MESSINA FABIO

 

MESSINA FABIO

 

POESIE

ACQUA CA VUGGHI

DONNA ERA 

NA VITA CCA LAPA

PUPI E PUPARI

 U SILENZIU RUTTU

Fabio Messina nasce nel 1970 a San Focà, frazione di Melilli (SR), e qui cresce, nei pressi di uno dei più grandi poli petrolchimici d’Europa, fino a quando sceglie di spostarsi a Palazzolo Acreide (SR) nel 1996, alla ricerca di una vita migliore, più vicina alla campagna, alla natura e a un modo di vivere più a misura d’uomo.
Ritiene che questa scelta abbia “liberato” in lui la vena poetica e la creatività.
Perito chimico industriale, esercita la libera professione di agente di commercio.
La sua vita è tutta improntata alla ricerca di modi e modelli migliori per vivere con gli altri, più vicini a madre natura, con l’obiettivo di una condivisione più equa, solidale, ecologica, spirituale e artistica.
La poesia, soprattutto in dialetto, è uno dei suoi mezzi ideali per raggiungere tale obiettivo di vita.

Pubblicazioni

2004 “ ACQUA CA VUGGHI ” raccolta di poesie in dialetto siciliano
2006 “ STIDDHI A SUDDEST ” poesie in dialetto e saggi sui prodotti e i mestieri tipici della Sicilia Sud orientale ( in sinergia con venti produttori e maestranze locali)
2010 “ SICILIA BEDDA MATRI ” poesie in dialetto e saggi sulla Sicilia e la “sicilianità” ( illustrazioni a cura di Guglielmo Manenti )
2011 “ PAULU DI LA VITA PATRONU ” romanzo ispirato alla festa di San Paolo di Palazzolo Acreide ( foto a cura di Mauro Peluso )
2014 “ MUSA D’AMURI” raccolta di poesie d’amore in dialetto siciliano

Sinergie e antologie

“ Timpanova ” (2005) – Racconto per l’antologia di autori di Palazzolo Acreide;
“ Impressioni Siciliane Scomposte ” (2007) – Opera sinergica di poesie in dialetto dell’autore con le foto di Francesco Di Martino e il video di altri autori locali;
“ Salvatore Certo ” (2008) - Poesia e redazione con il poeta Emanuele Savasta
“ Antologia dei Poeti Siciliani ” (2009) – Poesie in dialetto con l’Associazione Artisti e Poeti Siciliani;
“ Lamiantu ” (2011) – Partecipazione come attore co-protagonista nel cortometraggio di Nadia Tumino a cura dell’ONA Ragusa
“ Oggi è duminica” (2014) – Partecipazione come attore nel videoclip musicale del gruppo pop siciliano “Calandra e Calandra”

 


 

MESSINA FABIO

 

POESIE

 

NA VITA CCA LAPA

 



legge Nicolò La Perna

NA VITA CCÂ LAPA
Fabio Messina

Camina a passu lentu 'nta la strata,
nica criatura ccu tri roti,
runziannu peri peri 'nta jurnata,
fa scrusciu e va e veni tanti voti.

Nu jornu và carriannu rina 'i mari,
n’autru ligna bona r’abbruciari,
certi voti ri bomboli si inchi,
autri ri muluna finu ê cianchi.

Ferma nta n’agnuni e carica ri frutta,
diventa bancu veru ri putìa,
furriannu 'ppe vaneddi supra e sutta,
sustèni la vanniata ppi la via.

Na notti si la rubba un sonnu 'i picciriddu,
n’autra u disìu forti ri nu spiddu,
certi voti a Luna si carrìa,
autri, versi e canti 'i milutìa.

Oggi, parata ri gran festa,
è china 'i paramenti rê peri finu â testa,
na “sposa” presciaròla si ci assetta
mentri u “re” va sistimannu l’urtima gabbietta.

 UNA VITA COLL'APE

(motocarro Ape)

Cammina a passo lento nella strada,
piccola creatura con tre ruote,
fa un particolare ronzio girando nella giornata,
fa rumore e va e viene tante volte.

Un giorno va caricando sabbia di mare,
un'altro legna buona da ardere,
certe volte di bombole di gas si riempie
altre volte è stracarica di meloni.

Ferma in un angolo e carica di frutta,
diventa bancone vero di bottega,
girando per stradine sopra e sotto,
sostiene il venditore di strada.

Una notte se la ruba un sogno di un bambino,
un'altra un forte desiderio di uno spirito,
certe vole la Luna si porta,
altre volte, versi e canti di melodia.

Oggi, vestita di gran festa,
è piena di paramenti dai piedi fino alla testa,
una "sposa" frettolosa si ci siede sopra
mentre il "re" va sistemando l'ultima gabbietta.

 

 

 

 

MESSINA FABIO

 

POESIE

 

U SILENZIU RUTTU

 

U SILENZIU RUTTU

Succeri ca ri notti nta la stati

quannu tardu m’arritiru

e finuti su ra festa li gran botti,

mi scialu lu silenziu chinu chinu,

ca u sensiu ri la paci è troppu forti.

Scinnu li scali versu a casa

e viru la biddizza avanti a mia,

chiesi antichi e casi abbrazzati,

stratuzzi ri petra 'ntagghiati,

lustru ca ccu lu scuru fa l’amuri.

Ma quannu juntu sugnu

a du' passi ra mè casa,

stu silenziu maravigghia,

tuttu i corpu veni ruttu,

ca si senti u sonu ri nu cantu.

E’ u vicinu ca durmennu

porti aperti ppi la stati,

runfa bonu e teni bancu,

nu maistru i filastrocca

ca nta notti rapi vucca.

Mischinazzu lu silenziu,

jetta vuci e si lamenta,

ma la notti ci arrispunni

ca u runfari ri lu sonnu

conza i chinu lu vacanti.

E iu prijato ri sta scena,

fazzu lestu ppi durmiri,

ca mmiriusu ro vicinu,

vogghiu trasiri nto sonnu

e attaccari a serra mia!

Fabio Messina

11-8-10 Palazzolo Acreide (SR)

                                                                                                             

 

 

 

 

MESSINA FABIO

 

POESIE

 

PUPI E PUPARI

 



legge Nicolò La Perna

PUPI E PUPARI

 

Scrusciu ri lanna arrèri a 'na scena,
è prontu 'u puparu a dari vita a li pupa,
si rapi la tenna e accumincia 'na storia,
ri fimmini e cavaleri in cerca ri gloria.

Furiusu l’Orlandu contr’ô saracinu,
pigghia curaggiu ccu la spata nte manu,
Angelica dispirata nun sapi chi fari
e cerca 'i capiri unni ci abbatti lu cori.

E oggi sta storia pari ancora 'a stissa,
di 'nu puparu putenti ca canta a so’ missa,
a lu macellu manna pupi veri,
ppi la guerra unni splenni 'a luna criscenti.

Ma nun c’è chiù anùri e mancu dignità,
nta sta sfita 'i stu munnu senza pietà,
li pupa senza fila su oramai cumannati,
ppi jttari bummi e fari attintati.

E allura basta ccu sta traggedia pazza,
a jucari turnamu ccu l’opera â chiazza,
pupi finti e pupari cuntenti
e spittatura veri ca nun s’aspettanu nenti !

                                                                                                             

PUPI E PUPARI

 

Rumore di latta dietro una scena,
è pronto il puparo a dare vita ai pupi,
si apre la tenda e comincia una storia,
di donne e cavalieri in cerca di gloria.

Furioso l'Orlando contro il saracino,
prende coraggio con la spada nelle mani.
Angelica disperata non sa cosa fare
e cerca di capire verso chi batte il cuore.

E oggi questa storia sembra ancora la stessa,
di un puparo potente che canta la sua messa,
al macello manda pupi veri,
per la guerra dove splende la luna crescente.

Ma non c'è più onore e nemmeno dignità.
in questa sfida di questo mondo senza pietà,
i pupi senza fili sono ormai condannati,
per gettare bombe e fare attentati.

Ed allora basta con questa tragedia pazza,
a giocare torniamo con l'opera (dei pupi) in piazza,
pupi finti e pupari contenti.

 

 

 

 

MESSINA FABIO

 

POESIE

 

ACQUA CA VUGGHI

 

ACQUA CA VUGGHI

Chi mi ni fazzu di sta vita  

si nun mi trovu tutt’a na vota,

chi mi ni fazzu di sta genti

si quannu ci parru nun m’arresta nenti.

A strata ritta vulissi truvari,

senza pinseri e china d’amuri,

ma su granni peni e sacrifici

e li duluri su peggiu di na cruci.

Nun sacciu a quali santi agghiu a priari

pi putiri un pocu rispirari

e mancu si na dea di carni e ossa

mi putissi dari na riscossa.

Sacciu sulu ca c’è na forza intra di mia

ca mi fa ghiri avanti sta malatia,

comu nu cuncimi nta na rasta

fa crisciri li fogghi comu pì festa.

Matri mia chi duluri di testa,

pari  un tronu di na timpesta,

vogghiu diri ora basta:

è ura di calarici a pasta…

                                                                                                        

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 276 visitatori e nessun utente online