CARDELLO GIUSEPPE

 

 

SPUNSALIZZIU

 


SPUNSALIZZIU

Superbia di li puvireddi
è ‘ncuntrarisi alliggiruti
di li cavallacci ‘mpinnacchiati
lu jornu di la figghia cu lu velu

Parenti e cumpari
pi ‘n’addenti suppa sutta ‘a preula
di li janchi tuvagghi raccamati a manu
li granni mustazzi
‘nsunsati di sucu e sapuri
ciàuru di terra siminata
mentri la sira cummogghia
li palazzi ca si sucunu la muntagna:
è lu tempu mudernu
contru la fatica buttana
da stimpirari n’a vicchiania
a pasta e ciciri

Sampugni e facci russi a scialuchìa
girutunnu di picciriddi e gran cantari
rutta, miscotta e biccheri ca cumma:

si tramanna l’antica liggenna!

                                                                     

SPOSALIZIO

Albagia dei nullatenenti
è ritrovarsi sgravati
dai moscardini a festa
il giorno della figlia in bianco

Parenti e compari
per una piccante zuppa nel pergolato
dalle capaci voglie ricamate a mano
i grandi mustacchi
maculati di caldi sapori
magnetismo dell’ultima terra
in semina
sera sui palazzi che arrancano
indiscusso progresso
alle tiranne fatiche
da stemperare nella canizie
a pasta e ceci

Zufoli e rossi pomelli in ballo
stupore della prole dai capelli a spazzola
rutti, biscotti e mescite traboccanti:

si ostenta l’atavica leggenda!

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 90 visitatori e nessun utente online