GULLOTTO SANTINA

 

GULLOTTO SANTINA

 

POESIE

A FUNTANELLA RA ME SRATA

A TIA REGINA RI BIDDIZZI

A UNNI ARRIVAMMU

RICORDU RU PASSATU

QUANNU SENTI A MALINCUNIA

SICIRIA TERRA D'AMURI

STU RANNAZZU SCURU SCURU

STU SURI NON SI STUTA

TERRA RI CANTANTI, POETI E PITTURI

U TRARITURI


SANTINA GULLOTTO, nata a Randazzo il 06-12-1953.
Randazzo paese magnifico ai piedi del maestoso Etna, situato nella valle dell’alcantara tra i Nebrodi e i verdeggianti paesi Etnei, come un giardino fiorito i suoi panorami non deludono mai. Cittadina medievale ricca di storia e di chiese antiche, chiamata una volta il paese dalle cento chiese, alcune di esse costruite dai Saraceni con enormi blocchi di pietra lavica tagliata a mano, visitata da turisti di tutto il mondo. Con la passione di sempre per la pittura, ho riempito le pareti della mia casa, con dei quadri olio su tela fatti da me che rappresentano i vari paesaggi che mi circondano.
Amo la lettura e la poesia. Ho cominciato a scrivere alcune poesie all’età di trent’anni, il maggior numero in questi ultimi anni molto dolorosi della mia già travagliata vita. Ho scritto la storia della mia vita. (L’onore e la dignità e le nuvole che corrono). Spero di avere prima o poi la possibilità di pubblicarli.
Fino l’età di diciotto anni ho vissuto a Randazzo, sposata poi mi sono trasferita per nove anni a Catania dove lavorava mio marito Franco, lì sono nati i miei tre figli, Davide, Cinzia e Alessandro. Sono tornata ad abitare a Randazzo nella stessa casa dove abitavo da ragazza e vi abito tutt’ora con la famiglia e la mia unica nipotina Miriam. Ho svolto il mio lavoro di sarta sempre in casa, per seguire meglio la famiglia, ho confezionato abiti personalizzati disegnati da me anche da uomo e da sposa. Amo cucinare e la buona cucina, ho realizzato alcune ricette inventate da me ed ho rivisitato le ricette della nonna modernizzandole, riscuotendo l’approvazione dei giovani amici miei e dei miei figli.

 

GULLOTTO SANTINA

 

POESIE

A FUNTANELLA RA ME SRATA

 

 

 

 

A FUNTANELLA RA ME SRATA

A funtanella scrusciava scrusciava
‘nde cavudi notti r’estati
quannu i finrìesri si tignievunu aperti
picchi ‘ntrasissi ‘l'aria frisca e purita...
U zampillari ri l’acqua ra funtanella
chi ne notti r’estati rumpia u silenziu
sapia ri paci e ri sicurizza
sapia ri sana vita chi passa
‘nda carma ri tempi iuti...
Erunu allura l’anni Cinquanta
com’eranu belli l’anni ru passatu
u ricordu r'un tempu ferici
un tempu chi ‘non torna...
Ogni jornu da funtanella
si jucava cu i schizzi ri l’acqua
ci si bagnava e si sciucava
cu lu suri chi ancora brillava...
Lu suri brillava ri limpira luci
‘nda l’aria trasperenti e cristallina...
E a funtanella scrusciava scrusciava
‘ndo silenziu ra me strata...

                                                     

LA FONTANELLA DELLA MIA STRADA.

 

La fontanella scrosciava, scrosciava
nelle calde notti d’ estate
quando le porte dei balconi si lasciavano aperte
perché entrasse l’aria fresca e pulita…
Lo zampillio dell’acqua della fontanella
che nelle notti d’ estate rompeva il silenzio
sapeva di pace e di sicurezza
sapeva di sana vita che passa
nella calma dei tempi andati…
Erano allora gli anni cinquanta,
com’erano belli gli anni passati
il ricordo di un tempo felice
di un tempo che non ritorna….
Ogni giorno nella fontanella
si giocava con gli schizzi d’acqua,
ci si bagnava e poi si asciugava,
con quel sole che allora brillava…
Quel sole brillava di limpida luce,
nell’aria trasparente e cristallina…
E la fontanella scrosciava, scrosciava,
nel silenzio della mia strada…

 

 

GULLOTTO SANTINA

 

POESIE

A UNNI RIVAMMU

 

 

A UNNI RIVAMMU.

Quannu eru piccirilla,
sta vita mi simbrava
già na srata tutta ri chianata...
Ma no mi putia magginari
finu a quari puntu si putia rivari...
Quannu eru piccirilla
da srata si iucava, si cantava
e tuttu semplici simbrava...
Quannu rivava a duminica
sempri festa era...
U vestitinu nuovo mi mintia
pi iri da chiesa e poi o mercatu...
Era sempri chillu u vestitinu
chi me suori sevia misu
fina chi curtu ci divintau...

Ora unni si rivau...
Cu telefoninu a ricchia
c’è pifinu u chiu puvuriellu...
E ciannu puri laipad, pifina i piccirilli,
maginativi i ranni chi ni cangianu unu ogni simana,
senza pinsarici du votti....
e ca chi rivammu e chi vi spiettu,
no pensu chi si po chiui iri avanti...

                                                     

DOVE SIAMO ARRIVATI.

Quando ero piccola
questa vita mi sembrava già
una strada tutta in salita....
Ma non potevo immaginare
fino a che punto si poteva arrivare...
Quando ero piccola
nella strada si giocava, si cantava
e tutto semplice sembrava...
Quando arrivava la domenica
sempre festa era...
Il vestitino nuovo mi mettevo
per andare in chiesa e al mercato...
Era sempre quello il vestitino
che mia sorella si era messo
fino che corto le era diventato...

Ora dove si è arrivati...
col telefonino all’orecchio
c’è perfino il più poveretto...
Hanno pure l’aipad perfino i più piccoli...
Figuriamoci i grandi che ne cambiano
uno alla settimana,
senza pensarci due volte...
E qua siamo arrivati, e qua vi aspetto...
non penso che si può più andare avanti...

                                                                                                             

 

GULLOTTO SANTINA

 

POESIE

A TIA REGINA RI BILLIZZA

 

 

A TIA REGINA RI BILLIZZA.

A tia chi hai billizzi
chi tutti ti nvirianu,
a tia chi de to muntagni
hai i cururi chiu belli ri un pitturi,
chi hai lu suri chi brilla tuttu l’annu
tra i rami ru boscu o tramunnu
fa lu spittacuru chi nun uguari o munnu ...

A tia chi non hai bisognu
ri srati sfartati pi essiri
circata ri tutti li turisti...
A tia chi hai lu mari
quasi sempri tersu,
a tia regina ru vurcanu,
regina ri li sciuri raranci e ri limuni
chi cu so prufumu ti nibria....
...

A tia chi si a regina ri regini
comu na perla rara ri lu mari,
si propriu là unni cantanu i sireni,
na ducci miludia chi ncanta u cuori
e fa ri nosri iorna, iorni spiciari.

                                                     

A TE REGINA DI BELLEZZA.

A te che hai bellezze
che tutti ci invidiano,
a te che nelle montagne
hai colori più belli di un pittore,
che hai il sole che brilla tutto l’anno
tra i rami del bosco al tramonto
fai lo spettacolo che non ha uguali al mondo...
...
A te che non hai bisogno
di strade asfaltate,
per essere cercata
da tutti i turisti ...
A te che hai il mare
quasi sempre terso,
a te regina del vulcano,
regina dei fiori degli aranci e dei limoni
che col suo profumo ti inebria...
...

A te che sei la regina delle regine,
come una perla rara del mare,
sei proprio l・dove cantano le sirene,
una dolce melodia che incanta il cuore,
e fa dei nostri giorni, giorni speciali..

 

 

GULLOTTO SANTINA

 

POESIE

RICORDU RU PASSATU

 

 

RICORDU RU PASSATU

Guardu u munti quannu fuma…
Guardu u sciummi quannu scurri
scuttu u ventu quannu canta
tra li fuogghi ru sambucu…
Tuttu sembra na miludia
anchi se chiù malincunia
quannu canta a ninna nanna…
chilla chi cantava na mamma
quannu ndrummintava u so piccirillu…
Ni la notti calma, calma,
quannu non c’eruni rumiri,
passavanu suru i bicicletti
i sciccarelli e li imenti…
Si sintia na funtanella
do silenziu chi scrusciava
ca so acqua chi curria….

                                                                                                            


RICORDO DEL PASSATO.

Guardo il monte quando fuma ..
Guardo il fiume quando scorre,
ascolto il vento quando canta
tra le foglie del sambuco...
Tutto sembra una melodia,
anche se è più malinconia
quando canta la ninna nanna...
quella che cantava una mamma,
quando addormentava il suo piccolino...
Nella notte calma calma,
quando non c’erano rumori,
passavano solo le biciclette,
l’asinelli e le giumente..
Si sentiva una fontanella
nel silenzio che scrosciava
con la sua acqua che scorreva.

                                                                                                             

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 42 visitatori e nessun utente online