RUSSO CATERINA

 

POESIE

 MATRI TERESA

 

 

MATRI TERESA

Alligrizza purtasti unni c'era duluri,
u povìru e malatu abbrazzasti
e mai ribrezzu pruvasti,
i ciai chi carizzi curavi
e spiranza davi.
Nill'urtimu viaggiu l'accumpagnavi
e quannu a vista di l'occi l'abbannunava
a luci du to amuri s'addumava.
Matri Teresa,
quannu tu vinisti a mmancari
u Diu ca tistimuniasti isti a ncuntrari.
Biata ora tu sì e nui a suffriri
ni stu munnu duluri, fami,
guerri e malatii.
Unn'è Diu? grida l'omu dispiratu.
Unni c'è carità c'è Diu nzignasti
tu ca matri di carità fusti.
E pi chistu laudata sì 'ncelu, 'nterra
… sempri.

                                        

MADRE TERESA 

Allegrezza portasti dove c'era dolore,
il povero e l'ammalato abbracciasti
e mai ribrezzo provasti,
le piaghe con le carezze curavi
e speranza davi.
Nell'ultimo viaggio l'accompagnavi
e quando la vista degli occhi l'abbandonava
la luce del tuo amore s'accendeva.
Madre Teresa
quando sei venuta a mancare
il Dio che hai testimoniato andasti ad incontrare.
Beata ora tu sei e noi a soffrire,
in questo mondo dolore, fame, guerre e malattie.
Dov'è Dio? grida l'uomo disperato.
Dove c'è carità, lì c'è Dio, insegnasti
tu che Madre di carità fosti.
E per questo lodata sei in cielo, in terra
… sempre

                                         

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 109 visitatori e nessun utente online