GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 170 visitatori e nessun utente online

 

ANTONIO VENEZIANO

 


 

 

POESIE

 

LA CELIA

............ACQUA, CHI DUCIMENTI MURMURANDU

............NON VOLA AMURI CHIÙ COMU SULIA,

............SU' TUTTI GRAZIJ IN VUI MANCAMENTI,

............CHIANGINU L'OCCHI MEI C'UN LARGU MARI,

............POSSIBBILI NON È, EH'AMURI CAPA

............CORI, IU MI LAMENTU ASSAI DI TIA

............CH'IU VOGHIA, DONNA, UN'AUTRA DONNA AMARI,

XXXV.
Acqua, chi ducimenti murmurandu 
per undi passi ti smauti la via, 
criju, per zertu, chi ti vai avantandu 
chi fusti specchiu di la ninfa mia 
e di chiù criju chi vai convitandu 
ch'ogn'unu vegna a gustari di tia, 
perchì ti detti, standusi lavandu, 
parti di chidda grazia c'havia.

XXXVI.
Non vola Amuri chiù comu sulia, 
comu sulia chiù non firixxi Amuri, 
chi s'ha spinnatu già l'ali c'havia 
per farindi a li strali impinnaturi; 
e di ddi strali fa coccanu a mia, 
iu li colpi ndi patu, iu li punturi. 
Ci noci sta superchia tirannia, 
chi si pat'iu, già l'autri su' sicuri.

I
Su' tutti grazij in vui mancamenti, 
e non vi sdici mai cosa nixxuna, 
comu li macchi rari e non lucenti 
fannu la facci bedda di la luna. 
Iu di lu multu allegru e di lu nenti 
satura fingiu la menti dijuna; 
puru a lu struzzu, a l'occhiu di l'agenti, 
lu stissu ferru nutrimentu duna.

Chianginu l'occhi mei c'un largu mari, 
suspira la mia vucca un forti ventu 
ed iu forzatu su' di navigari 
senza nudda spiranza ed argumentu. 
A veli di fortuna haiu a passari, 
li mei spiranzi a lu bramatu intentu; 
dubbitu, innanti chi vegna a 'rrivari, 
non perda la spiranza, vita e intentu.

III.
Possibbili non è, eh'Amuri capa
undi la Gilusia si ci arricoghi:
pari chi lu gilusu sempri rapa
suspettu umbrusu, bruttu intentu e 'mbroghi.
A puntu un veru amanti è comu l'apa:
li xhiuri xhiuri di li cimi coghi,
servi e cu meli la patruna accapa
e si conforma in tuttu a li soi voghi.

IV.
Cori, iu mi lamentu assai di tia 
e di lu timirariu to disiu, 
ch'hai havutu ardiri d'amari 
una dia di cui non è dign'homu, ezzettu un diu: 
ti pregu, lassa tali fantasia, 
specchiati 'n cui vulau e poi cadiu, 
chi si troppu ti dura sta pazzia, 
l'erruri to sarrà lu dannu miu.

V.
Ch'iu voghia, donna, un'autra donna amari, 
non placia a Diu, ch'iu fazza tali erruri, 
chi un'alma 'ntra dui corpi non pò stari, 
né serviri pò un servu a dui signuri: 
l'acqua si purrà in focu trasformari, 
lu iornu in notti e la notti in sblenduri, 
ma no' ch'a lu miu cori pozza 'ntrari 
nixxuna nova spezie d'auri.

          

Acqua, che dolcemente mormorando 
per dove passi tracci il tuo corso, 
credo, certamente, che ti vanti 
che fosti specchio della mia ninfa 
e inoltre credo che vai invitando c
he ciascuno venga a gustarti, 
perché ti diede, mentre si lavava, 
parte di quella grazia che aveva.


Non vola più Amore come soleva, 
non ferisce più come soleva Amore, 
che si è già tolte le ali che aveva 
per fare penne alle sue frecce; 
e mi rende bersaglio di quelle frecce, 
io ne soffro i colpi, io le punture. 
Nuoce tal superflua tirannia, 
che mentre io soffro, gli altri sono già al sicuro.


Sono tutte grazie in voi le colpe,
e nessuna cosa mal vi si addice, |
come le poche e non lucenti macchie 
fanno bella la faccia della luna. 
Io di molta allegria e di niente 
immagino satura la digiuna mente; 
anche allo struzzo, agli occhi della gente, 
lo stesso ferro da nutrimento.


Piangono i miei occhi e fanno un largo mare, 
sospira la mia bocca un forte sospiro 
ed io costretto sono a navigare 
senza alcuna speranza e ragione. 
Con vele di fortuna, debbo passare
le mie speranze al bramato intento 
temo che, prima che possa arrivare, 
io perda la speranza, la vita e lo scopo.


Non è possibile che Amore entri 
dove si stanza la Gelosia: 
sembra che il geloso sempre nutra 
nero sospetto, brutto scopo ed imbrogli. 
Appunto un vero amante è come un'ape: 
coglie il fior fiore delle cime, 
serve e con il miele si ingrazia la padrona 
e si uniforma del tutto alle sue voglie.


Cuore, mi lamento assai di te 
e del temerario tuo desiderio, 
che hai avuto l'ardire di amare una dea 
di cui non è degno un uomo, se non è un dio: 
ti prego, lascia tale illusione, 
specchiati in chi osò volare e poi cadde, 
che se troppo ti dura codesta pazzia, |
il tuo errore sarà a mio danno.


Che io desideri, o donna, amare un'altra donna, 
Dio non voglia, che io incorra in tale errore, 
che un'anima non può stare in due corpi, 
né un servo può servire due padroni: 
l'acqua si potrà trasformare in fuoco, 
il giorno in notte e la notte in splendore, 
ma non che nel mio cuore possa entrare |
nessuna nuova specie di amore.