LA SPISA EURANIO

 

VOLU


 

VOLU

Ammiru ‘u panurama circustanti
chi dî biddizzi l’occhiu mi sàzia,
pirdennumi ‘nto spaziu cca davanti,
ci dugnu sfogu a la me fantasia.

Io fazzu comu siddu mi cunfunnu
chi n’canciu di li vrazza avissi l’ali,
‘ccussì cumu ‘n'aceddu primurdiali
c’un sautu spiccu 'u volu ‘ntunnu ‘ntunnu!

Avutu ‘n celu mi ni vaju spaziannu
supra di li lavanchi, la chianura,
mentri miatu vaju cuntimplannu
di ‘stu scinariu tutti li culura.

C’un ciumi chi ci scurri propriu attàgghiu
‘na vòschira si vidi e pri lu sfiziu
nun sbattu l’ali ,’n volu mi ripigghiu,
e calu testa sutta a pricipiziu !

Supra di l’acqua ora io ci planu,
‘mmiratu di scupriri ‘n munnu novu,
mentri chi cercu d’attirrari ‘n chianu,
però cû culu ‘n terra mi ritrovu!

                                                            

VOLO

 

Ammiro il panorama circostante
che di bellezze l'occhio mi sazia,
perdendomi nello spazio qui davanti,
do sfogo alla mia fantasia.

Io faccio come se mi confondo
che in cambio delle braccia avesessi l'ali,
così come un uccello primordiale
con un salto spicco il volo intorno.

Alto in cielo me ne vo spaziando
sopra terre scoscese, sopra pianure,
mentre beato vi contemplando
di questo scenario tutti i colori.

Con un fiume che scorre proprio vicino
ad un bosco si vede e per la gioia
non sbatto le ali, ed in volo mi riprendo,
e abbasso la testa sotto ad un precipizio!

Sopra l'acqua ora plano,
ammirato di scoprire un m ondo nuovo,
mentre che cerco d'atterrare in pianura,
però col sedere a terra mi ritrovo!

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 318 visitatori e nessun utente online