TROVATO CARLO

 

 

POESIE

CAVALERI

CIRALOIDI

DDA LACRIMA

NUN È LU SCURU

NUVULA

 

tratto da: http://www.csssstrinakria.org/poeti.htm

Carlo Trovato appartiene alla nuova generazione dei poeti siciliani. Nella sua poesia, generalmente intrisa di un pessimismo immanente, è presente il rifiuto non reversibile di una realtà idealizzata mediante sofisticazioni letterarie o ambigua nelle eventuali proposizioni concettuali. Il suo stile poetico disadorno e incisivo, è a volte scattante. Nel senso che sono evitate, quanto più possibile, le pause lunghe che inevitabilmente appannerebbero la tersa vitalità delle immagini. Ciò in quanto nella identificazione, e conseguente descrizione analitica dell'oggetto, il poeta scava fino in fondo, ma senza protervia, anche se qualche volta risulta minuzioso, ma non prolisso, in quanto i particolari còlti attraverso un' attenta osservazione sono da considerare quali elementi essenziali e unificanti privi di svolazzi calligrafici o di perifrasi di gusto retorico. In parecchie poesie Trovato è chiaramente autobiografico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

POESIE

CAVALERI

 

CAVALERI

 

"Attia, porta 'ssu bùmmulu!"...
E tu currevi!
Furriavi comu 'n-tuppèttiru
scalcagnatu e nta n'acqua
pi tuttu lu canteri.

"Annàchitì, 'mmuccalapuni!...
…E rampi e faddacchi,
e scali e puntili…
Nfarinatu di quacinazzu,
abbraccettu a lu bùmrnulu,
acchianavi e scinnevi!
comu 'n-surgi, stricànnuti
lu pusu nta la nasca
sempri nzunzata frisca.

Assai n'assuppasti
papàgni e scòppuli
senza pipitiari, sutta
'n-cappiddazzu di giurnali...

'Nsutta-sutta, però,
mutu e soru, cu dd'ucchitti
di lucirtuni spatajolu,
scippavi
a li "cacocciula" chiù ntìsi
lu misteri di li manu.
…. E cu l'ava a diri
ca nta parmu
di pettu smèusu
spaziàvanu voli d'àcula?..

Mancu Diu si l'aspittava
ca 'ncocciu di muccu
puteva parturiri na balena….

Abbrancicànnuti
cu l'ugna e cu li denti
ti lassasti a li spaddi
eserciti immensi
di zappaturi d'acqua
e mìtituri di ventu.

Acchianasti, miatiddu!
Abbrancicasti chiù di quantu
t'appateva lu cori
panfinu ca t'assittasti
supra lu jimmu di l'arcubalenu.

Ora si' Cavaleri...
Ora, patroni di n'imperu,
sputi sintenzi
e zuttìi cu l'occhi
branchi di sagnetti allupati
ca ti sbàvanu a li pedi
comu a lu santu di la vara…

…Ma nudda ricchezza,
nudda strapotenza
ti po' sdradicari
di li ncàgghi di l'anima
l'ecu anticu
di 'nfamusu riturnellu:

"Attììììaaa….porta
'ssu bummulu!!!..."

                                                                                              

CAVALIERI

 

"Dico a te, bambino, porta questa anfora"...
E tu correvi!
Giravi come una trottola
mal vestito e sudato
per tutto iol cantiere.

Sbrigati, acchiappaapi;...
e rampe e tavolacce
e scale e pontili...
Infarinato di calcina
con in braccio la quartara,
salivi e scendevi:
come un topo, strofinandoti
il polso nel naso
sempre sporca di fresco.

Assai ne hai presi
botte e schiaffi
senza fiatare, sotto
un cappellaccio di giornale...

Sotto sotto, però
mjto e saggio, con quegli occhi
di lucertolone ladro
scippavi
ai lavoratori più in gamba
il mestiere dalle mani.
... E chi doveva dircelo
che in un palmo
di petto piccolo
spaziavano voli d'aquila?...

Nenneno Dio se l'aspettava
che un coccio di neonata (pesce neonato)
poteva partorie una balena...

Tenendoti forte
con le unghia e con i denti
ti seimlasciato alle spalle
eserciti immensi di
contadini d'acqua
e mietitori di vento.

Se salito, beato te
Ti sei abbrabcicato più di quanto
desiderasse il tuo cuore
perfino che ti sei seduto
sul gibbo dell'arcobaleno.

Ora sei cavaliere...
ora padrone di un impero,
sputi sentenze
e zittisci con gli occhi
branchi di sanguisughe allupati
che sbavano ai piedi
come al santo della vara.

Ma nessuna ricchezza
nessuna strapotenza
ti può sdradicare
dagli angoli nascosti dell'anima
l'eco antico
di un famoso ritornello:

"Dico a te, bambino,
porta questa anfora"...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

POESIE

DDA LACRIMA

 

DDA LACRIMA

Ammucciavi na lacrima
l'ultima vota
ca ti vinni a truvari.
Pi n'attimu, Mà,
ti àppi picciridda
stritta a lu me pettu.
Pi n'attimu
dda lacrima ca non vitti,
mi guidò cu la manu
n-menzu a centu vuci antichi.
Chi tinnirizza ca mi fici
la to gioia cuntignusa
di vidìrimi...
Mi pàrsi c'abbrazzavi
lu figghiu appròticu!
Jù parrava...parrava
senza diri nenti,
riparannumi
di na curpa ca non c'èra,
e tu, muta-muta,
dicevi 'sì' cu la testa
saziannuti
di ogni gestu miu,
di ogni passu...
Sora-sora,
mi scatinasti dintra
na timpesta!
Scinnìi li scali
cu lu pettu di focu
e na li labbra
li suli palori
ca non ti sàppi diri:
' Scusami, Mà,
si divintai granni...
La vita allarga l'ali,
e li celi sunnu tanti '...
Ammucciavi na lacrima.
E non poi sapiri mai
ca ju, n-menzu a la fudda,
mi n'agghiuttìi un mari!

                                                                                              

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

POESIE

CIRALOIDI

 

CIRALOIDI

È ‘n-film giallu
ntramatu di misteru.

Nuddu sapi comu
e quannu ncuminciò,
comu e quannu finisci.

Ntantu
la tila di lu schermu
si va’ smanciuliannu...

Lu rigista, quannu fu,
a opira finuta,
spirìu di fajanca
sfujennu ogni ntirvista:
non si nni sappi chiù
né vecchia e mancu nova.

L’interpriti... na marea!
Tutti beddi, bravi,
brillanti e tutti
stracunvinti
ca la parti chiù mpurtanti
è sulu chidda so.

La trama è ricca
di colpi di utu,
pugnalati
cu zùccaru e meli,
ariazza di primatturi...
...E sècuta
a girari la pillicula
tra faccilavata
e risata jarrùsa
di na massa ricitanti
cunvinta
e cunvincenti.

Ma nuddu si cala
na li panni di chiddu
ca veramenti è:
misira cumparsa
ca cumparsa
fra cumparsi
cumpari,
scumpari

                                                                                              

CELLULOIDE

 

È un film giallo
con una trama misteriosa.

Nessuno sa come
e quando iniziò,
come e quando avrà fine.

Intanto
la tela dello schermo
va consumandosi...
Il regista, allora,
a opera terminata,
sparì dalla circolazione
evitando ogni intervista:
non se ne seppe più nulla
in alcun modo.

Gli interpreti..una marea!
Tutti belli,bravi,
brillanti e tutti
straconvinti
che la parte più importante
sia la propria.

La trama è ricca
di gomitate,
pugnalate
condite da zucchero e miele,
boria da primi attori...
... E continua
a girare la pellicola
tra ipocrisie
e risate false
di una massa recitante
boriosa
e presa di sé.

Ma nessuno si cala
nei panni di chi
è davvero:
misera comparsa
che comparsa
tra comparse
appare,
scompare,
e non appare più.

                                                                                                                    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

POESIE

NUN È LU SCURU 

 

NUN È LU SCURU 

È all’ultimi lazzi
stu dramma-farsa.

Quantu prima,
senza applàusu
o faidda di gloria,
s’astuta ogni luci
e spiranza di rèplica.

Non è lu scuru
ca m’aspetta
ddoc’arreri
ca mi fa
la vucca amara:

È dd’arvulu
ca non potti sdradicari,
dda siti
ca mi lassò appilatu,
ddu muru
ca non potti abbàttiri

È ddu celu
ca mi sfujivu di li manu,
ddu chiaccu
ca non sappi strògghiri,
dda lacrima
ca non potti stujari.

Non è l’incognitu
a lu passu
ca mi stringi
li cannarini.
È lu sensu
ca non potti cògghiri
di sta pinusa acchianata
a pedi scàusi
fra ‘n-cocciu di vitru
e ‘n-chiovu arruggiatu.

                                                                                              

NON È IL BUIO

È alle ultime battute
questo dramma- farsa.

Quanto prima,
senza applauso
o scintilla di gloria,
si spegne ogni luce,
e speranza di replica.

Non è il buio
che mi aspetta
là dietro
che mi fa
la bocca amara.

È quell’albero,
che non ho potuto sradicare,
quella sete
che mi lasciò disidratato,
quel muro
che non ho potuto abbattere

È quel cielo
che m’è scappato di mano,
quel cappio
che non ho saputo sciogliere,
quella lacrima /
che non ho potuto asciugare.

Non è l’incognito
al passo
che mi stringe
la gola.
È il senso
che non ho potuto cogliere
di questa penosa salita
a piedi scalzi
fra un coccio di vetro
e un chiodo arrugginito

                                                                                                                    

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 261 visitatori e nessun utente online