CARDELLO GIUSEPPE

 

 

PUETA

 

PUETA
(in ricordo di Ignazio Buttitta)

Sapi ca sugnu pueta quannu parru di muntagni
e di unni di lu mari ni la notti senza sonnu:
è ‘sta terra di Sicilia ca vi canta milli storii
anniati ni lu vinu pi li strati d’a mimoria

Sapi ca sugnu pueta quannu scrivu di l’amuri
e di jorna dopu jorna a sugnari li viaggi:
è lu russu di l’aranci ni li vucchi di criaturi
pirchì ancora la natura nun ha fattu tradimenti

Nun pinsati ca sugnu pueta
quannu cercu fra li stiddi
e lu ventu comu ali mi lu portu ni lu tempu:
è la vuci di la genti ca si voli libbirari
cu cent’anni di banneri e li caddi ni li mani

Nun pinsati ca sugnu pueta quannu gridu li dulura
e li figghi morti ‘nterra cu li genti a taliari:
è lu focu di vulcanu ca sturtigghia petri e celu
comu ‘n ciumi scintillanti ni lu funnu di lu cori

Nun pinsati ca sugnu pueta
quannu cantu e quannu sonu
e li chiazzi di paisi li furriu cu li versi:
è na cursa di cavaddu a circari acqua e suli
pi li campi di frummentu nte jardina di li Dei

Nun pinsati ca sugnu pueta:
tantu haiu fattu e nun haiu fattu nenti

                                                                                                      

POETA

 Non pensate che sono poeta quando parlo di montagne 

e di onde del mare nella notte senza sonno:
è questa terra di Sicilia che vi canta mille storie
annegate dentro il vino per le strade della memoria
Non pensate che sono poeta quando scrivo dell’amore
e di giorni dopo giorni a sognare i viaggi:
è il rosso delle arance nelle bocche dei bambini
perché ancora la natura non ha fatto tradimenti
Non pensate che sono poeta
quando cerco fra le stelle
e il vento come ali me lo porto per il tempo:
è la voce della gente che si vuole liberare
con cent’anni di bandiere e i calli nelle mani

Non pensate che sono poeta quando grido i dolori
e i figli morti in terra con la gente lì a guardare:
è il fuoco del vulcano che attorciglia pietre e cielo
come un fiume scintillante fino al fondo del cuore
Non pensate che sono poeta quando canto e quando suono
e le piazze dei paesi le rigiro con i versi:
è una corsa di cavallo a cercare acqua e sole
per i campi di frumento nei giardini degli Dei

Non pensate che sono poeta:
tanto ho fatto e non ho fatto niente

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 235 visitatori e nessun utente online