GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 276 visitatori e nessun utente online

 

ANTONIO VENEZIANO

 


 

 

POESIE

 

LA CELIA

............ PETRI, CHI FRABBICATI L'AUTI MURA

............ PIANETA UND'HANNU IORNU L'OCCHI MEI

............ CHISS'OCCHI, BENI MIU, CH'A UN SULU CENNU

............ DI POI CHI PERSI, NÉ SPERU CHIÙ HAVIRI

............ PASSA LU TEMPU MIU DI MALI 'N PEIU

............ LU CORI MIU IN VIDIRTI CURSI A TIA

Petri, chi frabbicati l'auti mura, 
undi lu beni miu chiusu tiniti, 
comu (secundu la vostra natura) 
a lu gran focu miu non vi cuciti? 
Com'a li mei suspiri c'è dimura? 
Com'a lu chiantu miu lippu facili? 
A chi occultarmi l'amata figura 
vui, chi né gustu, né sensu nd'haviti?

XXIII.
Pianeta und'hannu iornu l'occhi mei,
cui di Paspettu to mi fici fori? 
O filici tri voti amanti, e sei, 
c'havendu a 'mpijurari, primu mori. 
Benchì per sorti e voghia di li dei 
tu si 'n Sicilia ed iu 'n terra di Mori, 
t'aduru cu li spirti af flitti e rei: 
zecchi non pò lu corpu, fa lu cori.

XXIV.

Chiss'occhi, beni miu, ch'a un sulu cennu,
comu a lu suli nivi, mi disfannu,
su' l'archi, d'undi li strali mi vennu
chi chiaga e 'nguentu a lu cori mi fannu:
su' chiavi, ch'in putiti so mi tennu,
di cui li spirti mei quali tat'hannu;
su' dui poli fermati, chi sustennu
lu celu, in cui tutti li grazij stannu.

XXV.

Di poi chi persi, né speru chiù haviri
chidda, per cui campava consulatu,
cori, chi senti? Peni. Occhiu, chi miri?
Tenebri. Auricchia, ch'audi? Chiantu e urlatu.
Yucca, chi gusti? Tossicu e suspiri.
Chi prov'anima? Guai. Tu, xhiatu? Patu.
E comu siti vivi a sti martiri:
Cori, occhiu, auricchia, vucca, anima e xhiatu?

XXVI.

Passa lu tempu miu di mali 'n peiu 
e da vui 'nvanu speru ajutu o bramu; 
fu per mia (lu confessu e lu conceiu) 
la vostra vista lu pumu d'Addamu. 
Punì fra Scilla e Cariddi mi reiu: 
oddiu la vita e la morti non chiamu. 
Comu scuntenti e miseru mi xhieiu 
e m'amu sulamenti parchi v'amu.

XXVII.
Lu cori miu in vidirti cursi a tia, 
m'abbandunau, né mancu dissi a Diu; 
lu to, auteru, non vosi cumpagnia, 
vinni a regnari ddà und'era lu miu. 
Di poi chi c'è stu truccu fra tia e mia, 
chi un cori, und'era l'autru ddà curriu, 
oddijar'iu per zertu diviria, 
tu amari a chiddu modu, chi fazz'iu.

Pietre, che formate le alte mura, 
dove il mio bene tenete prigioniero, 
come (secondo la vostra natura) 
non vi cocete al mio gran fuoco [di amore]? | 
Come indugiate ai miei sospiri? 
Come resistete al mio pianto? 
Perché nascondermi l'amato aspetto 
voi che, né piacere, né intenzione avete?

Pianeta dove vedono la luce i miei occhi,
chi mi sottrasse al tuo aspetto? 
O felice tre volte e sei quell'amante 
che, dovendo peggiorare, prima muore. 
Benché per sorte e volontà degli dei 
tu sei in Sicilia ed io in terra di Turchi; 
ti adoro con tutto il mio spirito afflitto e reo: 
ciò che non può il corpo, fa il cuore.


Godesti occhi, bene mio, che ad un sol cenno, 
come la neve al sole, mi disfanno, 
sono gli archi, donde mi giungono i dardi 
che al cuore mi producono piaghe ed unguenti: 
sono chiavi, che mi hanno in loro potere, 
di cui il mio spirito ha la [stessa] qualità; 
sono due poli fermi, che sostengono 
la volta celeste, in cui albergano tutte le grazie.

Dopo che ho perduto, né spero più possedere
colei, per cui vivevo contento, 
[cuore, che senti? Pene. Occhio, che guardi? 
Tenebre. Orecchio, che ascolti? Pianto e urla. 
Bocca, che gusti? Veleno e sospiri. 
Che provi anima? Guai. Tu, fiato? Soffro. 
E come siete vivi dopo questi tormenti: 
cuore, occhio, orecchio, bocca, anima e fiato?



Il mio tempo trascorre di male in peggio 
e da voi invano spero o desidero aiuto: 
fu per me (lo confesso ed ammetto) 
la vostra vista simile al pomo per Adamo. 
Anche fra Scilla e Cariddi mi porto: 
odio la vita e la morte non invoco. 
Come mi odio, scontento e misero, |
così mi amo soltanto perché vi amo.



Il mio cuore appena ti vide corse da te, 
mi abbandonò, neppure disse addio; 
il tuo, altero, non volle compagnia, 
e venne a regnare là dove era il mio. 
Poiché vi è questo trucco fra te e me, 
che un cuore corse là dove era l'altro
io dovrei per certo odiare, 
tu amare a quel modo come faccio io.