ROMANO FRANCESCO

 

AMANTI DI TERRA LUNTANA

Francesco Romano

 

 
 

 
 
AMANTI DI TERRA LUNTANA
L'avìssimu a circàri, 'ntirrugàri,
scavàri nni lu fùnnu di lu cori,
scuprìri lu turmièntu ca cunzùma:
l'amuri di la terra ca è luntana.
Avìssimu ascutàri la sò vita,
quannu lu sò paìsi era strittu
e lu fìciru scugnàri senza drittu.
Avìssimu a capìri la sò rràggia
comu un carzaràtu nni la gàggia.
Nunn'è 'na voglia di guerra,
ma sintimièntu d'amuri ppi la terra.
Amuri ca nun si pò dimustràri
ppi lu distìnu ca nun fa turnàri.
Ma cu sùnnu li 'migrànti?
Sùnnu tanti, tanti e tanti,
simplicimènti pòviri amanti.
AMANTI DI TERRA LUNTANA
Dovreste cercarlo, interrogarlo,
scavare nel fondo del suo cuore,
trovare il tormento che consuma:
l’amore della terra che è lontana.
Dovreste ascoltare la sua vita,
quando il suo paese era stretto
e lo fecero allontanare senza diritto.
Dovreste capire la sua rabbia
come un carcerato nella gabbia.
Non è voglia di guerra,
ma sentimento d’amore per la terra.
Amore che non si può dimostrare
per il destino che non fa tornare.
Ma chi sono gli emigranti?
Sono tanti, tanti e tanti,
semplicemente poveri amanti.
 
 
 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FRANCESCO ROMANO


 

AMANTI DI TERRA LUNTANA

CANTU DI LU VIDDANU

LA CANNILEDDA DU PICURARU

LA PIGNATEDDA DI LANNA

LICATA

LU MA CURREDU

LU MURU DI LA CRUCIDDA

NA JURNATA DI MIRCATU

RITEGNU

LA VUCI

ACCHIANU

Francesco Romano, nato a Ravanusa, vive dal 1960 a Milano. E' socio del "Cenacolo letterario 2000" e del cir-colo "I poeti dell'Ariete".
Ha pubblicato il libro di poesie "Sa benedica"
Ha edito "U megghiu cuntu" libera riduzione della Bibbia in versi siciliani.
Ha vinto i seguenti Premi Internazionali: "ISiracusani", "Maestrale S. Marco", " il Marengo d'Oro - Sestri Levante", "Città diMarineo".
2° classificato Memorial Rosa Balistreri 5 edizione, 2005 Licata.
1° Classificato sezione Poesia 10 Memorial Rosa Balistreri.
Sta scrivendo una libera interpretazione del Vangelo in versi siciliani che darà alla luce al più presto.
Grande poeta siciliano, ha saputo mettere in versi siciliani la Bibbia facendo risaltare la sua vena di ironia e il suo acume poetico nei passi più importanti del Vecchio e del Nuovo Testamento.

 

 
 
 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
LICATA
Francesco Romano
 
 
 

 
 
 LICATA
Si la Sicilia di lu munnu è sciuri
Licata è lu so petalu lu miegliu
ca cci duna sciàuru e culuri.
Giuiellu 'ncastunatu nni lu mari
ca brilla sutta un celu can un c'è pari.
Lu mari l'abbrivira e l'accarizza
comu na matri c'addreva lu so figliu.
Rispettalu 'stu petalu 'mpurtanti
un sciuri spampinatu 'un vali nenti.       
LICATA
Se la Sicilia del mondo è il fiore
Licata è il suo petalo più bello
che dona profumo e colore.
Gioiello incastonato nel mare
che brilla sotto un cielo che non c'e pari.
Il mare l'abbevera e l'accarezza
come una madre che alleva suo figlio.
Rispettalo questo petalo importante
un fiore spampinato non vale niente.
 
 
 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

STAMMU ARRISTAMMU A LU SCURU

Francesco Romano

 

 
 

 
 
STAMMU ARRISTANNU A LU SCURU
Stànnu sbintrànnu la terra.
Stànnu faciènnu cimèntu di terra viva:
la meglia. 
E l’àrma d’ìdda russìgna
grida vinnìtta e poi trema. 
Càdinu càsi e palazzi 
e l’òmu chiànci e 'un si pènti. 
Chiànci lu suli 
chiàncinu li stìddi 
chiànci lu Signuri. 
La luna talìa e arrussìca 
e scàppa ppi nn' atra cuntràta. 
Lu vièntu si ferma e nun frisca 
lu mari nun parla. 
Stànnu spardànnu la terra 
stànnu allurdànnu lu mari 
stànnu appannànnu lu cèlu. 
Stammu arristannu a lu SCURU
STIAMO RIMANENDO AL BUIO
Stanno sventrando la terra.
Stanno facendo cemento di terra viva:
la migliore. 
E l'anima sua rossiccia 
grida vendetta e poi trema. 
Cadono case e palazzi 
e l’uomo piange e non si pente. 
Piange il sole 
piangono le stelle 
piange il Signore. 
La luna guarda e arrossisce 
e scappa per un'altra contrada.
Il vento si ferma e non fischia 
il mare non parla. 
Stanno consumando la terra 
stanno sporcando il mare 
stanno appannando il cielo. 
Stiamo rimanendo al BUIO.
 
 
 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NA JURNATA DI MIRCATU

Francesco Romano

 

 
 

 
 
 
‘NA IURNATA DI MIRCATU”
di Francesco Romano
CC’era ‘ na vota
lu mircàtu ccu l’Annona

ùnna si vinniva la frutta e la virdùra.
Ppì carmàri li priezzi esagèrati
l’Annòna arrilasciàva giùsti mèti.
La chiazza addivintàva n’artarìnu
e ogni frùttu ccu lu so prufùmu.
Ammunziddràti li milùna n’terra
lu sciàuru spapuràva d’ògni bbànna
ràppi d’inzòlia ni li tavulìddri
mìnni di vacca pi li malatièddri
ficu niuri nni li so cancièddri
pumadamùri, ficudìnnii e finucchièddri;
trìzzi d’àgliu ca parìvanu cullàni
cicoria, cucuzzèddra e tinnirumi
e tanta frutta ppi manciàrla ccu lu pàni.
Era un tiàtru arrialàtu e senza sèggia
vanniatùra di la mircànzia
cc’è cu accàtta e cc’è cu talìa.
un murmuriu ca pari na canzuna
‘na sturnilàta ca dùra na jurnàta
vuci ammiscàti ca pari ‘na ‘nzalata.
Talìa ddà ‘nfùnnu chi stà succidiènnu!
Un piccilìddru tàsta la racìna
e lu patrùni cci duna timpulùna.
Veni lu pàtri ca nunn’arragiùna
volanu pagnuttùna e santiùna.
Finisci lu mircàtu
finisci lu tiàtru
e arrèstanu li pòviri
ca scalìanu munnìzza
ppì tècchia d’inzalata musciulìddra
frùtta purrìta
vrigògna mùta
e russùri sarbavìta.                                                      
 
UNA GIORNATA DI MERCATO”

C’era una volta
il mercato con l’Annona

dove si vendeva la frutta e la verdura.
Per frenare i prezzi esagerati,
L’Annona imponeva giuste mete.
La piazza diventava un altarino
ed ogni frutto con il suo profumo
Ammonticchiati i meloni a terra
In ogni parte odore si spandeva
grappoli d’inzolia sopra i banchetti,
mammelle di vacca (qualità d’uva) per i malatucci.
Fichi neri nei corbelli, pomodori,
fichidindia e finocchietti
trecce d’aglio che sembravano collane,
cicoria, zucchine, e tenerume
e tanta frutta per mangiarla con il pane
Era un teatro gratis e senza sedia
banditori della mercanzia
c’è chi compra e c’è chi guarda.
Un mormorio che sembra una canzone,
una stornellata che dura una giornata
Voci mischiate che sembra un’insalata.
Guarda là in fondo quel che succede!
Un ragazzino assaggia l’uva
e il padrone gli dà uno schiaffone.
Arriva il padre molto infuriato
volano bestemmie e pugni forti.
Chiude il mercato 
finisce il teatro
e rimangono solo i poveri

che frugano nell’immondizia
per un po’ d’insalata appassita,
frutta marcia
vergogna muta
e rossore salvavita.
 
 
 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 200 visitatori e nessun utente online