LA SPISA EURANIO

 

TESTAMENTU


TESTAMENTU

Ora figghiuzzu ti facisti granni,
e d’omu granni ti vogghiu parrari,
comu mpittàri li futuri anni.

Nudda ricchezza àju di ti lassari,
pirchi mi l’aju siccati li vudedda,
ittannu sempri sangu pi campari.

Pirciò nun ni livari mai cappedda,
pirchì la puvirtà nun’è vriogna,
onuri, dignità, pani e cipudda!

A costu di la vita! Si’ bisogna,
difenni la Sicilia, Patria amata,
da li spiuna, ‘nfami, li carogna!

‘Sta nostra lingua assai nubilitata,
ricorda di ‘nzignari a li carusi
pirchì di patri nostri fù aduttata.

Distanti migghia stai da li mafiusi,
pirchì su’ veru omini di nenti,
nimici dî cristiani laburiusi.

Ascuta ‘sti paroli attentamenti,
nun li scurdari mai chisti cunsigghi,
to nannu mi li desi parimenti,
poi fai lu stissu tu, cu li to’ figghi.

                                                                                

TESTAMENTO

Ora figliolo ti sei fatto grande,
e da uomo a uomo voglio parlarti,
come affrontare gli anni futuri.

Nessuna ricchezza ho da lasciarti,
perchè ho sempre stretto la cinghia,
faticando sempre sodo, per vivere.

Per tanto, non umiliarti mai davanti a nessuno,
perchè essere poveri, non è un’onta,
onore, dignità, pane e cipolla!

A costo della vita, se necessario,
difendi la Sicilia, Patria amata,
dai prepotenti, gli infami e le carogne!

Questa nostra Lingua, tanto nobile,
ricordati di tramandarla ai giovani
perchè dai padri nostri, venne adottata.

Stai sempre lontano dai mafiosi,
perchè sono davvero gentaglia,
nemici della gente laboriosa.

Ascolta queste parole con attenzione,
e fidati di questi miei consigli,
io li ricevetti da tuo nonno,
poi fa lo stesso tu, con i tuoi figli.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 100 visitatori e nessun utente online