GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 100 visitatori e nessun utente online

 

ANTONIO VENEZIANO

 


 

 

POESIE

 

LA CELIA

............ PER VIDITI LU SULI, CHI GIÀ VITTI,

............S'IU MUTAI MODU, STILU, ABBITU E FORMA,

............MI RUDU, MI MINUZZU, ANZI MI STENDU

............FUI PRISU IN RISGUARDARI LA GRANDIZZA

............CHIDDA 'NGRATA, EH'È GRATA PERCH'È 'NGRATA, I

............S'IU T'AMU, LU SA AMURI, CH'A L'IMPERIU

............LÌGAMI, BENI MIU, LIGAMI E STRINCI

P

XXVIII.
Per viditi lu suli, chi già vitti, 
umbra mi fici Amuri cu la manu; 
ddà sti palori ci ritruvai scritti 
(parchi li lessi): lu sperari è invanu. 
O occhi miserabbili ed afflitti! 
O prisintusu ardiri e pocu sanu! 
Eccu chi quantu nuddu di nui critti, 
mali fu 'mpressu e peju di luntanu.

XXIX.
S'iu mutai modu, stilu, abbitu e forma,
dati la culpa a la 'nnimica mia
chi mi s'ha fattu so, e vighia o dorma,
com'un camaleonti mi varia.
Idda è regula mia, idda è mia norma
e cu la vista affettuusa o ria
mi muta, smuta, mi forma e trasforma
e quantu voli vali e fa di mia.

XXX.
Mi rudu, mi minuzzu, anzi mi stendu 
com'oru per trafilu assuttighiandu 
e non m'avvinciu mai, né mai mi rendu: 
sempri chiù disiasi l'ali spandu. 
Timu chi, comu divintau, chiangendu, 
Egeria xhiumi e vuc'Echu, gridandu, 
iu, mentri penzu e pinzari pretendi!, 
non mi risolva in pinzeri, pinzando.

XXXI.
Fui prisu in risguardari la grandizza 
di vostra divinissima figura, 
l'ebburnea frunti, la deorata trizza, 
la vucca cinta di 'mpernati mura, 
l'occhi und'Amuri cu li Grazij sgrizza 
e spira grazij e amuri a cui v'adura. 
Vui siti, donna, specchiu di biddizza, 
miraculu di Diu, d'arti e natura.

XXII.
Chidda 'ngrata, eh'è grata perch'è 'ngrata, i
ngrata ad arti e grata per natura, q
uandu cu mia si mustra chiù turbata 
e l'airu offusca d'atra neghia scura, 
tandu cu 'ngratitudini, eh'è grata, 
a un giru d'occhi un'Iridi figura, c
hi mustra la Fortuna eh'è passata 
e di bonazza proxxima assicura.

XXXIII.
S'iu t'amu, lu sa Amuri, ch'a l'imperiu 
di lu miu cori, ch'amandu s'accora; 
s'iu t'amu sa lu fermu desideriu, 
Borea, l'Austru, l'Hesperu e l'Aurora; 
s'iu t'amu e s'iu tegn'autru refrigerai, 
sallu quant'è a lu mundu dintra e fora 
e lu sa l'unu e sa l'autru emisferiu, 
e tu, patruna mia, non lu sai ancora?

XXXIV.
Lìgami, beni miu, ligami e strinci
cu middi, si non basta sulu un lazzu:
si liga cui la curti lu costrinci,
liga cui s'ha'a sirrari gamba o brazzu,
si liga in guerra cui si pighia e vinci,
liga cu' è folli e la midudda ha a sguazzu;
ed iu per lu to amuri chi m'avvinci
su' reu, su' infirmu, su' savu e su' pazzu.

                                                                                                                   

Per guardare il sole già visto, 
Amore mi fece ombra con la mano; 
li trovai scritte le seguenti parole 
(perché le lessi): è vano sperare. 
O occhi miserabili ed afflitti! 
O ardore presuntuoso e non salutare! 
Ecco che quanto nessuno di noi credette, 
male fu da vicino e peggio da lontano.

Se io cambiai atteggiamento, stile, abito e forma 
( date la colpa alla mia nemica 
che mi ha fatto suo, o vegli o dorma 
come un camaleonte mi fa cambiare. \ 
Lei è la mia regola, lei la mia norma 
e con sguardo affettuoso o colpevole 
mi cambia, ricambia, forma e trasforma 
e quanto vuole ha potere e dispone di me.ore


Mi rodo, mi spezzetto, anzi mi affilo 
come l'oro si assottiglia in fili 
e mai mi do per vinto, né mai mi arrendo: 
espando le ali sempre più bramose. 
Temo che come diventò piangendo 
Egeria fiume ed Eco voce, gridando, 
io, mentre medito e pretendo di meditare, 
non mi risolva in pensieri, pensando..


Fui preso dalla visione della grandezza 
della vostra divina figura, 
la fronte rosea, la dorata treccia, 
la bocca cinta da mura di perle, 
gli occhi dove Amore con le sue Grazie scherza 
e spira grazie e amore in chi vi adora. 
Voi siete, donna, specchio di bellezza
miracolo di Dio, di arte e natura.


Quella ingrata, che è grata di essere ingrata, 
ingrata apposta e grata per natura, 
quando meco si mostra più turbata 
ed offusca l'aria di nera oscura nebbia, 
allora con ingratitudine, che è grata, 
in un battibaleno si configura come Iride, 
che testimonia il passaggio della Fortuna |
ed assicura prossima la bonaccia.


Se io ti amo, lo sa Amore che comanda 
sul mio cuore, che amando si affigge; 
se io ti amo lo sa il fermo desiderio, 
Borea, l'Austro, l'Espero e l'Aurora; 
se io t'amo e se io tengo altro refrigerio, 
lo sa quanto è dentro e fuori del mondo 
e lo sa l'uno e l'altro emisfero, 
e tu, mia padrona, non lo sai ancora?

Legami, bene mio, legami e stringimi 
con mille lacci, se non ne basta uno solo: 
si lega chi la corte condanna, |
si lega colui al quale deve amputarsi gamba o braccio, 
si lega in guerra il prigioniero ed il vinto, 
si lega chi è folle ed ha il cervello ammalato; 
ed io per il tuo amore che mi avvince 
sono colpevole, sono ammalato, 
sono schiavo e son pazzo.