LA SPISA EURANIO

 

CIURI D'ABBISSU


 

CIURI D’ABBISSU

Si scontranu cuscenzi, fannu guerra,
scagghìannusi sintenzi comu petri,
‘n menzu di li dulura di ‘sta terra
chi parinu pittati ‘nta li quatri.

Mancu s’avverti ‘n'alitu di ventu,
‘nta ‘stu disertu di muntagni ‘i sali
e milli occhi persi ‘ntô spaventu
nun sannu chiù qual’è lu veru mali.

E nun ci resta autru chi scappari
dintra cunfini d’universi ‘mmenzi,
mentri la morti li stà ‘ssicutari
tantu chi ci fa pèrdiri li sensi.

Di ciuri nun ci n’è, tutti fineru,
‘nta li muccuna di ‘n' abbissu scuru,
pri quantu genti chi dda si pirderu
mancu si fannu cruci ‘nta lu muru.

FIORI D’ABISSO

Si scontrano coscienze, fanno guerra,
scagliandosi sentenze come pietre,
in mezzo ai dolori di questa terra
che sembrano dipinti su dei quadri.

Nemmeno s’avverte un alito di vento,
in questo deserto di montagne di sale
e mille occhi persi nello spavento
non sanno più quale sia il vero male.

E non ci resta altro che scappare
dentro i confini di universi immensi
mentre la morte li sta ad inseguire
tanto da fargli perdere i sensi.

Di fiori non c’è ne sono piu,tutti finiti
dentro le fauci di un’abbisso scuro
per quanta gente che li si è perduta
nemmeno croci si fanno sopra i muri.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 50 visitatori e nessun utente online