GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 120 visitatori e nessun utente online

MONTI MARILENA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MARILENA MONTI

 

 

CANZONI

L'EMIGRANTI E LA VALIGIA

I PIRATI A PALERMU

LU LETTU È ROSA

MI VOTU E MI RIVOTU

SUTTA LU MARI

VURRIA DI LU TO SANGU CINCU STIZZI (CU FICI AMURI)

 

Scrittrice e cantautrice, per più di vent’anni ha curato la recitazione, la regia e le musiche di trasmissioni culturali presso la sede regionale della Rai,. Dall’89 si occupa di laboratori di scrittura creativa e produzione teatrale presso le scuole superiori. Le sono stati conferiti diversi premi e riconoscimenti per la canzone d’autore, la narrativa, la poesia, il teatro e per l’impegno sociale.Scrittrice e cantautrice, per più di vent’anni ha curato la recitazione, la regia e le musiche di trasmissioni culturali presso la sede regionale della Rai,. Dall’89 si occupa di laboratori di scrittura creativa e produzione teatrale presso le scuole superiori. Le sono stati conferiti diversi premi e riconoscimenti per la canzone d’autore, la narrativa, la poesia, il teatro e per l’impegno sociale.Dal ‘98 al 2001 è stata Direttore Artistico del Teatro Selinus di Castelvetrano dove ha svolto anche ruolo di autrice e regista. Ha pubblicato racconti, poesie, piéce teatrali. Nel 2004 riceve il PREMIO NAZIONALE LIOLA’ per il teatro. Sempre nel 2004 è stata inserita, quale esponente di chiara fama,  nell’Albo degli scrittori italiani ed europei dell’Unesco.

 

MARILENA MONTI

 

 

CANZONI

L'EMIGRANTI E LA VALIGIA

 

E un jornu pi casu ci addumannai all`emigranti:
Chi ci metti nta `sta valigia,
una valigia granni, ma spissu vacanti?
M`arrispunniu accussì allura l`emigranti:

Ci mettu la casa, ci mettu la strata
e lu barcuni di la me zita.
Ci mettu la chiazza, ci mettu l`amici
e la festa di lu me paisi.
Ci mettu la pasta, anticchia di pani,
chi dunni u travagghiu `unni lu fannu accussì.
Ci mettu la zagara rigina
la me lingua, li me canzuni.
Ci mettu la zagara rigina
la me lingua, li me canzuna

E` se sugnu scarsu, `un c`è chi fari,
se ghiri luntanu pi travagghiari,
però iu mi portu `nta `sta valigia.
li cosi cchiù beddi `un si ponnu lassari.

Ci mettu la casa, ci mettu la strata
e lu barcuni di la me zita.
Ci mettu la chiazza, ci mettu l`amici
e la festa di lu me paisi.
Ci mettu la pasta, anticchia di pani,
chi dunni u travagghiu `unni lu fannu accussì.
Ci mettu la zagara rigina
la me lingua, li me canzuni.
Ci mettu la zagara rigina
la me lingua, li me canzuna

 

 

 

 

MARILENA MONTI

 

 

CANZONI

LU LETTU E' ROSA

 

 

Ah facciuzza bedda, gioia mia 
nun mi lassari senza i tia, pirchì
pircì d'amuri staiu murennu. 

Si dici, si dici, che lu lettu è rosa
e cu nun dormi si riposa
ma iu dintra stu lettu staiu murennu.

Quannu l'amuri tuppulia
nun lu lassari 'nmezzu a via
pirchì si pigghia ...
Amuri dintra e nun vi n'addunati
lu vuliti cacciari e nun putiti
Amuri dicinu ca è amaru 
vosi pruvari si era veru 
'nda stu piccatu staiu 'mpazzennu. 

Si dici, si dici che lu lettu è rosa
e cu nun dormi si riposa
ma iu dintra stu lettu staiu murennu.

Si voi aviri spassu, 
e amari a cui nun t'ama è tempu persu
Amuri amaru, m'arricria lu cori 
e a cu ci manca mori. chi campa a fari.

Ah facciuzza bedda, gioia mia 
nun mi lassari senza i tia pirchì
pircì d'amuri staiu murennu. 

 

 

 

 

MARILENA MONTI

 

 

CANZONI

I PIRATI A PALERMU

 

 

I PIRATI A PALERMU

(Ignazio Buttitta)

Arrivaru li navi 
tanti navi a Palermu, 
li pirati sbarcaru 
cu li facci di ‘nfernu. 
N’arrubbaru lu suli, lu suli, 
arristammu allu scuru, chi scuru, 
Sicilia… chianci. 
Tuttu l’oru all’aranci 
li pirati arrubbaru 
li campagni spugghiati 
cu la neggia lassaru. 
N’arrubbaru lu suli, lu suli, 
arristammu allu scuru, chi scuru, 
Sicilia… chianci.

Li culura a lu mari 
arrubbaru chi dannu! 
su ‘mpazzuti li pisci 
chi lamentu chi fannu. 
N’arrubbaru lu suli, lu suli, 
arristammu allu scuru, chi scuru, 
Sicilia… chianci.

A li fimmini nostri 
ci scipparu di l’occhi 
la lustrura e lu focu 
c’addumava li specchi. 
N’arrubbaru lu suli, lu suli, 
arristammu allu scuru, chi scuru, 
Sicilia… chianci

I PIRATI A PALERMO


Sono arrivate le navi 
tante navi a Palermo, 
i pirati son sbarcati
con le facce d'inferno. 
Ci hanno rubato il sole, il sole, 
siamo rimasti al buio, che buio, 
oh, Sicilia… piangi. 
Tutto l'oro alle arance 
han rubato i pirati, 
le campagne spoglie 
nella nebbia han lasciato
Ci han rubato il sole, il sole, 
siam rimasti al buio, che buio, 
oh, Sicilia… piangi.

I colori del mare 
ci hanno rubato, che danno! 
i pesci sono impazziti 
che lamento che fanno. 
Ci han rubato il sole, il sole, 
siam rimasti al buio, che buio, 
oh, Sicilia… piangi.

Alle nostre donne 
han strappato dagli occhi 
lo splendore ed il fuoco 
che illuminava gli specchi. 
Ci han rubato il sole, il sole, 
siam rimasti al buio, che buio, 
oh, Sicilia… piangi.

 

 

 

 

MARILENA MONTI

 

 

CANZONI

MI VOTU E MI RIVOTU

 

 

MI VOTU E MI RIVOTU
(tradizionale)

Mi votu e mi rivotu suspirannu
passu li notti ‘nteri senza sonnu.
E li biddizzi tò iu cuntimplannu
li passu di la notti ‘nsinu a jornu.
Pi tia nun pozzu ora
cchiù durmìri
paci nun havi cchiù
st’afflittu cori.
Lu sai quannu ca iu
t’haiu a lassari:
quannu la vita mia
finisci e mori. 

 

MI GIRO E MI RIGIRO


Mi giro e mi rigiro (1) sospirando
passo le notti intere senza sonno.
E contemplando le tue bellezze
le ripenso nella notte
fino a quando fa giorno.
Per te ora non posso più dormire
pace non ha più
questo afflitto cuore.
Tu lo sai quando
dovrò lasciarti:
quando la vita mia
 finisce e muore.

1) dentro il letto