LA SPISA EURANIO

 

LA SPISA EURANIO

 

POESIE

CIURI D'ABBISSU

LU VITTI

MAMMA

TESTAMENTU

VOLU


 

LA SPISA EURANIO

 

CIURI D'ABBISSU


 

CIURI D’ABBISSU

Si scontranu cuscenzi, fannu guerra,
scagghìannusi sintenzi comu petri,
‘n menzu di li dulura di ‘sta terra
chi parinu pittati ‘nta li quatri.

Mancu s’avverti ‘n'alitu di ventu,
‘nta ‘stu disertu di muntagni ‘i sali
e milli occhi persi ‘ntô spaventu
nun sannu chiù qual’è lu veru mali.

E nun ci resta autru chi scappari
dintra cunfini d’universi ‘mmenzi,
mentri la morti li stà ‘ssicutari
tantu chi ci fa pèrdiri li sensi.

Di ciuri nun ci n’è, tutti fineru,
‘nta li muccuna di ‘n' abbissu scuru,
pri quantu genti chi dda si pirderu
mancu si fannu cruci ‘nta lu muru.

FIORI D’ABISSO

Si scontrano coscienze, fanno guerra,
scagliandosi sentenze come pietre,
in mezzo ai dolori di questa terra
che sembrano dipinti su dei quadri.

Nemmeno s’avverte un alito di vento,
in questo deserto di montagne di sale
e mille occhi persi nello spavento
non sanno più quale sia il vero male.

E non ci resta altro che scappare
dentro i confini di universi immensi
mentre la morte li sta ad inseguire
tanto da fargli perdere i sensi.

Di fiori non c’è ne sono piu,tutti finiti
dentro le fauci di un’abbisso scuro
per quanta gente che li si è perduta
nemmeno croci si fanno sopra i muri.

 

LA SPISA EURANIO

 

MAMMA


MAMMA

Si vasanu li labbra pri du’ voti
liggeri com’un battitu di ali,
‘na musica si senti cilistiali
di sinfunia, ch’è fatta cu du’ noti.

MAMMA si' tu ! La chiavi di viulinu
‘nta lu spartitu chi canta d’amuri,
si' ‘n’opira che scrissi lu Divinu
‘ntunata cu li noti ‘n Do maggiuri!

Lu beni chi ti vogghiu un sacciu diri
pirchi fatt’è d’amuri a nun finiri,
mammuzza chi la vita mi dunasti
cu forti dogghia quannu parturisti!

                                                                                               

MAMMA

Si baciano le labbra per due volte
leggere come un battito di ali
si ascolta una musica celestiale
una sinfonia con solo due note.

MAMMA sei tu! La chiave di violino
sullo spartito che canta l’amore
sei un’opera scritta dal Divino
intonata con le note in Do maggiore.

Il bene che ti voglio non so dire
perchè fatto è d’amore a non finire
mammina che la vita mi hai donato
con forti doglie quando mi hai partorito.

 

LA SPISA EURANIO

 

LU VITTI


LU VITTI

Lu vitti dda, pusatu supra un ciuri,
‘nta l’acqua di surgenti, li ciumari,
vistutu di smiraldu ‘nta l’albùri,
‘nto russu mentri ‘u suli va’ cuddari.

Lu vitti dda, jucava cu li stiddi,
cantava a lu chiaruri di la luna,
dintra di l’occhi ancora picciriddi,
‘nta chianta di ‘na manu chi pirduna.

Lu vitti dda, sculava di ‘na cruci,
funtana ginirusa di salvizza,
‘ngaggiatu ‘ntra du’ cori, duci duci,
‘nta ‘na vasata, supra ‘na carizza.

Lu vitti, ‘nta li minni di me matri,
‘nta li capiddi niuri ‘i ‘na carusa,
supra li spaddi stanchi di me patri,
‘ppuijatu supra un’ arma ginirusa.

                                                                                               

LO VIDI

Lo vidi la, poggiato sopra un fiore
fra le acque di sorgenti ed i ruscelli,
vestiva di smeraldo negli albori
del rossore del cielo quando il sole tramonta.

Lo vidi la, giocava con le stelle
cantava al chiarore della luna
dentro agli occhi dei bambini
nel palmo di una mano che perdona.

Lo vidi la, colava da una croce
fontana generosa di salvezza
stretto fra due cuori dolcemente
in un bacio,dentro una carezza.

Lo vidi sui seni di mia madre
fra i capelli neri di una ragazza
sopra le spalle stanche di mio padre
appoggiato sopra un’anima generosa.

 

LA SPISA EURANIO

 

TESTAMENTU


TESTAMENTU

Ora figghiuzzu ti facisti granni,
e d’omu granni ti vogghiu parrari,
comu mpittàri li futuri anni.

Nudda ricchezza àju di ti lassari,
pirchi mi l’aju siccati li vudedda,
ittannu sempri sangu pi campari.

Pirciò nun ni livari mai cappedda,
pirchì la puvirtà nun’è vriogna,
onuri, dignità, pani e cipudda!

A costu di la vita! Si’ bisogna,
difenni la Sicilia, Patria amata,
da li spiuna, ‘nfami, li carogna!

‘Sta nostra lingua assai nubilitata,
ricorda di ‘nzignari a li carusi
pirchì di patri nostri fù aduttata.

Distanti migghia stai da li mafiusi,
pirchì su’ veru omini di nenti,
nimici dî cristiani laburiusi.

Ascuta ‘sti paroli attentamenti,
nun li scurdari mai chisti cunsigghi,
to nannu mi li desi parimenti,
poi fai lu stissu tu, cu li to’ figghi.

                                                                                

TESTAMENTO

Ora figliolo ti sei fatto grande,
e da uomo a uomo voglio parlarti,
come affrontare gli anni futuri.

Nessuna ricchezza ho da lasciarti,
perchè ho sempre stretto la cinghia,
faticando sempre sodo, per vivere.

Per tanto, non umiliarti mai davanti a nessuno,
perchè essere poveri, non è un’onta,
onore, dignità, pane e cipolla!

A costo della vita, se necessario,
difendi la Sicilia, Patria amata,
dai prepotenti, gli infami e le carogne!

Questa nostra Lingua, tanto nobile,
ricordati di tramandarla ai giovani
perchè dai padri nostri, venne adottata.

Stai sempre lontano dai mafiosi,
perchè sono davvero gentaglia,
nemici della gente laboriosa.

Ascolta queste parole con attenzione,
e fidati di questi miei consigli,
io li ricevetti da tuo nonno,
poi fa lo stesso tu, con i tuoi figli.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 66 visitatori e nessun utente online