LU MURU DI LA CRUCIDDA

Francesco Romano

 

 
 

 
 
 

LU MURU DI LA CRUCIDDA


Quànnu lu suli ncuminciàva a calliàri
e la ggénti virniàva ppi li stràti
lu muru di la pùnta di li casi
stava ddà ccu li sò balàti.
Dava puòstu a li disoccupati
a li màsci e a li nnamuràti.
Mpàcci, a lu largu,
vicinu a la Crucìdda,
'na brivatùra d'acqua cristallina
arristuràva li viddàni cu li mula.
Silenziu, sùli, erba virdi e sciùri
sbùffi di mùla càrrichi
annaculiu di ròti
scampaniàti versu Santu Vitu (2)
di piécuri a la mànnara arrivàti...
Quànnu li stìddi
arraccamàvanu lu célu
e la luna pariva un guardiànu
mentri sunava lu dùci marranzànu
lu muri 'ncuminciàva a scricchiuliàri
sùtta lu pisu di l'òmu sugnatùri.
1) Crucidda: edicola sormontata da una croce
2) Santu Vitu: contrada di campagna.   
IL MURO DELLA PICCOLA CROCE
Quando il sole incominciava a riscaldare
e la gente brulicava per le strade
il muretto in fondo al paese
stava là a offrire le sue pietre.
Dava posto ai disoccupati
ai mastri e agli innamorati.
Di fronte, al largo,
vicino alla Crocetta,

una fontana d'acqua cristallina
i contadini e i loro muli dissetava.
Silenzio, sole, erba verde e fiori
sbuffi di muli carichi
dondolìo di ruote
scampanellii verso Santo Vito(2)
di pecore all'ovile arrivate..
Quando le stelle
ricamavano il cielo

e la luna sembrava un guardiano
mentre suonava il dolce marranzano
il muro incominciava a scricchiolare
sotto il peso dell'uomo sognatore.                   
 V
 
 




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 46 visitatori e nessun utente online