LA PIGNATEDDA DI LANNA

Francesco Romano

 

 

 


 

 


LA PIGNATEDDA Dl LANNA

Quantu stàcchi di pani mi manciàvu,
pignatedda di lànna lucenti,
ca purtasti di l’America luntana
fasòli ccu lu sucu e sazizzùna.
Lu primu portapìnni,
la prima scatuletta portasordi
spruvigliàta, lavata e accarizzata,
lu primu palluni pi ggiucari
Scarpi affamati ccu li vùcchi apièrti
t’arrizzulàvanu mmiènzu a lu stratùni
e tu tintinniàvatu
e facìvatu rumuri!
Na pidatedda ti vulissi ancòra dari.
Sentiri lu tò scrùsciu
li cumpagni vuciàri,
la vuci di mà matri ca mi chiama
lu fadàli ca mi stùia li sudùra,
lu sciàuru di pani càllu càllu
mà nanna ca s’affàccia ccu lu sciàllu…
lu silenziu di la punta di li casi
e tuttu lu teatru di paisi.                             
LA SCATOLETTA DI LATTA
(la scatoletta di latta)

Quante fette di pane ho mangiato,

scatoletta di latta lucente,
che hai portato dalla lontana America
fagioli con il sugo e salsicciotti.
Il primo portapenne,
la prima scatoletta portasoldi
spolverata, lavata e accarezzata,
il primo pallone per giocare
Scarpe affamate con le bocche aperte
ti ruzzolavano in mezzo allo stradone
e tu tintinnavi
e facevi rumore!
Una pedatina ti vorrei ancora dare.
Sentire il tuo suono
i compagni vociare,
la voce di mia madre che mi chiama
il grembiule che mi asciuga i sudori,
il profumo di pane caldo, caldo,
mia nonna che s’affaccia con lo scialle…
il silenzio delle ultime case
e tutto il teatro del paese.

 

La “pignateddra di lanna” è la scatoletta di latta dentro alla quale vengono conservati sottovuoto alcuni alimenti come fagioli, piselli, tonno ecc.
Il poeta ricorda le prime scatolette donate alla gente dagli americani dopo lo sbarco.

 

 V

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 257 visitatori e nessun utente online