GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 81 visitatori e nessun utente online

KALEATTURNU

 

GRUPPO MUSICALE: KALEATTURNU

 

 

 

CANZONI

A CURUNA

AMURI CA DI NOTTI VA CANTANNU

BARBABLÙ

CANZONE DEL MAL DI LUNA

DORMI E VOLA

FAMMI RISTARI 'NTO MENZU DI TO VRAZZA

IU CA HAIU A TIA

LU FOCU DI LA PAGLIA

NICUZZA

 

tratto da: http://www.francoblandi.it/joomla/ultime/kaleatturnu.html

Il gruppo di musica popolare “Kalèatturnu nasce nel 2007. Il nome (dal greco Kalè=Bella e dall’arabo Atturnu=Serenata) è un omaggio a queste due civiltà del mediterraneo che hanno caratterizzato la storia e la cultura della Sicilia. La scelta di riproporre serenate e canti d’amore vuole ridare dignità culturale al grande ed ancora poco conosciuto patrimonio musicale siciliano, facendone riassaporare suoni, luoghi, atmosfere. Grazie ad un’attenta rilettura e ai nuovi arrangiamenti musicali, i testi tradizionali si fondono in fresche e nuove sonorità, senza intaccarne l’originalità primaria.

Giovanni Granata – Voce

Antonino Milia – Chitarra, bouzuki irlandese

Daniela Giaimo – Flauto

Billy Nocifora – Fisarmonica

Piero Scaffidi – Percussioni

Attività concertistica

2007 - Enna

2008 - San Marco D’Alunzio

2008 - Realmese (Enna) – “Teatri di Pietra” - Raduno di musicisti di musica popolare.

2009 - Rocca di Caprileone

2009 - Caronia (Castello)

Partecipazioni

Numerose le partecipazioni del gruppo ad eventi culturali e serate tematiche in contesti particolari e spesso assai suggestivi. Tra le partecipazioni più importanti:

Intervento durante la serata “La promozione turistica della Valle del Fitalia e dei Nebrodi”, durante la quale è stato presentato lo studio sulle potenzialità turistiche della Valle del Fitalia, a cura del Prof. Limosani del dipartimento D.E.S.M.A.S dell’ Università degli Studi di Messina. Durante la serata è stato proiettato in anteprima assoluta il Film Documentario “CIAULI” - su Longi e i Nebrodi (Regia di Franco Blandi, con Marilina Santoro e la partecipazione del maestro Andrea Costa, direttore della fotografia Rosario Neri)
Serata di presentazione del film Caldamore sei storie in terra di Sicilia - “Serenate d’Amore in una notte di fine agosto” presso il Castello Gallego di Sant’Agata Militello, alla presenza del regista del film Giuseppe Gigliorosso.
AIFF 2009 – Partecipazione all’Acquedolci indipendent film festival 2009 - Festival di cortometraggi indipendenti che ha visto la partecipazione di oltre 144 autori.
Colonne sonore

Il gruppo è stato coinvolto dalla TWF.it e dall’associazione URIOS nella realizzazione di alcune colonne sonore di brani di musica popolare e strumentale per i seguenti documentari e cortometraggi (regia di Franco Blandi e Marilina Santoro, con Marilina Santoro, Andrea Costa, direttore della fotografia Rosario Neri) Tra questi:

Ciauli Film Documentario su Longi e i Nebrodi;
Don Ciccino, Il cortometraggio racconta la storia di Don Ciccino, che vive ed opera a Longi, in provincia di Messina. Negli anni è diventato punto di riferimento per quanti vogliono conoscere il territorio e le montagne attorno a Longi, all’interno del Parco dei Nebrodi. La sua umanità, il suo sorriso, la sua ironia, il profondo attaccamento alla sua terra, fanno di lui uno straordinario testimone del legame tra l’uomo e l’ambiente.
Il Mugnaio, cortometraggio sulla storia di Umberto Russo, mugnaio per passione che lascia una brillante carriera di manager per tornare nel paese di Longi e a questo antico e affascinante mestiere. Innamorato del suo antico mulino a pietra, ormai uno dei pochissimi della Sicilia, produce farina di alta qualità con solo grano siciliano. Nonostante le difficoltà burocratiche ed economiche riesce nel suo intento. Una storia in controtendenza rispetto al comune sentire, intrisa di poesia e farina, che la rendono unica, come il suo protagonista.
Palazzo Zito. Una visitatrice trova riparo casualmente, durante un temporale, all’interno di “Palazzo Zito” di Cesarò e percorrendone le stanze, i saloni, scopre degli indizi che la portano ad essere il legame tra il palazzo, adibito a museo del paesaggio dei Nebrodi, e tutto ciò che c’è fuori, all’esterno: Storia, tradizioni, prodotti tipici, paesaggi, natura. Il recupero di un palazzo diventa occasione per far conoscere una Sicilia inconsueta ed un territorio ricchissimo di emergenze storiche, culturali ed ambientali.
Progetti Futuri

E’ in fase di allestimento un programma di iniziative che vedrà impegnati il gruppo dei KalèAtturnu in alcuni importanti progetti culturali promossi dall’associazione URIOS, culture, arti, solidarietà. Tra queste la partecipazione alla mostra “Nebrodi, la Sicilia che non t’aspetti” che si allestirà sia in Sicilia che in Umbria (Perugia). Inoltre sono in fase di realizzazione altre iniziative musicali e teatrali. In particolare i KalèAtturnu sono impegnati nella realizzazione di un videoclip sul brano di Francesco Giunta “Iu c’haiu a tia” che il regista Franco Blandi sta realizzando proprio in queste settimane e che sarà pronto nei primi mesi del 2010. Inoltre, i KalèAtturnu stanno lavorando agli arrangiamenti ed all’incisione dei brani per la loro prima uscita discografica.

 

 

GRUPPO MUSICALE: KALEATTURNU

 

 

 

CANZONI

A CURUNA

 

 

 

A CURUNA
O. Profazio

Assira lu me beddu vinni 'i fora
supra un cavaddu d'oru ca vulava
sutta li me finestri e li barcuna
cu un fazzulettu 'nmanu e lacrimava
S'affaccianu lu re cu la regina
"A 'sta picciotta l'hamu a 'ncurunari".
'Su picciridda e non cangiu parola
a iddu vogghiu e non vogghiu curuna".


 
 
voce - Giovanni Granata
percussioni - Massimo La Guardia
flauto - Daniela Giaimo
flauti antichi - Michele Saccone
violoncello - Santino Azzolina
bouzouki - Nino MIlia
fisarmonica - Billy Nocifora

 

 

 

 

 

GRUPPO MUSICALE: KALEATTURNU

 

 

 

CANZONI

 

BARBABLU'

 

 

 

 

BARBABLU'

Nu paisi di Petralia 
c'era un vecchiu cu varba blu,
quannu c'era china la luna
iddu parlava cu Gesù,
Ma u Signuri nun canusciva 
li turmenti di Barbablù
ca a lu venniri matinu
mancu a Diu cridiu cchiu'.
Iu canusciu la so svintura
e la cantu accussi comè
troppu beni vosi a Maria 
e sta svintura pazzia nunn’è
Cu li picuri a la muntagna
caminava tuttu lu jornu
e alla sira quannu turnava 
c’era Maria ca l’aspittava.
Quannu scinni 'ntra lu paisi
iddu passa senza taliari
e la genti dici ca è pazzu
picchi porta la varba blu.
Poi ci nasci lu picciriddu
c’era notti di Natali, c'era ventu e c'era friddu ‘nda lu cori di Barbablù
La so fimmina ci muriu
e lu figgliu ci chiangia
un ti pozzu ia lassari e vulau di Petralia
Iddu vulissi pirdunari
ma ingiuria macari a Diu, a Maria 
chiama forti, guarda la luna e sbarra l'occhi, a Maria chiama forti 
guarda la luna e sbarra l'occhi



 
 
voce - Giovanni Granata
percussioni - Massimo La Guardia
flauto - Daniela Giaimo
flauti antichi - Michele Saccone
violoncello - Santino Azzolina
bouzouki - Nino MIlia
fisarmonica - Billy Nocifora

 

 

 

 

 

GRUPPO MUSICALE: KALEATTURNU

 

 

 

CANZONI

AMURI CA DI NOTTI VAI CANTANNU

 

 

 

AMURI CA DI NOTTI VAI CANTANNU

Amuri ca di notti vai cantannu 
jù eru a 'menzu sonnu e ti sintìa 
jù eru a 'menzu sonnu e ti sintìa 

Vutai li spaddi a me maritu cantu 
cu li lacrimi all'occhi ca chiancìa 
cu li lacrimi all'occhi ca chiancìa 

La spunna di lu lettu era vagnata 
jù l'asciucava cu la vampa mia 
jù l'asciucava cu la vampa mia 

Si 'nautra vota amuri vai cantannu 
morta m'attrovi di malincunìa 
morta m'attrovi di malincunìa


AMORE CHE DI NOTTE VAI CANTANDO

Amore che di notte vai cantando 

io ero a metà sonno e ti sentivo 
io ero a metà sonno e ti sentivo 

Voltai le spalle a mio marito accanto 
con le lacrime agli occhi 'che piangevo 
con le lacrime agli occhi 'che piangevo 

La sponda del letto era bagnata 
io l'asciugavo con la vampa mia 
io l'asciugavo con la vampa mia 

Se un'altra volta, amore, vai cantando 
mi trovi morta di malinconia 
mi trovi morta di malinconia. 
 
 
voce - Giovanni Granata
percussioni - Massimo La Guardia
flauto - Daniela Giaimo
flauti antichi - Michele Saccone
violoncello - Santino Azzolina
bouzouki - Nino MIlia
fisarmonica - Billy Nocifora

 

 

 

 

 

GRUPPO MUSICALE: KALEATTURNU

 

 

 

CANZONI

 

CANZONE DEL MAL DI LUNA

 

 

 

 

CANZONE DEL MAL DI LUNA
Nicola Piovani

La luna ‘un avi ciammi e vui l’aviti
Idda I’argento e vui l’oro purtati
Idda la luci spanni
Idda la luci spanni
e vui la dati.
La luna in cielo e vui lucite in terra
Site ‘na donna di belizzi rari
E spirluciti como
E spirluciti como una lanterna
Como varca a macieddu supra mari
Como varca a macieddu supra mari
Ne lo tuo pietto
‘n aucieddo ci verna
Nella tu vucca ‘n arburi
ci arridi
Bella ca fusti fatta
Bella ca fusti
fatta in vita eterna
Tutti l’arburi sicchi
fai sciuriri
Tutti l’arburi sicchi
fai sciuriri.

 
 
voce - Giovanni Granata
percussioni - Massimo La Guardia
flauto - Daniela Giaimo
flauti antichi - Michele Saccone
violoncello - Santino Azzolina
bouzouki - Nino MIlia
fisarmonica - Billy Nocifora