che vanno con il tempo appresso a me,
non posso dalla mente cancellarli;
perché son Poesie care al cuore.                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 97 visitatori e nessun utente online