GULLOTTO SANTINA

 

POESIE

A FUNTANELLA RA ME SRATA

 

 

 

 

A FUNTANELLA RA ME SRATA

A funtanella scrusciava scrusciava
‘nde cavudi notti r’estati
quannu i finrìesri si tignievunu aperti
picchi ‘ntrasissi ‘l'aria frisca e purita...
U zampillari ri l’acqua ra funtanella
chi ne notti r’estati rumpia u silenziu
sapia ri paci e ri sicurizza
sapia ri sana vita chi passa
‘nda carma ri tempi iuti...
Erunu allura l’anni Cinquanta
com’eranu belli l’anni ru passatu
u ricordu r'un tempu ferici
un tempu chi ‘non torna...
Ogni jornu da funtanella
si jucava cu i schizzi ri l’acqua
ci si bagnava e si sciucava
cu lu suri chi ancora brillava...
Lu suri brillava ri limpira luci
‘nda l’aria trasperenti e cristallina...
E a funtanella scrusciava scrusciava
‘ndo silenziu ra me strata...

                                                     

LA FONTANELLA DELLA MIA STRADA.

 

La fontanella scrosciava, scrosciava
nelle calde notti d’ estate
quando le porte dei balconi si lasciavano aperte
perché entrasse l’aria fresca e pulita…
Lo zampillio dell’acqua della fontanella
che nelle notti d’ estate rompeva il silenzio
sapeva di pace e di sicurezza
sapeva di sana vita che passa
nella calma dei tempi andati…
Erano allora gli anni cinquanta,
com’erano belli gli anni passati
il ricordo di un tempo felice
di un tempo che non ritorna….
Ogni giorno nella fontanella
si giocava con gli schizzi d’acqua,
ci si bagnava e poi si asciugava,
con quel sole che allora brillava…
Quel sole brillava di limpida luce,
nell’aria trasparente e cristallina…
E la fontanella scrosciava, scrosciava,
nel silenzio della mia strada…

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 311 visitatori e nessun utente online