RUSSO CATERINA

 

POESIE

 CODDA U SULI

 

 

QUANNU CODDA U SULI

Quannu coddra u suli,
u cielu a picca a picca s’ascura,
cumparunu i primi stiddri,
si carma a calura;
è chistu u mumentu d’un pinzari
e du misteru lassarisi affirrari,
nu mentri peni e stanchizzi
assemi o suli fari calummari.
U mari finiscia di sbattuliari,
ni varcuzzi s’agnuninu i gabbiani,
u piscaturi pi l’urtima vota i talia
e cu so sacchiteddru d’annunnati*
a casa s’allesta a turnari.
Quannu coddra u suli
e a pò a sira cala,
cu silenziu u cori di l’omu
si metta a parlari.
Se iddru ci dassa odenzia,
a filicità forsi a do passi ‘ncuntrassa.

* pesce di pochi giorni e per questo chiamato” neonata”

                                                                                                                  

QUANDO TRAMONTA IL SOLE

 

Quando tramonta il sole,
il cielo a poco a poco si oscura
compaiono le prime stelle
si calma la calura;
è questo il momento di non pensare
e dal mistero lasciarsi avvolgere
e nello stesso momento
pene e stanchezze
insieme al sole fare sprofondare
Il mare finisce di sbattere (si calma),
nelle barchette
si nascondono i gabbiani,
e il pescatore li guarda
per l'ultima volta
e con il suo sacchettino
pieno di neonata
a casa s'affretta a tornare.
Quando tramonta il sole
e poi cala la sera
con il silenzio il cuore dell'uomo
comincia a parlare
Se egli lo ascoltasse
la felicità forse a due passi incontrerebbe.

                                                                                                                 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 46 visitatori e nessun utente online