LA VUCI

Francesco Romano

  

 

 
 
LA VUCI

Vuci di ma matri
ca mi cantava puisìi d'amùri
e canta ancóra.
A la chiamata
la vuci tua m'allianàva
di la passióni di lu iuòcu
cunzàtu di prùvuli di strata;
e iiu currìva
lassannu li ma petri e li cumpàgni
pp'aggrappàrimi strìttu strìttu a ttìa.
Vuci ca chiamava e chiama ancóra,
vuci vagnàta di làgrimi
ca gràccia e vàsa
lu ma cori senza porti.
Vuci rutta di la luntanànza
ca cunzùma li ma forzi.
Ora ca sùgnu vicìnu a ttìa
t'abbràzzu e strìnciu li to manu ardenti.
Sprìscinu li pinzerà tìnti.
LA VOCE

Voce di mia madre
che mi cantava poesie d'amore
e canta ancora.
Alla chiamata
la voce tua mi distraeva
dalla passione del gioco
condito di polvere di strada;
e io correvo
lasciando le mie pietre e i compagni
per aggrapparmi stretto stretto a te.
Voce che chiamava e chiama ancora,
voce bagnata di lacrime
che graffia e bacia
il mio cuore senza porte.
Voce rotta dalla lontananza
che consuma le mie forze.
Ora che sono accanto a te
t'abbraccio e stringo le tue mani ardenti.
Spariscono i pensieri tristi.
 V
 
 




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 115 visitatori e nessun utente online