POESIE

CAVALERI

 

CAVALERI

 

"Attia, porta 'ssu bùmmulu!"...
E tu currevi!
Furriavi comu 'n-tuppèttiru
scalcagnatu e nta n'acqua
pi tuttu lu canteri.

"Annàchitì, 'mmuccalapuni!...
…E rampi e faddacchi,
e scali e puntili…
Nfarinatu di quacinazzu,
abbraccettu a lu bùmrnulu,
acchianavi e scinnevi!
comu 'n-surgi, stricànnuti
lu pusu nta la nasca
sempri nzunzata frisca.

Assai n'assuppasti
papàgni e scòppuli
senza pipitiari, sutta
'n-cappiddazzu di giurnali...

'Nsutta-sutta, però,
mutu e soru, cu dd'ucchitti
di lucirtuni spatajolu,
scippavi
a li "cacocciula" chiù ntìsi
lu misteri di li manu.
…. E cu l'ava a diri
ca nta parmu
di pettu smèusu
spaziàvanu voli d'àcula?..

Mancu Diu si l'aspittava
ca 'ncocciu di muccu
puteva parturiri na balena….

Abbrancicànnuti
cu l'ugna e cu li denti
ti lassasti a li spaddi
eserciti immensi
di zappaturi d'acqua
e mìtituri di ventu.

Acchianasti, miatiddu!
Abbrancicasti chiù di quantu
t'appateva lu cori
panfinu ca t'assittasti
supra lu jimmu di l'arcubalenu.

Ora si' Cavaleri...
Ora, patroni di n'imperu,
sputi sintenzi
e zuttìi cu l'occhi
branchi di sagnetti allupati
ca ti sbàvanu a li pedi
comu a lu santu di la vara…

…Ma nudda ricchezza,
nudda strapotenza
ti po' sdradicari
di li ncàgghi di l'anima
l'ecu anticu
di 'nfamusu riturnellu:

"Attììììaaa….porta
'ssu bummulu!!!..."

                                                                                              

CAVALIERI

 

"Dico a te, bambino, porta questa anfora"...
E tu correvi!
Giravi come una trottola
mal vestito e sudato
per tutto iol cantiere.

Sbrigati, acchiappaapi;...
e rampe e tavolacce
e scale e pontili...
Infarinato di calcina
con in braccio la quartara,
salivi e scendevi:
come un topo, strofinandoti
il polso nel naso
sempre sporca di fresco.

Assai ne hai presi
botte e schiaffi
senza fiatare, sotto
un cappellaccio di giornale...

Sotto sotto, però
mjto e saggio, con quegli occhi
di lucertolone ladro
scippavi
ai lavoratori più in gamba
il mestiere dalle mani.
... E chi doveva dircelo
che in un palmo
di petto piccolo
spaziavano voli d'aquila?...

Nenneno Dio se l'aspettava
che un coccio di neonata (pesce neonato)
poteva partorie una balena...

Tenendoti forte
con le unghia e con i denti
ti seimlasciato alle spalle
eserciti immensi di
contadini d'acqua
e mietitori di vento.

Se salito, beato te
Ti sei abbrabcicato più di quanto
desiderasse il tuo cuore
perfino che ti sei seduto
sul gibbo dell'arcobaleno.

Ora sei cavaliere...
ora padrone di un impero,
sputi sentenze
e zittisci con gli occhi
branchi di sanguisughe allupati
che sbavano ai piedi
come al santo della vara.

Ma nessuna ricchezza
nessuna strapotenza
ti può sdradicare
dagli angoli nascosti dell'anima
l'eco antico
di un famoso ritornello:

"Dico a te, bambino,
porta questa anfora"...

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 335 visitatori e nessun utente online