MESSINA FABIO

 

POESIE

 

PUPI E PUPARI

 



legge Nicolò La Perna

PUPI E PUPARI

 

Scrusciu ri lanna arrèri a 'na scena,
è prontu 'u puparu a dari vita a li pupa,
si rapi la tenna e accumincia 'na storia,
ri fimmini e cavaleri in cerca ri gloria.

Furiusu l’Orlandu contr’ô saracinu,
pigghia curaggiu ccu la spata nte manu,
Angelica dispirata nun sapi chi fari
e cerca 'i capiri unni ci abbatti lu cori.

E oggi sta storia pari ancora 'a stissa,
di 'nu puparu putenti ca canta a so’ missa,
a lu macellu manna pupi veri,
ppi la guerra unni splenni 'a luna criscenti.

Ma nun c’è chiù anùri e mancu dignità,
nta sta sfita 'i stu munnu senza pietà,
li pupa senza fila su oramai cumannati,
ppi jttari bummi e fari attintati.

E allura basta ccu sta traggedia pazza,
a jucari turnamu ccu l’opera â chiazza,
pupi finti e pupari cuntenti
e spittatura veri ca nun s’aspettanu nenti !

                                                                                                             

PUPI E PUPARI

 

Rumore di latta dietro una scena,
è pronto il puparo a dare vita ai pupi,
si apre la tenda e comincia una storia,
di donne e cavalieri in cerca di gloria.

Furioso l'Orlando contro il saracino,
prende coraggio con la spada nelle mani.
Angelica disperata non sa cosa fare
e cerca di capire verso chi batte il cuore.

E oggi questa storia sembra ancora la stessa,
di un puparo potente che canta la sua messa,
al macello manda pupi veri,
per la guerra dove splende la luna crescente.

Ma non c'è più onore e nemmeno dignità.
in questa sfida di questo mondo senza pietà,
i pupi senza fili sono ormai condannati,
per gettare bombe e fare attentati.

Ed allora basta con questa tragedia pazza,
a giocare torniamo con l'opera (dei pupi) in piazza,
pupi finti e pupari contenti.

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 184 visitatori e nessun utente online