LA SPISA EURANIO

 

LU VITTI


LU VITTI

Lu vitti dda, pusatu supra un ciuri,
‘nta l’acqua di surgenti, li ciumari,
vistutu di smiraldu ‘nta l’albùri,
‘nto russu mentri ‘u suli va’ cuddari.

Lu vitti dda, jucava cu li stiddi,
cantava a lu chiaruri di la luna,
dintra di l’occhi ancora picciriddi,
‘nta chianta di ‘na manu chi pirduna.

Lu vitti dda, sculava di ‘na cruci,
funtana ginirusa di salvizza,
‘ngaggiatu ‘ntra du’ cori, duci duci,
‘nta ‘na vasata, supra ‘na carizza.

Lu vitti, ‘nta li minni di me matri,
‘nta li capiddi niuri ‘i ‘na carusa,
supra li spaddi stanchi di me patri,
‘ppuijatu supra un’ arma ginirusa.

                                                                                               

LO VIDI

Lo vidi la, poggiato sopra un fiore
fra le acque di sorgenti ed i ruscelli,
vestiva di smeraldo negli albori
del rossore del cielo quando il sole tramonta.

Lo vidi la, giocava con le stelle
cantava al chiarore della luna
dentro agli occhi dei bambini
nel palmo di una mano che perdona.

Lo vidi la, colava da una croce
fontana generosa di salvezza
stretto fra due cuori dolcemente
in un bacio,dentro una carezza.

Lo vidi sui seni di mia madre
fra i capelli neri di una ragazza
sopra le spalle stanche di mio padre
appoggiato sopra un’anima generosa.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 239 visitatori e nessun utente online