RUSSO CATERINA

 

RUSSO CATERINA

 

POESIE

E' VERU TUTTU CHISTU?

 

E' VERU TUTTU CHISTU

Stamatina prestu mi susivu,
scurusa si prisintau a iurnata,
a neglia u cielu e u mari s'aggliuttia.
"Chi fu, chi succidia?"
dissu 'nfra di mia.
U suli si nià di dari luci
e u munnu scumparia?
Persa mi 'ntisu
quannu a neglia
puru nu ma cori mi trasia.
Longu mi parsa ddru mumentu
e mai finiva.
Allura pruvavu a 'mmaginari na luci
ca a sciumara
supra u cielu e u mari si ittava.
Tanti varcuzzi si vittiru 'n prucissioni
e u scrusciu di l'unni
pariva 'n' armunia.
"E veru tuttu chistu?" mi dissu.
Tantu cu pinzeri ia pozzu fari? 

                                                                                             

 

 

E' VERO TUTTO QUESTO?

Stamattina presto mi sono alzata,
uggiosa si è presentata la giornata,
la nebbia il cielo e il mare ha inghiottito.
"Cosa è stato, cosa è successo?"
ho detto dentro me.
Il sole si è negato (di dar luce)
e il mondo è scomparso?
Smarrita mi sentivo
quando la nebbia
ha invaso pure il mio cuore.
Lungo mi è parso quel momento
e non finiva mai.
Allora ho provato ad immaginare una luce
che come fiumana
sopra il cielo e il mare si versava.
Tante barchette si son viste in processione
e il rumore delle onde
sembrava un'armonia.
"E vero tutto questo?" mi son chiesta.
Tanto può il mio pensiero?

 

In questa poesia si evidenzia la simbiosi tra natura
ed anima e lo stupore per la scoperta dell'energia
vitale e della capacità creativa del pensiero

 

 

 

RUSSO CATERINA

 

POESIE

A MA VITA È COMU UN SCIUMI

A SIRA È DUCI ASSAI

A SPRANZA D'UN VECCIU PICURARU

CH'ERA BEDDU

E' VERU TUTTU CHISTU?

MAI TI LASSU

MATINA D'ATTRI TEMPI

MATRI TERESA

QUANNU CODDA U SULI

UN TI NIARI

ZZI' MICHELE

 

 CATERINA RUSSO
E' nata e viva a Licata ( AG). Insegnante in pensione,
si dedica alla pittura, alla poesia e alla prosa.
Ha partecipato a concorsi letterari regionali e nazionali e ha conseguito i seguenti premi per la poesia:
XXIX Premio Mercede Mundula: seconda classificata.
Premio Poesia Arte, Donna 8 marzo Associazione Paideia Comune di Licata: prima classificata.
Premio regionale UNITRE' 2004 Catania: terza classificata
Premio Dacia Maraini 2011 : seconda classificata.
Memorial Rosa Balistreri 2004 Licata : prima classificata.
Memorial Rosa Balistreri 2005 Licata : quarta classificata.
Memorial Rosa Balistreri 2007 Licata : quinta classificata.
Memorial Rosa Balistreri 2013 Licata : seconda classificata.
Racconti e poesie sono stati pubblicati in antologie letterarie, delle quali qualcuna di supporto didattico nelle scuole.
Sue tele sono state esposte in mostre collective e per la Biennale International Art Sezione Italia, 2007, conseguendo un premio..

 

RUSSO CATERINA

 

POESIE

'A SIRA È DUCI ASSAI

 

'A SIRA È DUCI ASSAI

'A sira è duci assai,
mi fa scurdari tutti i guai.
Quannu è tempu di stasciuni,
pi gudirimi'a frescura
doppu u 'gnornu
di calura,
fora m'assettu
pi rripusari
e u celu mi mettu a taliari.
Cueta mi sentu
comu u mari
quannu u ventu cala.
Na vota 'i me anni ca passunu
mi misu a pinzari.
Ognunu, mi dissu,
è comu na stidda ca cada.
Picca ni restunu 'n celu,
oramai.
Prima ca l'urtima cada,
se o scuru
pi sempri
nun vogliu rristari,
a luci du cori
mi cummena addumari.

                                                                                                                  

LA SERA È ASSAI DOLCE

 

La sera è assai dolce,
mi fa dimenticare tutti i guai.
Durante l'estate,
per godermi la frescura
dopo un giorno
di calura,
mi siedo fuori
per riposare
e guardo il cielo.
Mi sento tranquilla
come il mare
quando cala il vento.
Una volta ai miei anni che passano
cominciai a pensare.
Ognuno, dissi a me stessa,
è come una stella che cade.
Poche ne restano in cielo,
ormai.
Prima che l'ultima cada,
se al buio
per sempre
non voglio restare,
la luce del cuore
mi conviene accendere

                                                                                                                 

 

 

 

RUSSO CATERINA

 

POESIE

A MA VITA E' COMU UN SCIUMI

 

A MA VITA E' COMU UN SCIUMI

Alivoti, mi capita d'essiri cunfusu,
tanti pinseri mi passunu 'pa testa
e un 'jornu ca u cori mi sentiva ciusu,
a zonzu mi misu a caminari.
Arrivavu o sciumi,
mi firmavu
e a fissu mi misu a taliari,
di 'zzoccu vi staiu 'pi diri m'innaddunavu:
l'acqua ca scurra un'n'è mai a stessa,
dappressu si porta petri, rami, cuticci,
n'abbannùna accadùnu na riva
e attri n'agliùtta,
in certi punti va di cursa
ciù adasciu in attri
e a pò torna cueta.
Sempri trova a strata pu mari.
A stu puntu mi vinna di pinsari:
a ma vita è comu stu sciumi,
un n'è sempri a stessa.
Ah! Quanti mumenti aiu passatu,
mumenti boni e di timpesta.
Ma pi fortuna a ma strata aiu
sempri truvatu,
anchi se pi muntagni e pinnini
aiu passatu.
E allura ca fari?
Mi cummena ascutari chiddu ca vita
sirvennusi du sciumi mi vo diri:
"I cosi tinti jetta annarreri,
vattinni tranquilla
e lassiti iri".

                                                                                             

 LA MIA VITA E' COME UN FIUME

 

A volte, mi capita d'essere confuso,
tanti pensieri mi passano per la testa
ed un giorno che il cuore mi sentivo chiuso,
a zonzo mi misi a camminare.
Arrivai al fiume,
mi fermai
a fisso mi misi a guardare,
di quello che sto per dirvi me ne accorsi:
l'acqua che scorre non è mai la stessa,
dappresso si porta pietre, rami, pietre lisce,
qualcuna l'abbandona nella riva
ed altre ne inghiotte,
in certi punti va di corsa
più adagio in altri
e dopo torna quieta.
Sempre trova la strada per il mare.
A questo punto mi venne di pensare:
la mia vita è come un fiume,
non è sempre la stessa.
Ah! quanti momenti ho passato,
momenti buoni e di tempesta.
Ma per fortuna la strada ho
sempre trovato,
anche se per montagne e pendii
ho passato.
Ed allor a cosa fare?
Mi conviene ascolatre quello che la vita
servendosi del fiume vuole dirmi:
"Le cose brutte buttale di dietro,
vattene tranquilla
e lasciati andare".

                                                                                                                 

 

 

 

RUSSO CATERINA

 

POESIE

 SPRANZA D'UN VECCIU PICURARU

 

 

A SPRANZA D'UN VECCIU PICURARU

"Mi sentu oj 'niticiniri",
dìcia un vecciu picuraru,
"è meglio ca mi 'ncarcu a birritta
e m'abbuttunu a bunaca
pa difennimi da botta di jìlata
ca martoria tutta sta vallata".
Poveri pecuri, angugnativi,
e l'urtima ucciatedda
di suli pigliativi assemi a mia.
Sintiti quantu è duci,
pari zuccuru di taralluci.
E un 'mparlamu di culuri
ca 'n cielu stampa
mentri sparda l'urtimu arduri.
"U suli è comu a ma vicciaina",
ascutati, picureddi,
chiddu ca vi dicu,
anchi, se capiri un 'mputiti,
"un 'si vò arreniri mai",
Quannu ia viu 'na fimmina
u ma cori suspira
e ammatula s'arrivudda,
ma lassatimi spuari:
"Ah, 'ngannusa, 'ngannusa vita,
tantu mi pirmittisti e a nenti t'arriducisti"…
forsi fuvu ia
ca un 'nti sappu aggarrari…
ma, abbancuntu,
lassimi a fini a "spranza"
di tanticchia luci 'na ma notti vidiri
e faccia a faccia
ca "Verità" truvarimi!

                                                                                                                  

 

LA SPERANZA DI UN VECCHIO PECORAIO

Oggi sono intirizzito,

dice un vecchio pastore,
è meglio che calco il berretto
e abbottono la giacca
per difendemi dal colpo di gelo
che infastidisce tutta questa valle.
Povere pecore, avvicinatevi.
e l'ultimo raggio di sole
prendetevi insieme a me
Sentite quanto è dolce,
sembra zucchero di tarallucci.
E non parliamo dei colori
che in cielo stampa
mentre consuma gli ultimi ardori.
Il sole è come la mia vccchiaia,
ascoltate, pecorelle,
quello che vi dico,
anche se capire non potete,
"non si vuole arrendere mai"
Quando io vedo una donna
il mio cuore sospira
e inutilmente ribolle.
ma lasciatemi sfogare.
Ah; ingannevole, ingannevole vita.
tanto mi hai promesso
e a niente ti sei ridotta.
forse sano stato io
che non ti ho saputo afferrare...
ma, a buon conto,
lasciami alla fine la speranza
di un pò di luce nella mia notte vedere
e faccia a faccia
con la "Verità" trovarmi.

                                                                                                                 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 102 visitatori e nessun utente online